Utente 813XXX
Gentili dottori vorrei chiedervi se è possibile che un'influenza virale con febbre a 39-39,3 diagnosticatami lunedì scorso dal mio dottore sia ancora qui a tormentarmi. La visita ha evidenziato gola arrossata e tosse secca. Nulla da segnalare al torace. Prendo da lunedì tachipirina 1000 e da giovedì velamox 1g 2 volte al giorno. E' la febbre insistente che mi preoccupa. Ma se è virale questo virus chi lo debella? Oggi è il sesto giorno di febbre alta.
Grazie e buona giornata

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
In effetti sei giorni di febbre cominciano ad essere un po' troppi... Conviene sentire il Medico che le ha prescritto la terapia e chiedergli consiglio sul da farsi (cambiare antibiotico? aggiungere un fluidificante? eseguire un tampone faringeo? o un Rx torace?).
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 813XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la risposta. Domani chiamerò il mio medico.
[#3] dopo  
Utente 813XXX

Iscritto dal 2008
Io ho in casa Fluimucil 600, secondo lei potrei già cominciare a prenderlo, cioè è compatibile con i farmaci che sto assumendo? Grazie.
[#4] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Ma il problema non e' se il farmaco da lei citato e' compatibile con gli altri che gia' assume: in linea di principio lo sarebbe... ma rimane fondamentale sapere se invece sia compatibile con il suo organismo! E d'altra parte io le avevo fatto alcune ipotesi (ricorda? "cambiare antibiotico? aggiungere un fluidificante? eseguire un tampone faringeo? o un Rx torace?"): lei ne ha scelta una (il fluidificante), ma su quale base? Purtroppo rimane necessario sentire cosa ne pensa il suo Medico Curante...
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 813XXX

Iscritto dal 2008
Scusi sono ancora io. Visto che è domenica se andassi al pronto soccorso me li farebbero subito gli accertamenti che ha suggerito?
[#6] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
In Pronto Soccorso casi come il suo vengono classificati come "codice verde" se non addirittura "codice bianco". Questo comporterebbe un'attesa infinita e la quasi certezza che le verranno prescritti soltanto alcuni farmaci per ridurre la febbre, rimandando il resto degli accertamenti all'attivita' ambulatoriale della settimana prossima o al Medico Curante stesso.
Se tuttavia la febbre e' ancora presente puo' essere un buon motivo per chiamare la Guardia Medica; che comunque lo stesso si occuperebbe soltanto dell'urgenza, rimandandola per gli ulteriori accertamenti al suo Medico di Famiglia...
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Utente 813XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille.
[#8] dopo  
Utente 813XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo Dr Spina le scrivo semplicemente per informarla che dopo la sua risposta del 14 giugno ho chiamato la Guardia Medica che, come lei aveva ipotizzato, mi ha rimandata al mio Medico di Famiglia il lunedì successivo. Ormai esasperata dalla febbre sono andata al pronto soccorso dove, dopo rx torace, EGA, ECG e esami ematochimici la sera stessa sono stata ricoverata con la seguente diagnosi: riscontro di addensamento polmonare basale sinistro, ipossiemia e insufficienza respiratoria acuta. Sono stata ricoverata una settimana e adesso sono a casa a finire la cura antibiotica. Martedì 30 sarò sottoposta ad un ulteriore RX torace. Probabilmente potrà anche non interessare lo sviluppo di questo caso ma poichè voi Medici di Medici Italia siete sempre così disponibili e tempestivi nelle risposte mi sembrava carino informarla.
Grazie ancora per il suo aiuto.

P.S. Gli esami del sangue fatti prima di uscire sono tutti sballati, spero vivamente a causa della malattia.
[#9] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Non e' vero che non ci interessa lo sviluppo del suo caso. Anzi, questo e' la conferma che tutto sarebbe stato piu' semplice se non fosse accaduto in giorni festivi (ricorda? era il week-end del 13/14 giugno), e che purtroppo il Pronto Soccorso deve supplire alle carenze del Servizio Sanitario che appunto di sabato e domenica non riesce a tenere il passo; per di piu' causando l'aggravamento di una patologia respiratoria che alla fine e' arrivata a presentare persino segni di ipossiemia e di insufficienza respiratoria.
Certo, col senno di poi e' facile dire "io l'avevo detto"... ma ahime' e' proprio cosi'! Si ricorda quando la notte tra sabato e domenica le scrivevo "cambiare antibiotico? aggiungere un fluidificante? eseguire un tampone faringeo? o un Rx torace?".
Comunque, come diceva un vecchio cartone animato, tutto e' bene cio' che finisce bene...
Cordiali saluti