Login | Registrati | Recupera password
0/0

Congiuntivite allergica primaverile bambini

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009

    Congiuntivite allergica primaverile bambini

    Mia figlia ad Agosto compie sei anni, da circa due annisoffredi "congiuntivite allergica", a febbraio iniziano gli occhi a diventare rossi, con il passare dei giorni gli occhi si gonfiano ed in fase acuta ha nell'occhio un velo, la mattina quando si alza non riesce ad aprire gli occhi per la secrezione che si è formata , oltre ad avere prurito all'occhio ha un prurito persistente in tutto il corpo sopratutto di notte, a volte gli da fastidio la luce interna tanto che dobbiamo stare quasi al buio.Lo scorso hanno abbiamo effettuato le prove allergiche, con esito negativo.Abitiamo in zona di mare in Calabria, ho interpellato la maggior parte degli oculisti in Calabria e tutti hanno fatto delle cure più o meno lunghe con colliri a base di cortisone ed antistaminici, durante il ciclo di trattamenti la bambina sta meglio subitodopo 'interruzione ritornano gli stessi problemi.L'ultimo oculista in cui siamo stati, è considerato uno dei migliori, ci ha prescritto :
    fluaton collirio per 6 giorni ogni tre ore, per 6 giorni ogni 4 ore, per cinque giorni ogni 5 ore, per 5 giorni ogni 6 ore.
    A giugno dello scorso anno ho portato la bambina al Meyer a Firenze dove gli hanno diagnosticato la "vernal" e ci hanno prescritto una cura con collirio a base di ciclosporina al 2% tre volte al giorno, per circa due mesi la bambina
    è stata meglio, poi è ritornato lo stesso problema di prima, ho chiamato al Meyer e mi hanno suggerito, in conseguenza della distanza, di rivolgermi ad un oculista in zona per far visitare la bambina. Dopo la visita gli ha ordinato la cura descritta in precedenza. Ho detto all'oculista che al Meyer gli era stata diagnosticata la vernal, mi ha risposto che non esiste una malattia di questo tipo e che lui era certo che si tratta di una comune congiuntivite allergica e pertanto andava curata a base di cortisone, daltronde anche gli altri oculisti che avevamo contattato hanno fatto la stessa diagnosi e la stessa cura, nessuno mai ha parlato di vernal o di clicosporina.
    Lo sorso anno fino ad agosto abbiamo fatto la ciclosporina a settembre il fluaton a ottobre la ciclosporina poi il malessere è terminato con la fine della stagione.
    A Maggio di quest'anno abbiamo fatto nuovamente il ciclo come descritto con il fluaton, adesso stiamo somministrando del formestin 10 gocce la sera e del collirio Opatanol due volte al giorno ma i risultati sono molto scadenti, ho richiamato al Meyer e mi hanno consigliato di portare la bambina nuovamente a Firenze per una nuova visita.
    Possibile che esistono dei centri specializzati per la vernal in Italia e gli oculisti (10) che abbiamo visitato disconoscono completamente questa malattia ?
    Al Meyer sostengono che il cortisone non deve essere quasi mai usato, tutti gli altri usano il cortisone in modo regolare. Cosa mi consiglia di fare? ho l'impressione che dietro tutto questo c'è solo un interesse per il denaro, e a pochi interessa la salute di queste bambine/i.Grazie da un papà sofferente.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 862 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    innanzitutto un mio minformaVernal conjunctivitis o Congiuntivite allergica primaverile gigantopapillare

    la Congiuntivite Allergica è legata spesso ad una reazione ai pollini, agli acari della polvere, al pelo di animali domestici ed all’aria delle nostre città sempre piena di polveri sottili e di smog.
    Questo tipo di congiuntivite si presenta con occhi rossi,
    prurito incessante, lacrimazione copiosa, fotofobia marcata e bilaterale che sono sintomi costanti ed esaltati alla esposizione agli allergeni.

    La congiuntivite allergica è caratterizzata dalla marcata secrezione sierosa, solo a volte vi è una sovrapposizione batterica e compare anche i secrezione purulenta.
    La congiuntivite allergica è caratterizzata dal forte prurito e dal gonfiore delle palpebre e dalla chemosi congiuntivale.
    Nella forma Vernal , primaverile o giganto – papillare è patognomonica la presenza delle papille congiuntivali tarsali ipertrofiche disposte ad “acciottolato romano”,
    come le antiche strade di Roma. A volte tra queste papilla si possono riscontrare tracce di muco, secrezione purulenta e nelle Donne addirittura depositi pigmentati legati all’uso di cosmetici : tale fenomeno è conosciuto con il nome di
    “tatuaggio congiuntivale”



    L'arrossamento oculare e il prurito interessanoi sempre entrambi gli occhi e sono accompagnati da intensa lacrimazione.
    .

