Utente 980XXX
Gentili dottori, desidererei un chiarimento circa i valori anticorpali della mononucleosi.
Nel sito del laboratorio di analisi leggo "Se gli anticorpi IgG sono "positivi" e gli anticorpi lgM sono "negativi", significa che la persona è in una fase di convalescenza della malattia e
ha passato la fase acuta. Questa situazione persiste anche per moltissimo tempo dopo aver contratto la malattia perché gli anticorpi IgG si mantengono nel tempo mentre gli anticorpi IgM scompaiono con la
guarigione."
E' il mio caso, avendo valori EBNA IgG 600, Anticorpi Anti EBV VCA IgG 750, Anticorpi Anti EBV VCA IgM 10 che significherebbe, stando a quanto sopra, che l'infezione è abbastanza recente e non è ancora avvenuta la guarigione..
Qualcuno invece mi ha detto "chissà quando l'ha avuta, magari da piccola."
Ciò che vorrei chiarire è se gli IgM nel tempo scompaiono del tutto, o se quei valori rimangono sempre. Grazie e cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Normalmente scompaiono (parliamo di metodi analitici ordinari).

In rari casi (e anche in altre sierodiagnosi) si osserva il fenomeno della "persistenza delle Igm a basso titolo", anche a tempo indeterminato.

Se e' una coda di infezione recente, oggi lei ha le IgM a 10 e fra tre mesi le avra' a zero.

Se e' una forma di IgM persistenti, oggi le ha a 10 e fra tre mesi le avra' ancora a 10 (o 12, o 8, o simili valori).

Bisogna anche vedere qual e' il limite di quantificazione del test impiegato, il referto diceva proprio "10" o non magari genericamente "<10" (inferiore a 10)?

[#2] dopo  
Utente 980XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mo dottor Bianchi, il referto parla di 10, metodo Chemiluminescenza e come range di riferimento indica <20 negativo, 20-40 dubbio, >40 positivo.
Il fatto è che da dicembre, dopo che mi è stata diagnosticata una "faringotonsillite da mononucleosi pregressa", che purtroppo hanno voluto "curarmi" con prodotti "microimmunoterapici" della Labolife a base di interleuchine e interferone (!) ho avuto un grave deperimento dal quale non mi sono più ripresa. I sintomi rientrerebbero in quelli della mononucleosi (ho avuto anche un ricovero per accertamenti che non hanno evidenziato altre patologie) ma il mio star male è iniziato subito dopo aver intrapreso questa "cura" (ammesso che si possa definire cura una terapia che fa star male una persona che stava bene!)
Ma mi scusi: sto abusando della sua disponibilità, di cui la ringrazio.