Utente 118XXX
Salve, sono un ragazzo di quasi 22 anni, sportivo a livello agonistico professionistico (Nuoto) fino a circa 2 anni fà, poi tra studio e lavoro ho sovuto ridurre l'allenamento... il mio problema che sta ormai diventando un ossessione è un fastidiosissimo dolore (o sensazione visto che non riesco mai a spiegare bene il sintomo)che ho al petto nella zona del pettorale sx (proprio in direzione del cuore) che mi tartassa da ormai la primavera del 2007 a momenti alterni; a volte può venirmi tutti i giorni poi può scomparire e riapparire dopo una settimana e può durare qualche ora... variando l'intensità... passando da fitte a punture a indolensimenti a senso di pesantezza... nell'ultimo periodo questo "dolore" è cambiato e sta diventando un fastidio che si protrae a volte fino al braccio sx (nella parte sub ascellare o comunque nella parte interna del braccio) o alla parte sx del collo. nell'arco di tempo che va dal 2007 ad oggi ho fatto svariati controlli e visite al pronto soccorso; nello specifico ho fatto moltissimi elettrocardiogrammi (spesso fatti da mio zio che è medico chirurgo specializzato in medicina dello sport e del lavoro... nei quali non ha mai riscontrato nessuna anomalia se non un piccolissimo sopraslivellamento della ST di 1 mm superiore al normale; questi elettrocardiogrammi però non son mai stati fatti nei momenti di vero fastidio in quanto spesso questo fastidio svaniva ma comunque nei minuti subito successivi), oltre a questi ho fatto 2 Ecocardiogrammmi color doppler a circa 1 anno di distanza l'uno dall'altro (il più recente circa 1 mese fà da un prof. dell'ospedale di Pisa) dai quali non si evince pessochè nulla di anomalo. inoltre ho fatto 2 prove da sforzo anche queste a circa 1 anno l'una dall'altra (la più recente circa 3 settimane fà) entrambe però concluse a sforzo massimale dalle quali non risulta nulla di anomalo. adesso il mio medico curante mi ha fatto fare una visita da un prof. pneumologo il quale come ultima ipotesi mi ha prescritto una TAC senza contrasto per evidenziare eventuali piccoli enfisemi oppure piccole cisti pericardiche che potrebbero essere causa dei miei problemi; anche se già mi ha detto che non ci saranno al 99% nessuna delle due... tutti i dottori dicono che non si tratta di un dolore cardiaco e che devo stare tranquillo e che devo tenermelo... però mettetevi nei miei panni... io questo dolore ce l'ho... ed è in quella zona molto particolare (se fosse ad un ginocchio non lo guarderei nemmeno) ma lì non riesco a star tranquillo... son fisso a misurarmi la pressione a contarmi le pulsazioni... insomma ho paura... non riesco più a far nulla che ho la paura che mi accada qualcosa... e nessuno riesce a diagnosticarmi la causa di questi disturbi che ho anche ora che sto scrivendo questo messaggio... spero che sappiate aiutarmi... darmi consigli insomma riuscire a intravedere una fine a questo problema...

Grazie a Tutti...
Aspetto una Risposta...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Caro ragazzo, in base a quanto riferito è davvero difficile ammettere l'origine cardiaca del tuo problema, la cui natura sembrerebbe più osteomuscolare, neurologica e/o vascolare. Svolgendo inoltre un'attività fisica impegnativa, tale dolore potrebbe essere legato anche agli stress fisici cui sottoponi la tua muscolatura. In ultima analisi puoi sicuramente tranquilizzarti sulla tua situazione cardiaca, vista la ripetuta negatività degli esami strumentali, nella speranza che tale sintomatologia venga progressivamente a scemare.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
riposto quà le risposte degli esami dopracitati che non avevo sottomano al momento del primo messaggio:

elettrocardiogramma fatto 11/01/08 da mio zio: ST sopraslivellato di 1,5mm in V4, e sovrapposizioni di V su T in V4 (possibile ipopotassicemia??);

Ecocardiogramma del 28/01/08:

monodimensionale:
LVEDd 54mm (28mm/m2)
LVESd 35mm (18mm/m2)
FS% 35%
IVSTd 8mm
PWTd 8mm
AR 30mm
LA 34mm (18mm/m2)
RVEDd 22mm
IVC 21mm

bidimensionale:
EF 65%
LVEDV 76mm (40mm/m2)
LVEVS 28mm (15mm/m2)
LVMI 81g/m2
Atrio e ventricolo Dx nela norma. Atrio sX normale. Ventricolo Sx nella norma per volumi, spessori parietali, cinetica regionale e funzione sistolica globale. radice aortica ed aorta ascendente di dimensioni normali. lieve atteggiamento a prolasso del lembo mitralico anteriore.giunzione epi pericardica normale.

Doppler-color Doppler:
E/A mitrale 80/70, EDT 260ms, rigurgito mitralico lieve, rigurgito tricuspidale lieve con gradiente ventricolo dx/atrio dx massimo 21 medio 13mmHg

conclusioni:
Lieve rigurgito tricuspidale e mitralico.

Test Ergometrico del 30/01/08
pressione arteriosa max 200
frequenza cardiaca raggiunta 162bpm
frequenza cardiaca max % 081
Watt 200
doppio prodotto 32400

conclusioni: Test Ergometrico massimale negativo per ischemia miocardica da sforzo cicloergometro.

