Utente 199XXX
Salve, sono un ragazzo di 22 anni e da qualche mese ho notato una piccola "pallina" sotto pelle, sul pene. A dire il vero non so se ne sia una sola o 2, visto che si riescono/riesce a sentire solo quando il pene è eretto e comunque non sempre.
Non ho alcun tipo di dolore, ne durante i rapporti sessuali, ne quando tocco questa pallina.
C'è da dire, e non so quanto e se possa essere collegato alla cosa, che da quando sono piccolo, nella parte inferiore del pene ho come dei piccolissimi punti neri/palline di grasso... che se schiacciati vengono fuori facilmente e senza dolore, come se fossero dei veri e propri punti neri.
Spero che quello che sento da un pò di tempo sia qualcosa di simile e niente di preoccupante.
Credete sia il caso di farmi visitare di persona da un medico? se sì, potreste consigliarmi dove andare? parlarne con mia madre sarebbe abbastanza imbarazzante e preferirei andare da solo, magari accompagnato dalla mia fidanzata. Sono di Napoli

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
ti consiglio prima di tutto di non schiacciare quelle piccole formazioni cutaneee e sconda cosa direi che puoi parlarne con il tuo Medico di famiglia; molto probabilmente ti indirizzerà ad un dDrmatologo-Venereologo di sua fiducia.
Sai comunque tranquillo, dalla descrizione non mi sembra nulla di grave.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
giustissima la Sua idea di far dare uno sguardo alla situazione dal Suo Medico di base. Così come giusta è la persona da cui ha deciso di farsi accompagnare in questa "impresa" :o)
Stia davvero tranquillo.
Affettuosi auguri e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,
approfitti di questo piccolo "problema" per conoscere finalmente, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia come sicuramente la sua fidanzata ,che la accompagnerà , conosce il suo o la sua ginecologa.
Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
anch 'io mi associo ai colleghi, senza vergogna si rivolga da un andrologo che visitandola potrà darle delle risposte certe più di noi che via email non vediamo la situazione obiettiva
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
avere il proprio Andrologo e consultarlo in caso di necessità sarebbe una abitudine che tutti gli uomini dovrebbero ritenere indispensabile dall'adolescenza in poi. Ma l'Andrologo non è un tuttologo. Io personalmente credo che le patologie cutaneo-mucose che interessano l'apparato genitale, nonostante la localizzazione, debbano considerarsi appannaggio dello Specialista Dermatologo-Venereologo. Ma con questo non voglio dire che appena si nota una "bollicina" sulla cute si debba correre dal Dermatologo...il Medico di base allora che ci sta a fare?. Se quest'ultimo non sapesse proprio che pesci pigliare, beh allora...è ovvio il ricorso alla sapienza dello specialista. Insomma, a mio parere non si va dall'Andrologo per una "pallina" sul pene...sono bel altre, e le conosciamo tutti, le motivazioni perchè ciò debba accadere.
Ancora affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,
mi sembra chiaro che le motivazioni per conoscere il suo andrologo di fiducia siano "ben altre" . In molti casi ad esempio noi, andrologi "veterani", vediamo coppie che per anni hanno utilizzato con "fatica" metodi contraccettivi per non avere figli e ad una prima verifica del liquido seminale ,perchè i figli non arrivano quando si vogliono, si scopre che c'è una azoospermia (cioè non ci sono spermatozoi nel liquido seminale). La "pallina sul pene" (non sul naso) è chiaramente un pretesto , è una motivazione in più per conoscere , se mai fatto, lo specialista che controllerà anche in futuro il suo apparato riproduttivo e sessuale. Se poi il "problema dermatologico" dovesse essere così "complicato e difficile" sempre pronti a chiedere un aiuto all'amico dermatologo .
Ancora un cordiale saluto.