    Sovente, nelle donne la causa è da ricercarsi in un'intolleranza ai prodotti per truccare e struccare gli occhi e ai cosmetici in generale, compresi quelli definiti ipoallergenici.
    La semplice sospensione dell'applicazione del cosmetico irritante consente di ottenere il miglioramento dei sintomi.

    TERAPIA
    Evitare o ridurre al minimo il contatto con l'allergene, laddove però si riesca ad identificarlo , se invece si riusciti ad identificare l’allergene o gli allergeni si procederà a una vaccinoterapia specifica sotto la guida di un buon medico allergologo.
    La terapia di una congiuntivite allergica , soprattutto del tipo primaverile o gigantopapillare (Vernal conjunctivitis) è sempre di competenza del medico oculista .
    La terapia locale che in genere suggerisco si base su prodotti fondamentali
    - colliri cortisonici
    - colliri antistaminici
    ma va iniziata ampiamente prima dell’inizio della Primavera o dell’esposizione prevista all’allergene o al polline.
    In genere i miei piccoli pazienti cominciano la terapia
    Il 15 febbraio con una settimana di un collirio cortisonico con un antibiotico di
    “copertura” va benissimo ad esempio
    la tobramicina associata al desametasone
    la posologia è una goccia di collirio per 4 volte al di per una settimana
    poi invece si passa ad un collirio antistaminico
    qui la posologia cambia a seconda della molecola, ma il periodo di trattamento deve essere di almeno 4-5 mesi.
    Ad ogni buon fine mai e sottolineo mai, ricorrere anche in casi urgenti ai prodotti di libera vendita e molto pubblicizzati che associano antistaminici e vasocostrittori, ma
    se si utilizzano di lenti a contatto , sospenderne immediatamente l’ uso ,
    sospendere immediatamente i trucchi ed i cosmetici in generale (fondo tinta, creme, tonici)
    mettere lacrime artificiali meglio se monodose anche 1 goccia ogni mezzora
    lavare gli occhi con acqua ghiacchiata o
    addirittura applicare un cubetto di ghiaccio sugli occhi

    L'approccio ad una congiuntivite primaverile
    deve poi avere sempe un approccio medico multidisciplinare
    - specialista allergologo
    - specialista immunologo
    - specialista pediatra e specialista oculista.


    SUMMARY :



    The eye is the organ of sight, a nearly spherical hollow globe filled with fluids . The outer layer or tunic (sclera and cornea) is fibrous and protective. The middle tunic layer (choroid, ciliary body and the iris) is vascular. The innermost layer (the retina) is nervous or sensory. The fluids in the eye are divided by the lens into the vitreous humor (behind the lens) and the aqueous humor (in front of the lens). The lens itself is flexible and suspended by ligaments which allow it to change shape to focus light on the retina, which is composed of sensory neurons.Vernal conjunctivitis is swelling of the outer lining of the eyes due to an allergic reaction.Vernal conjunctivitis often occurs in people with a strong family history of allergies. It is most common during the spring and summer.The condition causes itchy, watery eyes. The underside of the eyelids may become rough and covered with bumps and a whitish mucus. The area around the cornea where the limbus may become rough and swollen. If this swelling and roughness moves over the cornea, it may cause scarring and decreased vision.
    Symptoms
    • Burning eyes
    • Discomfort in bright light photophobia
    • Itching eyes
    • Watering eyes
    Avoid rubbing the eyes, because this can irritate them more.Cold compresses (a clean cloth soaked in cold water and then placed over the eyes) may be soothing. The health care provider may prescribe topical corticosteroids to reduce the inflammation. Cromolyn sodium or antihistamine drops may also be prescribed.The condition continues over time, and gets worse during certain seasons of the year. Treatment may provide relief.
    Complications
    Continuing discomfort ,Reduced vision,Scarring of cornea
    Prevention
    Using air conditioning or moving to a cooler climate may help prevent the problem from getting worse in the future.

    Articolo tratto da http://www.luigimarino.com su gentile concessione del Prof. Luigi Marino


    direi che il caso della sua piccola
    va affrontato di concerto con il pediatra
    a Reggio vada dal dottor Giuseppe Guarnaccia
    primario Ospedale Civile
    o appena puo' faccia un salto a Milano


    LUIGI MARINO Chirurgo Oculista riceve
    CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO
    Piazza Repubblica n.21 Milano 02 6361191

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    grazie per la risposta, dunque mi consiglia un pediatra?
    Lunedì fisso un appuntamento con il dott. Guarnaccia.Poi,
    se possibile, gradirei un suo indirizzo diretto.



