Utente 108XXX
Gentile dottore, ho 42 anni e circa quattro anni fa ho avuto un'angina in coinsenguenza della quale mi è stato inserito uno stent sulla coronaria discendente anteriore. Da allora ho smesso di fumare (ero un accanito fumatore) ed ho cominciato a fare sport con regolarità (nuoto), purtroppo nonostante ce l'abia mesa davvero tutta non sono riuscito a dimagrire e sono attualmente obeso (altezza 1,80 - peso 120). Ogni sei mesi effettuo ECG da sforzo che sono andati sempre molto bene. Da alcuni mesi a questa parte, però, se mi capita di mangiare un pò di più o anche di bere qualche bicchiere di vino in più avverto durante il sonno avverto un sensibile aumento del battito cardiaco (nonostante assuma un betabloccante) che capace di seglairmi. L'altra notte, per esempio, mi sono svegliato ed ho misurato i battiti che erano 95 al minuto. Sono preoccupato ed ho cominciato l'ennesima dieta. Vorrei sapere però se si tratta di un fenomeno normale, che tende semmai ad evidenziarsi con gli annie che noto perchè la malattia mia ha reso suggestionabile, oppure se è qualcosa di preoccupante che devo riferire subito al mio cardiologo. I miei cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, scopo della terapia con beta-bloccante è quella di ridurre quanto più è possibile la frequenza cardiaca (in assenza di effetti collaterali e/o indesiderati) al fine di ridurre la possibilità di nuove sofferenze al miocardio. L'attuale incremento dei battiti cardiaci richiede perciò un aggiustamento terapeutico ed un controllo generale della sua situazione clinica. Si rivolga pertanto al collega di riferimento.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazione molto per la sua risposta. Contatterò al più presto il mio cardiologo che mi segue.