Utente 199XXX
Gentili Dottori, soffro di asma allergica - bronchiale (acaro della polvere,graminacee), che riesco a tenere a bada facendo delle cure annualmente e dopo essermi vaccinato per anni - uso simbycort - lukasma dal 2005 e quest'anno da maggio 2006 ho avuto asma ed in particolare tosse persistente stizzosa a livello di faringe(sotto il pomo d'adamo) e sensazione di liquido in gola al risveglio anche dopo 3-4 mesi di cura! sono stato in cura da pneumologo il quale è arrivato a darmi anche MEdrol (16 mg)ma la situazione peggiorava! sono arrivato addirittura a soffocamento in seguito a stress e qualche sigaretta.. ho scoperto in seguito a visita otorinolaringoiatra e nelle varie visite di avere i bronchi liberi ma con tosse persistente - di soffrire di reflusso gastrico - infatti continuo ad avere tosse che inizia dopo pochi minuti dal riveglio e si protrae dalla mattina fino a sera a volte acutizzandosi di sera che aumenta in posizioni supina o seduta in macchina sopratutto! e diminuisce all'in piedi
- sensazione di liquido-muco colore saliva in gola Gentili dottori sono disperato!
quali esami mi consiglia di fare? e la terapia va integrata o cambiata visto il persistere della tosse? assumo gastrotuss sciroppo e pillole Esopral da 20 mg da 15 giorni circa- GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Caro amico, anzitutto occorre scorporare le due manifestazioni, anche se potrebbero avere un comune denominatore. Per una corretta diagnosi eseguirei:
* Rx apparato digerente in Trendelemburg per escludere un'ernia jatale
* Test Bioscreening per valutazione allergie ed intolleranze alimentari...
Per questo ultimo può contattarmi in privato e Le fornirò ulteriori notizie.
A presto.
[#2] dopo  
Dr. Gianluca Capra
28% attività
8% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2004
il collega orl ha valutato anche il naso con endoscopia per escludere possibile infiammazione a livello retronasale?sta utilizzando una tp antireflusso, ci vorrà ancora qualche giorno prima di notare beneficio, abbia pazienza , ma segua anche una dieta priva di alimenti che possano accentuarlo che sicuramente le sara gia stata suggerita.
[#3] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2006
gentile Dr. Capra non so se ha fatto un endoscopia! in che consiste?? il collega mi ha visitato con un apparecchio nella gola collegato ad un monitor ed in effetti ho visto anch'io un liquido arrivare in faringe o laringe ed ha stabilito che fosse acido - quindi diagnosi otorino "tosse ed edema della regione antenoidea come da reflusso gastroesofageo"
dopo 1 mese di cura con i farmaci ha consigliato una ESOFAGOGASTROSCOPIA

cosa intende per " tp antireflusso"??
[#4] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2006
c'è un esame che si può fare in alternativa alla gastroscopia?
[#5] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
In attesa della risposta del Collega, Le ribadisco l'utilità di un RX del digerente in Trendelemburg, per verificare la presenza di ernia jatale con reflusso gastr-esofageo. Ci aggiorni. Saluti.
[#6] dopo  
Dr. Gianluca Capra
28% attività
8% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2004
l'esame che ha eseguito sembrerebbe prorpio essere endoscopia, concordo con il collega che alternativa alla gastro potrebbe essere Rx del digerente con la differenza che durante la gastroscopia se fosse necessario potrebbe essere posssibile eseguire anche un prelievo bioptico
Ci faccia sapere
cordiali saluti
[#7] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Giusta l'osservazione del Collega: in effetti bypassando la radiografia, a favore dell'endoscopia, potrebbe accelerare i tempi diagnostici. A presto.
[#8] dopo  
Dr. Morando Morandi
28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2004
Gentile Signore,
solo ora leggo la Sua richiesta: in attesa di eseguire gli accertamenti proposti ha adottato tutte le misure antireflusso gastroesofageo che, al di là della diagnosi
e della terapia, sono indispensabili per alleviare i sintomi? Mi riferisco all' igiene alimentare e anche all'importanza di NON coricarsi dopo aver mangiato!
[#9] dopo  
Dr. Alessandro Valieri
44% attività
4% attualità
16% socialità
CODIGORO (FE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Caro paziente,
la gastroscopia sarebbe comunque l'elemento diagnostico di certezza. Oggi si tollerano molto meglio che in passato.
[#10] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
:..Solo per informarLa che è in sperimentazione a Roma una nuova tecnica diagnostica non invasiva: basta assumere una capsula che consentirà una visione diretta, senza più fastidiose "intrusioni". Mi pare un'ottima chanche.
Saluti.
[#11] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2006
Continuo la discussione...non avendo risolto il problema...anzi è degenerata la situazione..

sono stato ricoverato per 15 giorni per tosse persistente e sindrome ansiosa nel quale ho fatto terapie antibiotiche Rochefin e cortisoniche , iniezioni di bentelan.

prima del ricovero assumevo lucen - 2 pillole da 20 mg per 1 mese ed ho avuto ripetuti episodi di asma...


questo è il foglio di uscita
Es. spirometrico nei limiti della norma
Colesterolo: 249 mg/d
Marker epatite: negativi
ECG: nei limiti
Rx torace: assenza di lesioni pleuroparenchimali

GASTROSCOPIA:
Esofago ben canalizzato,mucosa iperemica al terzo inferiore. Cardias beante.
La mucosa gastrica appare normale.
Nella norma la mucosa bulbare e della seconda porzione duodenale.


Diagnosi : M.R.G.E.,Incontinenza cardiale.

terapia: 40 mg di esomeprazolo al dì (cicli di 2 mesi)
si consiglia ph - manometria esofagea.

SONO STATO BENE PER 1 SETTIMANA E POI Ho
RIPRESO A TOSSIRE
ATTUALMENTE STO FACENDO IL SECONDO MESE DI LUCEN - 40 MG AL GIORNO