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 862 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    direi pediatra ed oculista devono dialogare e se poi ci fosse bisogno immunologo...
    mi saluti beppe guarnaccia
    e' un caro amico


    LUIGI MARINO Chirurgo Oculista riceve
    CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO
    Piazza Repubblica n.21 Milano 02 6361191

  5. #5
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    approfitto della sua disponibilità, qualche anno fa un bambino, affetto da congiuntivite allergica con gli stessi sintomi di mia figlia (ma non sono certo che fosse la stessa patologia),è stato curato da un suo collega di Roma solamente con acqua di mare usata come collirio, i risultati sono stati ottimi dopo pochissimi giorni il bambino è stato meglio, da quello che dicono i suoi genitori è guarito.
    Lei pensa che sia una cosa possibile?



  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 862 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    penso che ogni paziente ha un suo problema,
    e nei milioni di varianti possibili di congiuntiviti
    in questo caso
    c'e' stato un miglioramento cosi'
    forse il bambino aveva solo occhi sporchi...
    ma adesso non vanifichi la fatica mia e dei miei colleghi ogni giorno
    di fornire una corretta informazione sanitaria
    e le assicuro che la sua bambina guarira' con una giusta diagnosi,
    una giusta terapia,
    E LA NECESSARIA COLLABORAZIONE DI MAMMA E PAPA'
    che pazientemente eseguiranno la terapia anche se fosse fatta di 1000
    gocce di collirio al giorno ed eviteranno
    di vagare in cerca di una bacchetta magica
    o di acque miracolose...
    buona domenica


    LUIGI MARINO Chirurgo Oculista riceve
    CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO
    Piazza Repubblica n.21 Milano 02 6361191

  7. #7
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    sono stato dal dott. Guarnaccia ha prescritto per mia figlia:
    luxazone 0,2%, okacin 0,3%, per 3 volte al giorno fino a lunedì, poi la vuole rivedere.
    saluti



  8. #8
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    alla seconda visita gli ha prescritto luxazone e o okacin
    due volte al giorno per otto giorni, poi successivamente
    luxazone 1 volta al giorno (la sera) e okacin 2 volte,
    dopo due giorni di luxazone per una volta al giorno gli occhi sono diventati nuovamente rossi come prima dell'inizio della cura con i relativi fastidi.
    é possibile che solamente il cortisone intensivo riesce ad avere risultati? l'uso eccessivo può creare effetti
    pericolosi per il futuro?

    grazie per la sua cortese attenzione

    (tutti i cortisoni usati in passato hanno avuto lo stesso risultato)



  9. #9
    Indice di partecipazione al sito: 862 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    sua domanda
    é possibile che solamente il cortisone intensivo riesce ad avere risultati?
    risposta
    certo che SI

    domanda
    l'uso eccessivo può creare effetti
    pericolosi per il futuro?
    risposta
    per ora non fa un uso eccessivo
    è sotto controllo medico


    un saluto
    suo LUIGI MARINO


    LUIGI MARINO Chirurgo Oculista riceve
    CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO
    Piazza Repubblica n.21 Milano 02 6361191

  10. #10
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Buon giorno Dott.Marino,
    avevamo fatto un ciclo di un mese di Fluaton nel mese di Maggio del c.a.,
    il secondo ciclo di cortisone (Luxazone)dal 23-06-09
    inizio 10 gg 2 volte al giorno,
    10 gg 1 volta al giorno
    poi fino al 13-08-09 (51 giorni)
    a giorni alterni 1 volta al gg.
    dal 14-08-09 fino al 17-08-09 fluaton 2 volte al gg.
    ieri sono stato dal suo amico/collega è mi ha ordinato
    per 10 gg. Luxazone 2 volte al gg.
    per un totale complessivo di 30gg + 60gg = 90 gg di cortisone su 120 giorni (4 mesi)
    durante tutto il periodo oltre al cortisone mettiamo anche 3 volte al gg. visuglican (antistaminico).
    Ho letto una risposta che Lei ha dato ad un altro genitore, "Io lo prescrivo al massimo per una settimana mentre passo ai colliri tipo OPATANOL per periodi molto lunghi almeno 6 mesi...perchè la molecola è concepita per un utilizzo dolce, progressivo e significativo alle lunghe distanze".
    Devo dire che la differenza di interpretazione mi mette in forte agitazione, non vorrei alleviare i problemi oggi e creare danni futuri più gravi.
    Mi dispiace doverla mettere in difficoltà, mi comprenda e mi dia una risposta.
    Grazie




