Utente 156XXX
Mio figlio di 26 anni vive in America, non fuma, non è sovrappeso, fa attività sportiva a livello moderato, in particolare nuoto, ma ha per la seconda volta a distanza di sei mesi una flebite, a una gamba diversa dalla precedente. La prima volta la flebite non è stata individuata dai medici americani ed è dovutp venire a Roma perché gli fosse diagnosticata e curata quando già aveva moltissime difficoltà a camminare e usava le stampelle. E' stato poi curato con anticoagulanti e ha portato per vari mesi una calza elastica. Vorrei sapere quali possono essere le cause di una simile infiammazione in un soggetto così giovane e non a rischio e cosa potrebbe fare per la prevenzione oltre i comportamenti che già mette in atto. Inoltre se la terapia con anticoagulanti è indicata o se esiste una alternativa.
Grazie
Paola

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mario Forzanini
24% attività
0% attualità
16% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2002
la flebite 'giovanile' trova prinicipalmente causa nella cosiddetta trombofilia, vale a dire una tendenza, su base ereditaria, alla ipercoagulabilità del sangue. Esistono esami del sangue specifici per riscontrarla e generalmente c'è anche una storia familiare positiva per trombosi o flebiti giovanili o per aborti spontanei.
Ci sono anche altre cause. In ogni caso il paziente va studiato in ambito specialistico.
La terapia anticoagulante è efficacie e la necessità di protrarla per mesi o anni dipende dai risultati degli esami. cordialità,
[#2] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2003
Grazie, dottore, della sua risposta. Difficile da credere, ma nessuno dei medici già consiltati (quattro) ci aveva detto di fare questo esame.
Paola