Utente 117XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 22 anni. Inizio col dirvi che da circa 6 mesi ho interrotto una relazione con la mia ex fidanzata durata 4 anni, e nonostante sia stato io a prendere la decisione, questa mi ha comunque segnato. Contemporaneamente, circa 2 settimane prima, è mancato mio nonno, che per me era come un padre. Finita questa premessa, di mio non sono mai stato molto sicuro di me: nonostante un buon successo con le ragazze, fisicamente non mi sono mai sentito molto "performante" anche se poi coi fatti ciò non si riscontrava.
Fino a qualche mese fa infatti non avevo avuto alcun problema di erezione, anzi erano molte quelle spontanee, accompagnate da una libido molto costante. Anche la precocità dell'eiaculazione era una cosa a me sconosciuta, soprattutto in rapporti preliminari.
da qualche mese, come dicevo, ho rapporti occasionali o poco duraturi con varie ragazze, e noto segnali a me sconvolgenti. Innanzitutto, specie nei primi tempi, ho visto una precocità di eiaculazione quasi solo al contatto manuale da parte di una ragazza. Continuando, ad oggi è un po aumentato il tempo ma non significativamente (n.b. essendo stato operato di circoncisione ho sempre avuto poca sensibilita, il che mi consentiva di avere durata maggiore nei preliminari). Inoltre l'erezione non era mai al 100%.
Ora ultimamente sto di nuovo attraversando un periodo di stress, ma noto che mancano le erezioni mattutine (che prima avevo con costanza) e la mancanza di libido.
L'erezione avviene solo se stimolato, ma non raggiunge quasi mai il 100% e se la stimolazione non continua tende a svanire in pochissimo. Anche dopo l'eiaculazione il pene tende a tornare flacido in pochissimi secondi.

Mi sento sinceramente allarmato per questo, perchè comunque se fino a 5 mesi fa andava tutto per il meglio dubito che possa essere un problema di tipo fisico.. pero' questa mancanza di erezioni, di libido e di eiaculazione precoce (che comunque mi impedisce l'atto sessuale) mi butta piuttosto giu di morale..

vi ringrazione dell'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Durante i periodi di stress emotivo è frequente osservare dei disturbi dell'erezione.
Vedrà che appena sarà più sereno tutto rientrerà , comunque nessuno le impedisce di eseguire una visita andrologica ciò servirebbe a tranquillizzarla.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
innanzitutto la ringrazio per la risposta celere. Le aggiungo una precisazione che ho notato oggi: capita, raramente, che l'erezione arrivi al 100%. Raramente, e non per molto tempo, ma capita.
Poi proprio oggi pomeriggio ho fatto una visita dal gastroenterologo per un problema di gastrite, e mi ha detto che la causa dovrebbe essere un alto stress concentrato in questi giorni (io somatizzo molto sullo stomaco).