Utente 118XXX
Buonasera,
ho 28 anni e da circa un anno, dopo un brutto episodio di extrasistoli continue/ansia/difficoltà a respirare ( che al pronto soccorso mi è stato diagnosticato come conseguente a reflusso gastroesofageo, curato al momento con Plasil), soffro a periodi alterni di extrasistole. La visita cardiologica effettuata lo scorso anno evidenzia oltre ad un soffio, il prolasso della valvola mitrale (ce l'hanno un po' tutti in famiglia) con un lieve rigurgito. Non ho fatto l'holter.
Aggiungo, se può essere utile che ho una grave forma di mav, un angioma arterovenoso sul gluteo sx, quindi la mia situazione circolatoria non è delle migliori.
Oggi sono molto preoccupata perchè avverto una o più extrasistole appena mi muovo, mi piego, alzo il braccio sx, faccio un minimo sforzo o solo sto in piedi. Ormai ho perso il conto. Sono tutte molto forti e mi scuotono, creando un ceto stato d'ansia. Ho letto che possono essere causate da problemi alla tiroide ( io ho un nodulo ma i valori ormonali sono nella regola)/ da reflusso (mi fu diagnosticato quella volta ma mi dissero che poteva essere anche solo un episodio e non era necessario per il momento fare controlli) e dal prolasso (ma ne può provocare a volte per nulla e a volte così numerose?). Aggiungo che sono al secondo giorno di ciclo e la giornata è caldissima.

Vorrei sapere se con le mie problematiche di soffio/prolasso/rigurgito è preoccupane questo elevato numero di extrasistole, vorrei evitare di andare di nuovo al pronto soccorso, anche perchè tra due giorni ho appuntamento dal cardiologo per approfondimenti. Ma OGGI che faccio?

Grazie per aver letto fin qui e per l'eventuale risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, come da lei indicato le cause di extrasistolia possono essere dovute alle patologie da lei indicate, per cui è importante al momento eseguire un Holter ECG ed eventualmente iniziare un diverso approccio farmacologico. Il collega che la visiterà a breve sarà certamente in grado di poterle dare utili indicazioni al merito.Saluti