Utente 114XXX
Buongiorno....sono un ragazzo di 32 anni.giorno 19 maggio mi sono operato di emorroidi di 2°-3° interne ed esterne con il metodo di Millingan-Morgan . Sono passati ormai otto giorni dall'operazione ed ho ancora forti dolori perenni più quelli atroci quando vado al bagno a defecare. Vorrei sapere quanto dovrò aspettare prima che i dolori costanti diminuiscano e poi quelli che ho quando vado al bagno a defecare. Poi un altro problema che riscontro e che ogni volta che vado a fare Pipì , quando sto per finire mi si chiude in maniera repentina ed involontaria lo sfintere e quindi ho dolore. E' normale?Poi un'altra domanda e quanto passa più o meno affinchè i punti interni cadano da soli? Come ultime domande le vorrei chiedere quanto passa più o meno per l'effettiva guarigione e poi quanto tempo dovrò aspettare perpoter andare al mare e poi cominciare con l'attività sportiva. Grazie per l'attenzione e mi scuso per tutte le mie domande. Grazie .

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signore
per quanto immaginabile non è possibile fornirle una risposta prcisa che solo chi la ha operata conosce.
In linea di massima dopo l'asportazione dei gavoccioli emorroidari un periodo di disturbi locali con talora emissione di sangue per 15-20 giorni viene considerato "quasi" normale.
In questi periodi si consigli a di bvere molta acqua ed assumere olio di vasellina per rendere meno cruento il passaggio delle feci in corrispondenza del tratto operato. Stesso periodo anche per la caduta dei punti interni.
La guarigione avviene per progressione in un tempo estremanmente variabile da soggetto a soggetto, in funzione anche della estensione dell'intervento, e va da alcune settimane a qualche mese.
Per quanto riguarda il disturbo urinario infine potrebbe trattarsi di un disturbo temporaneo (ha portato catetere vescicale ? ha effettuato anestesia peridurale ?), ma la risposta migliore la potrà fornire il collega che l'ha sottoposta ad intervento e che meglio di chiunque altro la conosce.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Caro Dottore . Sì ho portato il catetere ed ho subito l'anestesia peridurale...Le vorrei fare anche un'altra domanda. Ma posso prendere ogni tre giorni più o meno per una diecina di giorni lasativi per andare morbido al bagno visto che soffro di stipsi? E cosa posso bere che compensi il mio eventualmente non mangiare per evitare quindi per qualche giorno di andare al bagno?La ringrazio per le risposte che già mi ha fornito e per queste ulteriori domnande.
[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signore
scusandomi per il ritardo nella risposta la informo che non sono favorevole all'uso di lassativi specie in un soggetto giovane, riducendola sempre al minimo indispensabile.
Non sono neanche favorevole all'assunzione di bevande che possano sostituire i pasti, ma ritengo che il cibo vada assunto con regolarità, per permettere anche un regolare passaggio delle feci in corrispondenza della zona operata, al fine di recuperare la piena elasticità delle pareti.
Augurandomi che comunque abbia già risolto i suoi problemi la saluto cordialmente

[#4] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dottore..la ringrazio per le risposte.Per quanto riguarda me diciamo che finalmente asto meglio...Anche se ancora i punti non sno caduti tutti. Per i lassativi io vorrei non prenderne ma sono stato più volte al bagno ne nonostante l'alimentazione ricca di fibre e l'aver preso il lasativo, sono andato molto duro al bagno, e quindi ildolore si è triplicato .C'è qualcosa che posso prendere per compensare l'alimentazione e quindi risolvere il problema della stitichezza?...Posso andare al mare?.....e l'attività sportiva quando potrò riprenderla?Grazie mille per5 le risposte.
[#5] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signore
oltre i normali e già adottati consigli dietetici non esistono terapie miracolose, se non un adeguato apporto idrico (almeno 2 litri di acqua al giorno) ed una idonea attività fisica. Tra una quindicina di giorni potrà anche riprendere ad andare al mare e a svolgere gradatamente attività sportiva.

Cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dottore la disturbo nuovamente per chiederle alcune cose. So che lei non è d'accordo nell'assunzione di lassativi. Vorrei chiederle però visto cheil dottore mi ha detto di utilizzare eventualmente il Normase sciropo la sera . Io ogni tanto la sera lo prendo ma non mi da nessuno effetto. Leggendo sulle istruzioni dice che si comincia da una dose fino a ridurla piano piano. Ma Vorrei domandarle : Ma lo devo prendere tutte le sere riducendolo pian piano fino a non assumerlo piu? O solo la sera al bisogno e se quindi non vado al bagno? Poi l'ultima domanda: Visto che sono tre giorni consecutivi cha vado al bagno in maniera molto dura, La parte interna dello sfintere è arrossata ed infiammata quindi . Io metto la pomata Luan come detto dal chirurgo, ma mi devo preoccupare se la parte si infiamma , oltre al dolore che mi provoca? E poi l'ultima domanda: Sono già passati diciotto giorni dall'intervento, è ancora non sono caduti tutti i punti, forse è rimasto l'ultimo , devo preoccuparmi?Grazie per la sua gentilezza e mi scuso per le tante domande.
[#7] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signore
l'assunzione del Normase, se prescritta dal suo medico, deve continuarla fin quando le sue funzioni corporali non si saranno normalizzate.
L'importante è che lei non abitui il suo organismo all'uso di queste sostanze per ragolarizzare il suo alvo.
L'uso di pomate lubrificanti è indicato anche per la componente anestetica che allevia il fastidio post evacuazione.
In merito ai punti di sutura non deve preoccuparsi poichè cadranno da soli. Consideriche stiamo parlando di materiale riassorbibile utilizzato, normalmente, all'interno dell'addome, con tempi di riassorbimento anche di alcuni mesi. Per tale motivo il punto stesso può impiegare più di 18 giorni a cadere.

Cordiali saluti

[#8] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Gedntile dottore , ormai sono passati 26 giorni dall'operazione. Diciamo che la ferita sembra quasi guarita. Il problema che ancora rimane e che quando vado al bagno fa ancora tanto male. Ma quanto tempo più o meno deve passare per non avere più dolori? Ed è normale che io li abbia ancora? Giovedì ho fatto la visita dal chirurgo e dice che la ferita sta benissimo e che posso anche non tornarci più! Posso riprendere as fare sport? Poi avendo subito l'anestesia pedicurale , è normale che ho dolori ancora alla schiena? Grazie.
[#9] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signore
se il collega che ha avuto l'opportunita' di visitarla le ha detto che la ferita e' in ordine credo che possa stare tranquillo. Il dolore con il tempo tendera' a diminuire fino a scomparire del tutto nel giro di alcune settimane. Deve assolutamente riprendere a fare sport, magari gradualmente senza forzare troppo.
Per il resto da lontano e' quasi impossibile fornirle ulteriori pareri.

Cordiali saluti
[#10] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Buona sera..ormai sono passati 37 giorni da quando mi sono operato con la tecnica di Millingam - Morgan . Quando vado al bagno, sopratutto se vado duro, e più che altro all'inizio, ho ancora dolori.....vorrei sapere quando passeranno del tutto?
[#11] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Il periodo post-operatorio di una Milligan-Morgan e' caratterizzato da tempistiche estremamente variabili da un paziente all'altro. In situazioni particolarmente serie (emorroidi estese e/o "di lungo corso") ho visto pazienti penare per parecchie settimane, e in qualche caso anche mesi; sebbene ovviamente in misura molto ridotta rispetto ai primi giorni dopo l'intervento. Naturalmente le auguro di non essere tra quei pochi sfortunati e di riprendersi completamente al piu' presto... pero' se lei si aiuta mantendendo le feci morbide il tempo passera' piu' velocemente e il dolore alla defecazione sara' minimo. Insista con l'acqua (con questo caldo anche 3 litri al giorno) e con tante verdure cotte; e lasci stare, per quanto possibile prodotti ad effetto lassativo.
Cordiali saluti
[#12] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signore
in merito ai consigli del collega che mi ha preceduto, per quanto corretti e genericamente validi, nel suo caso penso sia altrettanto indicato continuare a seguire i consigli del collega che ha avuto l'opportunità di operarla e l'ha seguita egregiamente finora.
I consigli via mail sono generici e vanno sempre adattati caso per caso.
Se il suo medico curante le ha consigliato uno sciroppo per favorire la defecazione, con buoni risultati, solo lui è giusto che le fornisca indicazioni su una eventuale prosecuzione o sospensione di terapia.
Si consulti quindi nuovamente con lui per una dieta equilibrata ed un consiglio sulla terapia più idonea.

Cordiali saluti