Utente 634XXX

Salve , a causa della tiroidite di ashimoto, ho eseguito una ecografia
della tiroide dalla quale è risultato quanto segue: tiroide
asimmetrica di dimensioni inferiori alla norma d.ap. lobo dx 15,7mm;
d.a.p. lobo sx 11mm; L a sua struttura è finemente disomogenea di
aspetto simil carnificato, cui concomita all' inserzione del modulo
colore, aspetto tronculare con scarsa rappresentazione del disegno
fine parenchimatoso come da tiroidite cronica autoimmune in fase
evolutiva stabilizzata. Due piccoli linfonodi per parte,
subcentrimetrici e di aspetto reattivo, sono a sede latero-cervicale.
Utile completare l' indagine con dosaggi ormonali e controlli
periodici a distanza.
l' endocrinologo che mi segue fin
dall' inizio e non ha mai prescritto alcuna terapia.
all' esame ecografico di 3 anni fa i linfonodi non risultavano, vorrei
capire come mai ora risultano e sono reattivi , preciso che in questi
giorni ho tosse e gola infiammata per la quale sto facendo opportuna
terapia , la reattività dei linfonodi potrebbe essere dovuta alla
tosse e all' infiammazione della gola? il rusalto delle analisi della
tiroide da me effettuati in due diversi laboratori è il seguente:

aprile 2009

free t3 ( chemiluminescenza) 4.34 uomini 2.3-4.2

freet4 ( chemiluminescenza) 2.13 uomini 0.89-1.76

tsh ( chemiluminescenza) 4.07 uomo 0.350 - 5.500

maggio 2009 esemi eseguiti in altro laboratorio con il metodica Eclia
cv 5%

tsh 3.49 valori di riferimento 0.27-4.20

ft3 3.3 2.3-4.4

ft4 12.2 9.0-17.0

come mai questa differenza di valori in un mese ed in due differenti
laboratori? Cosa sono e a cosa servono i linfonodi latero-cervicale e
la loro reattività è una cosa grave?
ho fatto la visita e dovrò ritornare tra tre mesi, mentre in questi
giorni, su richiesta dell' endocrinologo, dovrò fare il controllo
della celiachia in quanto lui dice che ci potrebbe essere una
celiachia nascosata, vista la perdita di 13 kg di peso, lui inoltre
dice che la tiroidite di ashimoto può portare un po di celiachia , è
vero quanto dice? farò anche il controllo della glicemia.tuttavia c' è
una cosa che non capisco, la celiachia si ha fin dalla nascita o può
manifestarsi anche in età adulta? come si manifesta e quali ne sono i
sintomi esteriori? mi potete spiegare meglio il collegamento tra
tiroidite di ashimoto e celiachia? la celiachia è una malattia grave?

attendo il vostro parere

cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Elio Badolati
20% attività
4% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2009
Il referto ecografico da Lei riportato presenta alcuni termini "estrosi" e non canonici: "carnificato" e "tronculare". Peraltro la diagnosi di tiroidite di Hashimoto non può essere ecografica, se non in via presuntiva. Per porre diagnosi di tiroidite di Hashimoto occorrono aumenti notevoli e costanti degli anticorpi anti-tireoglobulina e anti-tireoperossidasi, se non anche un reperto citologico di infiltrato linfocitario. La variabilità dei suoi valori ormonali, più che alla diversità dei laboratori, dovrebbe essere dovuta ad una prima e caratteristica fase ipertiroidea per il rilascio di ormoni tiroidei in eccesso da parte dei follicoli tiroidei danneggiati dal processo autoimmune e successivo ritorno ad un eutiroidismo (valori degli ormoni tiroidei nella norma) che potrebbe anche evolvere in un successivo ipotiroidismo. Controlli anche i valori degli anticorpi tiroidei, delle transaminasi, della CPK (creatinfosfokinasi), del colesterolo totale e HDL e dell'amilasi e del calcio, come certamente Le avrà suggerito il Suo Endocrinologo.Non vi è correlazione tra tiroidite autoimmune di Hashimoto e linfoadenomegalia latero-cervicale o loco-regionale.
La celiachia è una malattia da intolleranza al glutine con elevati valori anticorpali e può accompagnarsi ad altre malattie del sistema immunitario, anche alla tiroidite autoimmune, che però è oggi tanto frequente da rendere tale associazione non significativa.
Cordialmente,
dr. Elio Badolati.