Login | Registrati | Recupera password
0/0

Minima insufficienza aortica

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009

    Minima insufficienza aortica

    salve dottori ho 17 anni
    vorrei racontarvi un po la mia storia

    la prima visita cardiologica l'ho fatta all'età di 7 anni dove mi è stato riscontrato un lieve soffio cardiaco ma il cardiologo non diede alcuna importanza alla cosa e quindi anche io e i miei genitori non ci preoccupammo

    la seconda visita l'ho fatta all'eta di 14 anni in seguito a dolori addominali
    il cardiologo mi ha confermato il soffio e mi ha consigliato di fare un ecocardiogramma m mono e 2/d

    ora vi riporto il referto:
    normali dimensioni del ventricolo sx.
    normali spessori parietali.
    notevole ipercinesia globale del ventricolo sxnormale volumetria etriale sx
    sezioni dx nei limiti volumetrici
    ventricolo dx normocinetico
    pericardio indenne
    valvola aortica tricuspidata con lieve inspessimento della ciuspide aortica anteriore dx
    normali profili dei lembi mitralici
    normali dimensioni del bulbo aortico, giunzione sino-tubulare e tratto ascendente
    non si evidenziano formazioni intracavitarie
    ANALISI DOPPLER
    notevole ipercinesia ventricolare sx
    sostanziale normocontinenza mitralica e triciuspidale
    minimo rigurgito aortico
    COMMENTI
    minima insufficienza valvolare aortica emodinamicamente non siglificativa
    notevole ipercinesia ventricolare sx

    il cardiologo ha detto che è dipeso dal fatto che io all'età di 6 anni ho avuto lo Streptococco beta emolitico di gruppo a
    e ha detto che l'ipercinesia è dovuta al fatto che sono iper ansioso

    successivamente (dopo circa 4 mesi) ho fatto un altra ecografia cardiaca
    RISULTATO
    nei limiti gli spessori parietali e le dimensioni intracavitarie.
    lembi valvolari mobili. lieve fibrosi dei lembi aortici con insufficienza valvolare lieve.
    buona la cinesi globale e segmentaria.
    pericardio indenne.
    al color doppler piccolo jet da rigurgito aortico nei limiti del PAPs.

    il problema sorge ora:
    5 giorni fa dopo una lite io mi sentivo battere ad intermittenza ma parecchio forte sul fianco sx un po più giù della ascella (mi sarà capitato per un 5-6 battiti a distanza di qualche minuto)
    mi sono spaventato moltissimo e il cardiologo telefonicamente disse che era un exstrasistole di non preoccuparmi
    io però il giorno dopo mi sono andato a fare un elettrocardiogramma per maggiore sicurezza
    RISULTATO:

    ESAME OBBIETTIVO:
    paziente in buon compenso emodinamico.
    toni validi. soffio 1-2 / 6 levine al mesocardio
    normale reperto auscultatorio toracico
    P.A. 120/70 mmHg 120

    ELETTROCARDIOGRAMMA BASALE :
    ritmo sinusale regolare.
    F.C. di 98 bpm
    P-R =0.14 sec.
    asse elettrico orizzontale
    lieve ritardo di conduzione intraventricolare dx

    ora dottori io avverto spesso questo dolore addominale a volte un formicolio a volte un dolore sono davvero molto preoccupato
    potete spiegarmi un po cosa ho e se è una cosa grave ?
    cosa posso fare e cosa non posso fare?
    potra peggiorare?
    il dolore è collegato?
    l'ultimo elettrocardiogramma dice che sono peggiorato o no?
    anticipatamente vi ringarzio (tranquillizzatemi vi prego)



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 976 Medico specialista in: Cardiologia

    Risponde dal
    2008
    Gentile utente, dagli esami effettuati oltre ad una lieve e non emodinamicamente significativa insufficienza aortica e una tendenza alla tachicardia, tipica del soggetto ansioso, non si evincono particolari correlazioni tra le lievi alterazioni cardiache e la sintomatologia riferita. Direi di stare fondamentalmente un pò più tranquillo, allarmarsi infatti non fa altro che esaltare la tua subdole sintomatologia e peggiorare il quadro ansioso/emotivo che attualmente la caratterizza.
    Saluti


    Dr. Vincenzo MARTINO

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    dottore grazie mille per la risposta
    ma quindi non peggiorerà anche se dovessi fare sforzi fisici?
    e poi mi scusi ancora questo fatto che ho non può essere collegato ad una quasi continua difficoltà respiratoria?
    ((respiro corto)nonostante io sia un soggetto molto allergico (dosaggio ige totali prist 171,o)esami fatti 8 giorni fa)
    il dottore mi ha detto che è solo una questione ansiosa e non allergica perche sentendomi le spalle non riscontra asma)
    infinitamente la ringrazio



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 976 Medico specialista in: Cardiologia

    Risponde dal
    2008
    Il tuo curante ti ha dato delle indicazioni giuste. Sulla evoluzione della valvulopatia, al momento non vi è alcuna controindicazione all'attività fisica, anche di un certo rilievo.


    Dr. Vincenzo MARTINO

  5. #5
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    dottore è stato davvero gentilissimo
    la ringrazio infinitamente




Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 05/06/2009, 11:44
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05/06/2009, 21:37
  3. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 26/05/2009, 12:05
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 11/05/2009, 21:27
  5. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 24/06/2009, 16:15
ultima modifica:  14/04/2014 - 0,08        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896