Utente 117XXX
Ciao,sono un ragazzo di 25 anni e da tre anni a questa parte soffro di tachicardie e fibrillazioni atriali.Sono arrivato al punto che se devo sforzarmi mi viene la tachicardia, tipo se devo salire le scale o portare le buste della spesa a casa.Da un anno a questa parte prendo 1/4 di atenololo al giorno dopo pranzo che sopprime un pò la tachicardia che comunque sento.Dopo molte visite cardiologiche e dopo 5 o 6 holter non sono riuscito a trovare una via di uscita da questa situazione che mi sta rendendo la vita abbastanza amara.Sto rinunciando a molte cose a cui ci tenevo parecchio tipo giocare a pallone o correre, o andare in palestra perchè ho paura che facendo degli sforzi mi possa venire la tachicardia e quindi di conseguenza la fibrillazione.
Vorrei fare l'ablazione ma non so se sia la cura giusta.
Nella speranza di ricevere un vostro prezioso consiglio vi saluto cordialmente.
Francesco
[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
4% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
L'ablazione è un trattamento, non sempre possibile, che puo' essere risevato ai pazienti con aritmie recidivanti, sintomatiche e resistenti a trattamento farmacologico.
Si affidi comunque preferibilmente a centri con esperienza, per aumentare al massimo l'efficacia, se dovesse ritenere di ricorrere a tale procedura, dell'eventuale ablazione.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
la ringrazio per la sua pronta risposta.
Inoltre volevo chiederLe se c'è da preoccuparsi per questo mio problema, nel senso che non riesco a fare grossi sforzi senza che mi venga la tachicardia!e magari quali cure potrebbero essere ideali vista questa mia condizione fisica.
La ringrazio di nuovo.
Francesco
[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
4% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Come detto oltre all'ablazione esistono molti farmaci in grado di controllare gli eventi aritmici da lei descritti, ma naturalmente, con un consulto telematico, senza poter visitare il paziente, non è possibile indicarle quello piu' idoneo al suo caso.
Si affidi dunque a cardiologi esperti in questo tipo di patologia che non mancano nella sua regione.
A disposizione per ulteriori consulti