  11. #11
    Indice di partecipazione al sito: 862 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    mio caro amico
    ogni occhio ha la sua terapia ed i suoi tempi...
    naturalmente il dottor Guarnaccia
    che stimo ed è un bravo prpfessionista ha avuto la fortuna di visitare la sua bambina, io no.
    Evidentemente la forma di congiuntivite che ha colpito la sua piccola è molto, ma molto seria
    a presto
    suo
    Prof LUIGI MARINO


    LUIGI MARINO Chirurgo Oculista riceve
    CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO
    Piazza Repubblica n.21 Milano 02 6361191

  12. #12
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    La ringrazio innanzitutto per la sua risposta, ma non volevo mettere in discussione la professionalità del Dott. Guarnaccia che ho avuto modo di conoscere e apprezzare la sua disponibilità, era soltanto per capire la differenza tra due interpretazioni completamente diverse, lei ha ragione quando dice che lei la bambina non l'ha visitata e dunque è impossibile fare una diagnosi certa, ma come le avevo detto precedentemente la bambina l'hanno visitata almeno 10 oculisti tra cui anche l'oculista del Meyer di Firenze, nessuno di loro mi ha mai parlato di una congiuntivite seria, anzi come le già le ho scritto precedentemente, tutti (tranne il Meyer) l'hanno definita "UNA BANALE CONGIUNTIVITE ALLERGICA" lo stesso Guarnaccia non mi ha mai detto che si tratta di una forma seria, al Meyer il Dott. che ha visitato la bambina mi ha detto "che mia figlia è affetta dalla Vernal da non confondere con la congiuntivite allergica", io non faccio l'oculista di professione e capisce che per un "ignorante"
    ci sono molte cose che non hanno un filo logico, anzi al contrario non c'è nessun tipo di uniformità nelle cure.
    In questo momento la bambina ha gli occhi arrossati e spesso ha problemi di fobia, nonostante tutto questo cortisone. Grazie per la sua disponibilità.



  13. #13
    Indice di partecipazione al sito: 862 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    mio caro amico
    ma riesce a mettere bene il collirio negli occhi della piccola??


    LUIGI MARINO Chirurgo Oculista riceve
    CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO
    Piazza Repubblica n.21 Milano 02 6361191

  14. #14
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    dottore, ho detto di essere ignorante non "imbecille",
    tranne che esista una tecnica particolare che nessuno mi ha mai spiegato.
    saluti



  15. #15
    Indice di partecipazione al sito: 862 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    mio caro amico,
    assolutamente non mi permetto di "offenderLa"
    anche io non riesco a mettere il collirio a mia figlia
    piccola , perchè strizza gli occhi in maniera esagerata!!!.
    Non è affatto semplice mettere le gocce di collirio
    correttamente soprattutto negli occhi di un bambino.
    Esiste una tecnica ben stabilita
    e comunque anche con la tecnica ci vuole un mare di pazienza.
    Le ho formulato la domanda
    proprio perchè a volte passando
    dal collirio al gel oculare o alla pomata
    oftalmica troviamo guarigioni insperate...
    Per cortesia controlii bene quando mette il collirio
    e lo faccia vedere anche ad un medico oculista...
    la goccia di collirio
    deve entrare tutta nel sacco congiuntivale,
    niente CIGLIA ...
    a presto e mi ricontatti se non fossi stato chiaro


    LUIGI MARINO Chirurgo Oculista riceve
    CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO
    Piazza Repubblica n.21 Milano 02 6361191

  16. #16
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Carissimo Dott.,mi complimento con lei per la sua pazienza di ferro, in verità ho scoperto che ha ragione, ieri di primo impatto le ho risposto di impulso, poi ho riflettuto su quello che lei mi ha scritto e mi ha fatto pensare, dato che io raramente sono a casa per mettere il collirio a mia figlia, ho chiesto alla persona che lo fa più spesso, e con mia grande sorpresa mi ha detto che effettivamente molte delle gocce escono fuori dall'occhio, lei mette il collirio sull'angolo dell'occhio ma spesso capita che la goccia fuoriesce, sia perchè la bambina tende a stringere l'occhio subito dopo che gli mette la goccia, sia a volte perchè rimbalza sull'occhio stesso ed esce di fuori.
    Ha ragione veduta certifico di essere ignorante ed anche imbecille, un affettuoso saluto.

    P.s. pensa che forse con un gel l'operazione può essere più semplice?



