Utente 209XXX
Mio figlio ha 22 anni e nei 2 anni precedenti ha sofferto di cefalea continua, curata con "Zoloft" 50 mg/100 mg che ha preso per 1 anno. Effetti collaterali: Allucinazioni, mania di persecuzione, paura di morire, ansia forte. Tolto in modo graduale lo zoloft è caduto in depressione. Lo psichiatra da 6 mesi lo cura con: "Risperdal" 2 mg, "Solian 400" 2 compresse e "Tritico". Non abbiamo riscontrato miglioramenti di nessun tipo,non va più a lavorare,è molto ansioso, non ha voglia di uscire, è lento nei movimenti, sente il proprio corpo estraneo, ha perso la memoria. Noi non sappiamo neppure come poterlo aiutare in casa; se lasciarlo riposare, se costringerlo ad uscire o trovargli dei passatempi, se spronarlo insomma. Non riesce più a concentrarsi e le uniche 2 volte che l'abbiamo costretto ad uscire per stare un pò in mezzo alla gente gli è capitato di bloccarsi di colpo con le gambe, non potendo più muoverle. dopo 10 minuti fortunatamente tutto passa. La cura secondo voi è adatta o se ne può adottare una più efficace? in quanto tempo può guarire?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
4% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2003
Gentile Signora,
non posso entrare in merito alla terapia farmacologico in atto, se non per constatare che dopo sei mesi la situazione semrba tutt'altro che sotto controllo. Detto questo, il mio consiglio è di rivolgersi ad un centro di cura psichiatrico onde effettuare accertamenti specifici.
Il suo medico curante potrà aiutarla ad identificare il centro di cura più appropriato.

Cordialmente

Daniel Bulla
dbulla@libero.it
[#2] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
gentile utente,

ma e' certa che la diagnosi fosse quella di depressione e il trattamento con lo Zoloft era per la cefalea?
Credo comunque che debba rivolgersi ad uno psichiatra che possa fare una esatta diagnosi

Cordiali Saluti
Dr. F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Ronzani
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
Da quel che si riesce a capire, pare che non sia stata formulata una esatta diagnosi; senza una accurata diagnosi non si può attuare una corretta terapia. In questo genere di problematiche a volte è necessario che lo specialista incontri il paziente più volte per poter capire di cosa soffre esattamente. Appare evidente che la terapia impostata non ha prodotto gli effetti desiderati. Non sempre le terepie meramente farmacologiche riescono nel loro intento. Come primo passo, dunque, è opportuno verificare l'ipotesi diagnostica di partenza, solo dopo che si è definito con sufficiente fondatezza il disturbo di cui soffre la persona, si può seguire una terapia solo farmacologica od un percorso terapeutico più articolato dove una buona psicoterapia agisca insieme ad un supporto farmacologico. Si tenga comunque presente che qualsiasi percorso terapeutico si attui, esso potrà funzionare solo se c'è collaborazione tra terapeuta e paziente.
Cordiali Saluti
dr Giovanni Ronzani
[#4] dopo  
Dr. Silvio Presta
28% attività
4% attualità
4% socialità
FOLLONICA (GR)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
è necessario reimpostare l'iter diagnostico e terapeutico nel suo complesso. A questo punto può perciò essere utile sentire un'altro parere. Se può servirle, a Bologna, presso le Ville Baruzziane, visita il dr. Valter Mignani dell'università di Pisa, clinico molto esperto in disturbi d'ansia e dell'umore.
Cari saluti
Silvio Presta

www.silvio-presta-psichiatra.tk