Utente 621XXX
Buongirono,
nell'ottobre 2003 ho effettuato a 22 anni la mia prima visita cardiologica con ecocardiogramma e visita dal cardiologo che avendo uscoltato un soffio mi ha sottoposto a ecografia al cuore(nn ricordo il nome esatto dell'esame) con referto di soffio cardiaco asintomatico 1 su 6 dicendomi che era tutto ok.
Dopo 2 anni ho effettuato la visita per l'idonietà allo sport(che comunque praticavo gia' senza nessun problema da molti anni) con ettrocardiogramma sotto sforzo, risultato idoneo, il medico alla mia domanda se vi era un soffio mi ha detto che non vi era nessun soffio.
l'anno scorso ho fatto la visita cardiologica per idonieta' a donare il sangue, e il cardiologo ha scritto nel referto "Ritmo sinusale condizione a.v. nei limiti, non alterazione significativa nelle R.V." nn parlando di nessun soffio al cuore.
oggi per la visita annuale per donare il sangue il cardiologo mi ha riscontrato un soffio al cuore, ma parlando gli ho riferito le predette notizie e mi ha detto di stare tranquillo che la cosa era normale e che avendo già fatto ecografia nn vi era la necessita di ripeterla.
Egregio dottore secondo lei devo stare tranquillo????
secondo lei la cosa puo compromettere l'attivita'(calcio-corsa) che partico almeno 3 volte la settimana???
secondo lei dovrei fare altri esami???
quali potrebbrero essere le conseguenze?????
puo essere dovuto magari a una condizione di stress particolare???
quali eventuali sintomi dovrei non sottovaluare???=
la ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, le risponderò in linea ovviamente generale, visto che la sola auscultazione del cuore mi permetterebbe di tranquillizzarla con maggiore sicurezza. Comunque in base a quanto indicato dai precedenti colleghi che hanno potuto visitarla, ritengo che si possa escludere una patologia valvolare tanto più che l'ecocardiogramma praticato è risultato negativo. Il cosiddetto soffio cardiaco è infatti quel reperto auscultatorio legato ai movimenti del sangue attraverso le valvole cardiache che se non costante è un indice di benignità in quanto non espressione di patologie valvolari come nel suo caso.
Stia tranquillo. Saluti
[#2] dopo  
Utente 621XXX

Iscritto dal 2008
la ringrazio di cuore.