  17. #17
    Indice di partecipazione al sito: 862 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    si provi con
    betabioptal gel oculare
    aspetti che la piccola si addormenta
    e delcatamente mette un pò di pomatina
    nell'occhietto...
    buona serata
    suo LUIGI MARINO


    LUIGI MARINO Chirurgo Oculista riceve
    CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO
    Piazza Repubblica n.21 Milano 02 6361191

  18. #18
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    il betabioptal gel è un cortisone? da mettere quante volte al giorno?
    per quanti giorni?
    il flumetol che stiamo mettendo 2 volte al giorno va eliminato?
    stiamo anche mettendo tre volte al giorno anche il visuglican, inetterrottamente dal 23-06, è da tre gg.che la bambina si lamenta che questo collirio gli procura bruciore agli occhi, sia se lo mettiamo prima che dopo del cortisone è normale?
    grazie per la disponibilità e la pazienza.



  19. #19
    Indice di partecipazione al sito: 862 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    proviamo a mettere il betabioptal gel oculare
    solo la sera per una settimana
    continuando durante il giorno solo con antiallergico non cortisone
    poi mi riaggiorna...
    a presto



    LUIGI MARINO Chirurgo Oculista riceve
    CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO
    Piazza Repubblica n.21 Milano 02 6361191

  20. #20
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    lei scrive:
    "continuando durante il giorno solo con antiallergico non cortisone"
    opatanol o visuglican è uguale? due o tre volte al giorno.
    Comunque vada le sono grato per la sua disponibilità.
    grazie




  21. #21
    Indice di partecipazione al sito: 862 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    preferisco Opatanol
    1 goccia per 2 volte al giorno ed eventualmente lacrime artificiali al bisogno (Systane)
    tenga i colliri in frigo
    la bambina avrà più refrigerio quando li istillerà.
    a presto
    Suo Luigi Marino


    LUIGI MARINO Chirurgo Oculista riceve
    CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO
    Piazza Repubblica n.21 Milano 02 6361191

  22. #22
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    ok, grazie
    a presto



  23. #23
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    ho fatto la cura come da lei mi ha prescritto.
    la mattina intorno alle 13,00 gli occhi si arrossano, e incomincia ad avere prurito e fastidio, poi si addormenta e al risveglio gli occhietti sono meglio, con difficoltà di abituarsi alla luce, nuovamente prima della sera ritorna lo stesso problema del mattino (arrossamento e prurito).
    A differenza del "luxazone", durante l'utilizzo giornaliero gli occhi sono perfetti.
    Come mi consiglia di proseguire?
    Grazie



  24. #24
    Indice di partecipazione al sito: 862 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    Carissimo riesce a chiamarmi stasera sul cellulare 3356028808
    oppure
    iIstituto domani dopo le 1400
    02619112518
    così facciamo due chiacchiere



    LUIGI MARINO Chirurgo Oculista riceve
    CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO
    Piazza Repubblica n.21 Milano 02 6361191

  25. #25
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    sto mettendo, opatanol tre volte al giorno, betabioptal gel 1 volta al giorno.
    Non va bene, questa settimana la bambina ha avuto spesso gli occhi rossi, ma sopratutto non riesce ad aprire bene gli occhi tant'è che ha assunto una postura sbagliata, tende a tenere il collo storto per guardare lateralmente, strizza gli occhi in continuazione e ha difficoltà a stare dove c'è luce.
    Ieri sera non sono riuscito a mettere il betabioptal oggi ha avuto tutti i fastidi sopra descritti.
    Come le dissi l'ultima volta durante il trattamento con il luxazone non ha questi problemi, invece con il betabioptal i fastidi li ha ugualmente.
    Ora ha gli occhi completamente arrossati in modo eccessivo.
    forse il luxazone è più forte come farmaco?
    mettere tutto sto cortisone e non ottenere grandi risultati mi sembra che i possibili danni siano maggiori dei piccoli benefici.
    oramai ho piena fiducia in lei, mi consiglia come procedere? è il caso di fare una visita per controllare qualcosa in particolare?
    lasciare gli occhi così rossi oltre ai fastidi ci possono essere delle conseguenze?
    Non ho parole per ringraziarla per la sua enorme disponibilità.
    saluti




  26. #26
    Indice di partecipazione al sito: 862 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    Certo amico mio il luxazone e' molto più potente!!
    Deve tornare da un medico oculista!!
    Mi chiami stasera o domani
    sul cellulare


    LUIGI MARINO Chirurgo Oculista riceve
    CAMO CENTRO AMBROSIANO OFTALMICO
    Piazza Repubblica n.21 Milano 02 6361191

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 21/06/2009, 21:53
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 18/06/2009, 00:45
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25/06/2009, 15:24
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 28/06/2009, 10:32
  5. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 29/06/2009, 23:22
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,27        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896