Utente 894XXX
gentile staff di Medici Italia
vi espongo brevemente il mio problema. due anni fa ho iniziato ad avere problemi di tachicardia, poi ho iniziato ad assumere biancospino e i problemi erano spariti.
circa un'annetto fa però erano tornati. francamente non so la causa, ma la associo a un particolare sforzo (sollevamento di un oggetto troppo pesante). quindi ho fatto dei consulti dal mio medico del sangue, della tiroide e delle urine,nonché l'elettrocardiogramma, ma non è emerso nulla. era tutto a posto, l'ecg pure, tranne ovviamente il battito accelerato.
solitamente quando me lo misuro a casa è sui 85. quindi ho ripreso il biancospino, adesso mi sembra di stare a posto, ma c'è un problema. quando metto la mano sul fondo sinistro della gabbia toracica, sento il battito cardiaco, il che mi sembra strano, perché dovrei sentirlo più su. tra l'altro ogni tanto avverto dei leggeri dolori nella parte sinistra dell'addome, all'interno (come se fosse un organo).
dopo lo sforzo di cui dicevo, ho avuto il giorno dopo un leggero mal di schiena, ma appena un po' di tempo dopo ho avuto dolori all'addome, ma mi sono sembrati dolori interni. ho supposto anche che potessero essere dei strappi muscolari di lieve intensità, visto che quelli più gravi risultano visibili (mentre il mio addome è rimasto sempre uguale).
quindi volevo sapere se è normale sentire il battito non solo sulla posizione classica del cuore, ma anche in fondo alla gabbia toracica a sinistra e inoltre se ciò può essere dipeso da qualche problema con qualche organo, e se sì, con quale.
ho pensato potesse trattarsi anche di qualche ernia, però vorrei una vostra indicazione, prima di rivolgermi nuovamente dal mio medico.
concludo dicendo che sono magro, non fumo, non bevo e non mi drogo ed è da un annetto che a causa di questi dolori, seppur leggeri e casuali, evito di fare sforzi o sport (soltanto camminata o leggeri esercizi di streching).
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Nei soggetti magri tale percezione può essere normale.
Potrebbe essere utile un controllo ecocardiografico per valutare i diametri aortici, vista la magrezza e la notevole altezza.
Consulti il suo medico per farsi eventualmente prescrivere tale esame.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 894XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per le indicazioni, sicuramente farò ulteriori accertamenti in questa direzione, purtroppo temo si tratti di un'aneurisma dell'aorta addominale o qualcosa del genere.
ancora grazie
[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Non si fasci la testa prima di averla rotta.....
Mi faccia sapere.
[#4] dopo  
Utente 894XXX

Iscritto dal 2008
certo, spero di fare al più presto ulteriori accertamenti e poi le farò sapere.comunque in questi giorni ho interrotto l'assunzione di biancospino (che ho iniziato due anni fa, seppur interrompendo a intervalli) e devo dire che mi sembra di stare meglio e il dolore nella parte sinistra dell'addome si è alleviato, se non addirittura scomparso. infatti in questi giorni ho assunto tintura madre di centella asiatica e ippocastano per la circolazione. quindi per quanto pare mi abbia fatto bene il biancospino in un primo momento, tanto ultimamente mi ha causato disturbi.