Utente 117XXX
carsissimi dottori,dopo avere letto gli argomenti relativi all'oggetto non sono riuscitoa trovare un caso analogo al mio. Ho ripetutamnete effettuato sia eco-colo doppler penieno che visita andrologica oltre l'ultima risonanza magnetica. Il problema riguarda l'erezione non sempre mantenuta ma sopratutto al dolore che sopraggiunge spesso già al termine del primo rapporto che impedisce qualsiasi altro approccio.Dagli esami si evidenzia solo parzialmente una poco tenuta venosa ma nulla che lasci pensare o intravdere una induratio penis.Infine,al dolore per un po si è accompagnato un'ispessimento penieno a discapito della lunghezza formandosi delle grinzature sulla superficie che allo stiramneto danno vermante dolore e fastidio. Cosa posso fare? Dimenticavo ho compiuto da poco 40 anni.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
nell'ambito del suo percorso diagnostico è stata valutata anche la prostata (innanzitutto mediante visita urologica diretta)?
[#2] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
La visita urologica è stata effetuata dal mio medico curante che è anche urologo. Si ho un aprostatire aspecifica benigna che mi porto però dietro da diversi anni. Hopraticato sempre zitromax e danzen. Ma quale attinenza può avere soprattuto sul gonfiore il ridimensionto ed il dolore post rapporto?
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Se vi fossero delle calcificazioni prostatiche (diagnosticabili con ecografia transrettale), queste potrebbero essere collegate a infiammazione prostatica e quindi ai fastidi che ci riporta.