Utente 109XXX
Buongiorno, avrei bisogno di essere tranquillizzata sull'iter da seguire in vista di una biopsia epatica. la persona per la quale vi scrivo è in terapia anticoagulante con coumadin per sostituzione valvolare aortica. a breve dovrà sottoporsi a biopsia epatica. ci hanno detto di sospendere il coumadin 5 gg prima della biopsia e sostituirlo con iniezioni di clexane due volte al giorno (alle 9 di mattina e alle nove di sera) fino alla sera prima della biopsia...nessuna terapia anticoagulante il giorno dell'intervento.
seguendo queste indicazioni, si riescono a ridurre i rischi di emorragia durante l'esecuzione della biopsia epatica? potrebbe comunque trattarsi di una manovra invasiva rischiosa?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Il protocollo che le è stato consigliato è appropriato per limitare al minimo i rischi di emorragia in pazienti che necessitano di terapia anticoagulante orali.
La manovra ha certamente dei rischi (meglio di me potrebbe risponderLe un gastroenterologo), ma si tratta di valutare se le risposte della biopsia possono portare a benefici che quantitativamente superano i rischi della manovra.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  


dal 2009
Gent.mo Dott. Tidu,
grazie mille per la sua risposta. Seguiremo l'iter consigliato nell'attesa della biopsia.
Le auguro un buon week end
[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Anche a Voi tutti (io sono di guardia in clinica...)