Utente 115XXX
Egregio Dott.

ho 38 anni e vent'anni fa mi sono operato di varicocele e dopo un anno di idrocele.
Per scrupolo ho deciso di eseguire uno spermiogramma per verificare la mia fertilità

Di seguito il referto:

Colore: giallastro

Motilità:
progressiva rapida (a) 8%
progressiva lenta (b) 43%
Tot Prog (a+b) 51%
in situ: 11%
statici: 38%

Morfologia:

spermatozoi normali: 8%
anomali: 92% anomalie testa 71% collo 21%

cell. linea germinale
cell. rotonde: 2 milioni/ml

Conclusioni: teratosmermia media.

Grazie per la Sua cortesia.

Marco
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività +60
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

ci invia un esame del liquido seminale non completo, manca almeno il numero dei suoi spermatozoi totale e per ml.

Attendiamo gli esiti per poterle dare un parere più mirato.

Comunque, anche se si dovesse confermare la presenza solo di una lieve teratozoospermia, le consiglio ora di ripetere l'esame del liquido seminale. Rifatto l'esame, se la sua dispermia sarà confermata, poi bisognerà consultare un andrologo esperto o specializzato in patologia della riproduzione umana che valuterà attentamente la sua situazione clinica complessiva per capire la causa o le cause del suo problema ed impostare poi, se possibile, una terapia mirata.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#2] dopo  
Utente 115XXX

Iscritto dal 2009
Egregio Dott. Beretta,

grazie per la Sua celere risposta.

Ecco il dato mancante:

Concentrazione 110 milioni/ml
Concentrazione totale 213 milioni

A dire il vero è il secondo esame che faccio a distanza di 3 settimane.

Nel primo si evinceva una scarsa motilità e una lieve teraspermia.
Per scrupolo l'ho ripetuto e la motilità è migliorata (dire ok) ma la teratospermia da lieve è diventata media....

Che mi dice?

Grazie di nuovo

Marco


[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività +60
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

a questo punto bisogna consultare un andrologo esperto in patologia della riproduzione umana.

Se desidera poi avere ulteriori informazioni più precise sulla “complessità” che accompagna una infertilità di coppia (non legata solo ad un normale liquido seminale), può leggere anche l’articolo pubblicato dalla collega Chelo sul nostro sito e visibile all’indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=52214.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com