Utente 151XXX
Salve
Nelle ultime due settimane mi è capitato diverse volte (3-4) di urinare liquido di colore rosso, e ritengo ovviamente che ciò sia dovuto alla presenza, anche abbastanza cospicua, di sangue nelle urine.
Da cosa può dipendere, devo essere molto preoccupato?
Vi informo, se può essere utile, che ho 30 anni, sono eterosessuale, ma per un mix di problemi di natura psicologica e fisica legati alla sfera sessuale e relazionale, non ho mai praticato attività sesssuale con una partner.
Dò inoltre alcune informazioni che, forse, possono aiutare ad inquadrare meglio il mio caso:
In almeno uno dei casi riscontrati di cui sopra avevo avuto una erezione abbastanza prolungata e non seguita da eiaculazione
Mi capita spesso, dopo erezioni della durata di alcuni minuti, e non seguite da eiaculazione, di accusare dolore ad un testicolo (mi pare il destro).
Nel periodo in cui ho riscontrato sangue nelle urine ho condotto una vita piuttosto irregolare per orari, stress fisico, ingestione di alcolici e caffeina e sigarette (tuttavia non un eccesso smodato, bensì quantità normalmente tollerate dalle persone con cui le ho condivise)
All'età di 18 anni ho fatto la chemio e radioterapia per curare un linfoma di Hodgkin, in seguito alle quali (in realtà già dopo la chemio) sono diventato sterile; ho ripetuto 2- 3 volte negli anni successivi l'esame del liquido seminale, che ha sempre confermato la mia sterilità. Sono alcuni anni che non ripeto l'esame, non essendo spinto da nessuna esigenza procreativa e non avendo (ahimè!!) la capacità di sostenere all'atto pratico, una relazione affettiva con una donna per via di una serie di complessi da cui sono afflitto (mi scuso per la divagazione).
I complessi sono dovuti a (non so fino a che punto i sintomi si confondano con le cause):
Pene curvo e di ridotte dimensioni
Erezione quasi istantanea al contatto con una donna (anche fosse solo per un ballo che unisce i corpi in discoteca, non ne parliamo se l'atteggiamento diviene poco più ammiccante ed intimo ) ed eiaculazione precoce (una masturbazione puo' durare anche 1 minuto).
Sudorazione eccessiva e diffusa nei luoghi caldi e nell'attività motoria coinvolgente
Sudorazione eccessiva delle mani, che mi ha accompagnato sin da ragazzino, inficiando in maniera che ritengo affatto trascurabile, la mia vita sociale e relazionale
Gonfiore cronico alle mani, manifestatosi dopo la chemio ed un'asportazione di linfonodi ascellari, in particolare alla mano sinistra, che mi crea grossi problemi sia dal punto di vista funzionale che estetico
Probabilmete sono stato eccessivamente prolisso ed un po' fuori tema rispetto al problema che sta all'origine della mia email, cioè il riscontro di sangue nelle urine, ma vi assicuro che la parte dei complessi è sottostimata, soprattutto nella descrizione degli effetti deleteri sulla mia vita sociale (tuttora sono disoccupato e se fosse per me eviterei punto il contatto con la gente) ed inoltre è la prima volta che la manifesto (neanche i miei genitori ne sanno nulla).
Spero di ottenere da voi qualche consiglio concretamente utile e ringrazio comunque per l'attenzione riservatami.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Petrosino
28% attività
4% attualità
16% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2001
Le patologie di cui hai fatto una dettagliata esposizione sono un mix di organico e psicologico,certamente importante il linfoma curato con successo.Il consiglio anche se questo forse ti giumge con un pò di ritardo è innanzitutto quello di eseguire un esame delle urine con urinocultura,una ecografia addome superiore ed inferiore seguito da una rx diretta renale.In tale modo si potrebbe esplorare la vescica e i reni con la prostata e anche gli altri organi addominali,escludere un calcolo renale o papilloma vescicale o altro controllare la vecchia malattia.Sarebbe il caso che tu ti affidassi con tranquillità a qualche collega della tua zona ed eseguire una serie di indagini anche ematologiche.Per gli altri problemi,il pene curvo è operabile e le dimensioni da verificare se realmente tali da essere patologiche.La sudorazione e la fuga dalla vita sociale sono da comprendere e indirizzare verso un atteg. + positivo.
Controlla anche il problema al testicolo e parla dei tuoi problemi con qualche collega psicologo potresti aver sviluppato delle fobie che perpetuandosi nel tempo hanno un pò(unitamente ai problemi del linfoma e pene curvo) minato la tua vita di relazione.Anche un piccolo aiuto farmacologico potrebbe esserti utile.Chiuderti non serve ma già il fatto che hai scritto mi fa pensare che hai tanta voglia di riuscire a risolvere i tuoio probòemi e credo sia il primo positivo passo.Fammi sapere.