Utente 447XXX
Salve a tutti cari medici, ho bisogno del vostro aiuto. Non so cosa mi succede, ho paura non posso vivere così. Mi spiego. Improvvisamente durante la giornata ho dei sintomi strani e non riesco a capire se è l'ansia che me li provoca o se forse ho una patologia che mi provoca ansia, non riesco a capire se è un male fisico o mentale. Mi sento come se mi mancasse il respiro, un senso di rilasciamento come svenimenti ( ma solo una sensazione perchè non svengo completamente), ho la pressione 100-60, e mi sento il cuore come se si fermasse,a volte anche fitte alla testa localizzate ( alle tempie) e poi come una pressione al cervello. Ieri sera ho preso 10 gocce di Lexotan(2,5 mgml) ma senza nessun consiglio medico.A febbraio pensavo fosse il cuore e ho fatto tutti gli accertamenti (holter 24h,ecografia ed elettrocardiogramma)e risulta tutto nella norma a parte qualche evento di extrasistole (12 battiti prematuri) le analisi del sangue, tutto nella norma compresa tiroide. Ad ogni tipo di emozione un pò più forte il mio cuore va in tilt, aumenta vertiginosamente. Ma quello che mi preoccupa adesso è capire perchè ho questi fenomeni di mancanza di respiro e rilassamento, che durano da 15 a 20 minuti ma si ripetono più volte durante la gionata. Sono sensazioni bruttissime,in quei momenti mi passa di tutto nella mente, mi estraneo dal mondo completamente, vi prego auitatemi a capire. E poi ho sbagliato a prendere lexotan? posso continuare o devo smette immediatamente? Aspetto vostre risposte. grazie
cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
ABBADIA SAN SALVATORE (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Ha sbagliato solo perchè autoprescrivendoselo può anche non aver dosato correttamente la posologia o anche perchè potrebbe aver bisogno di altro.
In considerazione del fatto che ha già eseguito accertamenti clinici e strumentali e che non è risultato nulla perchè non seguire la strada di un consulto psicologico nella sua città?
Non mi sembra esista alcuna patologia che, non essendo ancora diagnosticata, possa intrinsecamente provocarle uno stato ansioso.
Esiste invece la possibilità di una paura esagerata in generale per le malattie che possa somatizzarsi con molti dei sintomi descritti.
Prima di perdersi in questa giungla di sintomi e stati d'ansia, e leggendo anche le sue richieste precedenti, magari affronti anche questa tappa. Saluti.
[#2] dopo  
Utente 447XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio tanto! In effetti si, ho una paura generale e forse anche esagerata delle malattie però mi chiedo, è mai possibile che una paura possa provocarmi tutto questo? Provvederò ad un consulto psicologico, con la speranza che possa essermi d'aiuto.
Grazie
[#3] dopo  
Utente 447XXX

Iscritto dal 2007
Ho seguito i vostri consigli e sono andata a consultare uno psichiatra-psicoterapeuta, ho iniziato la psicoterapia( ogni venti giorni) con il supporto farmacologico (Prazene- 5 gocce tre volte al giorno e Citalopram 5 gocce solo mattino )I sintomi si sono un pò attenuati grazie anche al mio impegno, però adesso mi chiedo: c'è la possibilità che poi con il tempo io non riesca a fare a meno di questi farmaci? Cioè possono portare dipendenza? E soprattutto sono dei farmaci "pesanti"?
cordiali saluti
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
ABBADIA SAN SALVATORE (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Gentilissima, per me che sono un anestesista è difficile pensare a dei farmaci.... pesanti e/o leggeri.
Lei ha detto bene.... un miglioramento "grazie al mio impegno". E così deve essere. Aspettiamo che la terapia iniziata dia i suoi frutti.
A questo punto le consiglio di postare i suoi quesiti futuri riguardanti questo argomento nell'area di Psicologia/Psichiatria dove troverà sicuramente valido supporto.
Intanto grazie per averci dato sue notizie.
saluti
[#5] dopo  
Utente 447XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio immensamente per la sua cordialità e gentilezza! Grazie ancora...