Utente 364XXX
Ho 36 anni e ad agosto 2006 ho subito una orchifunucolectomia sinistra per seminoma.
Diagnosi di accettazione: neoformazioni testicolari multiple a sinistra con grave oligospermia, MARKERS NEGATIVI, ipotrofia del testicolo destro per pregresso criptorchidismo.
Esame istologico: <<Il quadro morfologico mostra seminoma “classico”. Si associa una cospicua quota di neoplasia intratubulare germinale. La neoplasia infiltra ampiamente la tonaca albuginea.
Non si osservano chiare immagini di emboli neoplastici endovasali. Funicoli libero da neoplasia. PT1>>.
A febbraio 2007 l’indagine PET evidenziava <<un’area di iperaccumulo del tracciante a livello di una stazione linfonodale iliaca interna sinistra>> e la successiva tac mostra <<una tumefazione linfonodale di 15,8 mm in sede iliaca interna sinistra>>.
Vengo sottoposto a trattamento radiante: 20 sedute, dose totale 36Gy, campi contrapposti AP + PA, posizione paziente supina.
Ad oggi la TAC di controllo eseguita a gennaio 2009 risulta negativa.
Ora qualche giorno ho eseguito dosaggi ormonali con i seguenti valori:
FSH 27.3 valori di riferimento 1.5 -12.4
LH 13 valori di riferimento 1.7-8.6
PROLATTINA 28.6 valori di riferimento 4.04-15.2
TESTOSTERONE 7.35 valori di riferimento 2.8-8.0
ESTRADIOLO 90 valori di riferimento 10-52

Il valore dell’Estradiolo rispetto a quello precedente relativo al controllo di febbraio è passato da 52 a 90, cosa potrebbe indicare?
Anche se mi rendo conto della complessità della situazione, vi sarei grato di una Vostra opinione.
Grazie per la cordiale disponibilità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

l'estradiolo è un ormone ancora di difficile "interpretazione" andrologica generale .

Comunque la sua storia clinica con il movimento verso l'alto delle gonadotropine, secondario al suo problema testicolare, già potrebbe spiegare il suo "rialzo" estrogenico.

Comunque generalmente non scatena nessun nuovo "problema" di tipo oncologico e quindi stia tranquillo e segua serenamente le indicazioni che le daranno il suo urologo ed oncologo.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com


[#2] dopo  
Utente 364XXX

Iscritto dal 2007
Nel ringraziarLA per la cortese disponibilità la mia preoccupazione è legata anche all'ipotrofia del testicolo destro per pregresso criptorchidismo e da alcune letture che considerano la possibilità che l'innalzamento dei valori di estradiolo sia dovuta a tumori testicolari estrogeno secernenti e tumori testicolari con iperplasia surrenale.
Con l'occasione cordialità.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

via tutte le ansie e le inutili paure!

Se si hanno questi timori la prima cosa da fare è sentire in diretta un esperto andrologo che le indicherà, dopo una attenta valutazione clinica diretta, l'eventuale esecuzione di marker più specifici.

Nel frattempo, se desidera altre notizie più dettagliate le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=35780.

Qui potrà trovare anche tutte le raccomandazioni date dal National Cancer Institute statunitense su come fare correttamente l'autopalpazione di un testicolo.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#4] dopo  
Utente 364XXX

Iscritto dal 2007
Nel ringraziarLA ancora per la cortese disponibilità sono in attesa dell'opinione dell'oncologo che mi segue.

Grazie ancora e cordialità.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

se lo desidera , ci aggiorni!

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com