Ecocardiogramma del 11/05/09:
Camera ventricolare sx di dimensioni normali (EDD 5,2cm) con normale spessore settale (0,9cm) e spessore parietale (0,9cm). normale la cinetica settale e parietale del VS. FE nei limiti della norma: Stimata 66%. mitrale normocinetica; al CD minimo jet da rigurgito sistolico (+). Bulbo aortico di dimensioni normali(3,2cm). valvola aortica normocinetica. atrio sx di dimensioni normali (3,2 cm). sezioni destre di dimensioni normali. al CD minimo jet tricuspidale con PAPs nella norma. Minimo scollamento epi-pericardico anteriore, privo di dignificato clinico.
conclusioni: reperti nei limiti della norma.

Test Ergometrico del 14/05/09:
FC massima 175
Percentuale su FC teorica 88%
Pressiona max 190/90
DP massimo 332

Fase Basale: FC: 64 PA 130/80 DP: 85 METS: 0 Watt: 0 ST(J+) 80msec ST V5 2,6mm

Picco: FC: 176 PA 190/90 DP: 332 METS: 11 Watt: 225 ST(J+) 80msec ST V5 2,1mm

Fine Prova: FC: 90 PA 120/80 DP: 108 METS: 2 Watt: 0 ST(J+) 80msec ST V5 2,1mm

Interrotto per: Esaurimento muscolare.


questi son gli esami che ho fatto poi ho anche delle Rx toraciche che adesso sono in mano al Prof Pneumologo che vedro venerdì insieme all'esito della TAC... c'è qualcosa che non va? avete un idea di cosa possa essere? io questi fastidi li ho molto spesso... a chi mi consigliate di rovolgermi...?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, in base agli esami da lei riportati, le confermo l'estranietà del suo disturbo ad una alterata attività cardiaca. In assenza di una visita diretta è difficile indicarle una ipotetica diagnosi.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
dalla risposta della TAC non risulta nulla di anomalo quindi anche lo pneumologo mi ha congedato....adesso mi sottoponendo a vari analisi del sangue... stamane mi son arrivate le risposte... e noto che alcuni valori sono fuori dai limiti... vi riposto adesso le risposte e eviudenzio quelli fuori dai limiti:

Emocormo
tutto nella norma apparte i MCHC che è 35,1 (e i limiti di riferimento sono da 30,5 a 35,0) e i neutrofili che sono 1,97 (con limiti che vanno da 2,00 a 6,70)

VES 3
Creatinina 0,79
Proteina C Reattiva <0,10
Creatina Chinasi (CK) 105
AST 17
ALT 16
Proteine Tot 7,2
Elettroforesi delle proteine nella norma
Fattore Reumatoide <9,81 (con limite 9,50 - 21,00)
Ac Anti Streptolisina o (TASO) 264 (con limite posto a <200) <------------------
Ac Anti Nucleo Assenti
TSH 2,42
FT3 3,89
FT4 1,14
Ac Anti-Citomegalovirus IgG 38 (limite posto a Negativo a minore di 10)<--------
Ac Anti-Citomegalovirus IgM Negativo
Ac Anti-Coxsackie A (Ig Totali) 16 (limite posto a negativo o minore di 8)<-----
Ac Anti-Coxsackie B (Ig Totali) Negativo

inoltre ho fatto l'Holter delle 24 ore.. nella quale viene riportata che non c'è nulla di particolare rilevanza se non una costante presenza di sopraslivellamento dell'ST... la cardiologa poi amica di mio zio (anch'esso medico) mi ha voluto ricevere per effettuare un nuovo Ecocardiogramma colro doppler per escludere o accertare la presenza di una Pericardite (suo marito dice che ha avuto gli stessi disturbi che poi si son risolti accertando una pericardite e curandola)... dall'esame ecocardiografico mi ha subito accertato la presenza di una pericardite con uno scollamento massimo di circa 7mm che a suo parere può giustificare i dolori che ho al petto, mi ha prescritto la cura con ibuprofene 400mg 2 volte al giorno per una 15ina di gg... per poi rieffettuare una ECG di controllo dopo un mese dall'inizio delle terapia. unico mio dubbio è questo: è mai possibile che una pericardite sia presente da 3 anni??? e che in 3 anni si sia manifestata sono nell'ultima ECG con uno scollamento di soli 7mm??? dico questo perchè io son 3 anni abbondanti che ho questi fastidi al petto... fastiti molto importanti che mi limitano nella vita quotidiana... sia a livello psichico che motorio... in quanto non mi sento più sicuro nell'affrontare sforzi particolarmente gravosi (e in realtà io sarei anche un nuotatore di alti livelli agonistici che adesso ho abandonato proprio a causa di questo problema... anche se i medici mi dicevano che non era nulla)... nell'ECG che ho fatto nal maggio di questo anno non mi fù riscontrata la pericardite e nella riposta c'è scritto: "presente minimo scollamento non di interesse clinico"... che significa???? questa pericardite può essere dovuta dal COXSACKIE??? come lo posso aver contratto? (l'ipotesi oro-fecale la escluderei... mi lavo le mani non so quante volte al giorno) inoltre accuso continuamente tremori muscolari involontari e continui fastiti alla mandibola, al lobo temporale sx indolenzimenti a gambe, braccia... non è che possa esserci qualche problema di fondo... come qualche malattia particolare??? ci sono esami del sangue che mi consigliate di fare??

grazie a tutti spero che mi rispondiate presto... sto facendo davvero una brutta vita in questi 3 anni... non son più sicuro di niente... mi si stanno smontando anche tutte le mie aspettative...