Utente 209XXX
Salve, sono un ragazzo di 22 anni, ho uno stile di vita nella norma, sono in leggero sovrappeso, non bevo caffè da 2 mesi e fumo, al massimo, 10 sigarette al giorno (in genere 7).

Da circa 6 mesi avviso dei leggeri tremori che ho sempre imputato ad un po' di stress quotidiano. Ma da una settimana ho iniziato a preoccuparmi per la comparsa di nuovi sintomi che proverò a spiegare.
In pratica, se mentre sono "attivo", ovvero in piedi a svolgere qualche attività, ho solo qualche tremore sporadico unito a debolezza fisica. Quando mi siedo al computer inizio ad avere una leggerissima difficoltà a respirare, e sento, in modo chiaro, il battito cardiaco..sempre.
La cosa diventa realmente preoccupante quando mi metto a letto. Dopo pochi minuti inizio a sentire il cuore battere velocemente, anche se al polso i battiti sono regolari (circa 70 al minuto). A questo si lega una certa fatica a parlare, usare il cellulare, ma anche a respirare. Inoltre quando cerco di dormire, accuso una specie di torpore generale, che parte dai piedi fino alla testa. Quando capita mi do' una scossa e tutto torna nella norma, salvo poi ricominciare se mi rimetto sdraiato. E' realmente difficile spiegare quello che provo, è un po' come quando si ha la febbre alta..ma senza avere la febbre.
La prima volta che ho sentito questi sintomi, stavo per addormentarmi ed ho sentito come un flusso denso e veloce che mi attraversava il cuore, come se fosse "intasato" e qualcosa avesse liberato l' "ingresso".
Sinceramente non so' se siano problemi cardiaci o nervosi, in ogni caso cerco sempre di calmarmi e respirare a fondo, ma serve a poco.

So' bene che non posso avere una diagnosi qui, ma ci sono gia' problemi in famiglia, vorrei evitare di aggiungerne altri e quantomeno, vorrei avere un'idea.

Spero sappiate dirmi qualcosa, vi ringrazio in ogni caso.
Salutissimi

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Utente 209XXX

Iscritto dal 2006
Gentili medici,
alla fine ho chiesto un primo consulto con una visita privata e il medico mi ha detto che potrebbe trattarsi di disturbi legati all'ansia (tipo attacco di panico), anche se, a parer suo, è strano che tali sintomi si siano manifestati in maniera continuativa durando diversi giorni.

Sinceramente, ammetto di essermi rassicurato dopo questa diagnosi ed ora non ho più alcun sintomo. Torna solo una leggera tachicardia quando sono sottoposto anche ad un leggero stress o se provo a bere un caffè.

Resto comunque in attesa di un vostro riscontro,
grazie per l'attenzione e per il servizio che offrite.
[#2] dopo  
Utente 209XXX

Iscritto dal 2006
i sintomi sono ricomparsi, anche se in maniera più lieve, e si manifestano sempre e solo quando tento di prender sonno.