Utente 752XXX
Da circa due anni ho una tumefazione all'avambraccio sinistro, che non mi
ha dato finora dolore o altri sintomi.
Mi sono sottoposto recentemente ad una ecografia muscolo-tendinea che ha
dato il seguente esito :

L'esame ecografico condotto con sonda lineare, mirato alla tumefazione
palpabile a livello della regione antero-mediale del terzo medio
dell'avambraccio sinistro, ha evidenziato nel contesto dei fasci
muscolari la presenza di formazione ovoidale (del diametro trasverso
di 4,2 cm per diametro ap di 1,2 cm circa) caratterizzata da ecostruttura
disomogenea (nel cui contesto si evidenziano alcune immagini fibrocalcifiche)
a margini irregolari; il segnale ecocolor doppler evidenzia debole flusso
vascolare endofocale.

Chiedo cortesemente un parere su che tipo di nodulo può essere e se
occorre procedere alla sua asportazione.

Molte Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Se la comparsa della tumefazione è stata preceduta da un trauma accidentale o sportivo,potrebbe trattarsi di un ematoma calcificato.Altrimenti senza perdere la testa per capirne la natura,asportazione chirurgica seguita da istologia.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 752XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo Dottore,

La ringrazio molto per la risposta e relative
indicazioni.

Purtroppo non ricordo, a distanza di tempo, se
ero incorso in qualche trauma (in effetti
ho una muscolatura piuttosto esile e potrei
aver sofferto per qualche sforzo brusco o
sollevamento di oggetti pesanti).

Mi permetta un'ultimo quesito : il medico che
ha eseguito l'ecografia mi ha suggerito una
eventuale RMN se volessi approfondire la natura
della formazione.

Pensa che una RMN possa chiarire qualcosa,
oppure convenga passare direttamente alla fase chirurgica ?

Molte grazie di nuovo.


[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Sia la TAC che la RMN sono senz'altro in grado di fornire maggiori elementi di valutazione a carico di una neoformazione che, soprattutto dal punto di vista accademico, non puo' essere studiata in maniera esauriente con la sola ecografia.
Mi chiedo pero' se valga la pena aspettare per eseguire questo tipo di indagini, peraltro costose (se non per lei quanto meno per il Servizio Sanitario Nazionale!), e sopportare magari lunghi tempi di attesa. Se la conclusione sara' ugualmente l'asportazione chirurgica ci chiediamo: a chi giova?
Il mio personale parere e' che, invece di prenotare una Risonanza, le conviene piuttosto prendere contatto con un Centro Chirurgico della sua citta': se lo Specialista lo riterra' indispensabile si sottoponga pure ad ulteriori accertamenti, diversamente passi senza dubbio alla fase chirurgica. La vera natura della lesione la scoprira', come giustamente gia' suggeritole, leggendo l'esame istologico che di certo verra' eseguito sul reperto asportato.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
La mia risposta è identica a quella del collega Spina.
La saluto
[#5] dopo  
Utente 752XXX

Iscritto dal 2008
Ringrazio di nuovo per i validissimi suggerimenti
che mi avete cortesemente fornito.
Cordiali Saluti.

[#6] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Di nulla.
Cordiali saluti