Utente 119XXX
Buongiorno, una settimana fa ho avuto un'ustione al polpaccio con la marmitta (senza copertura) dello scooter per una ferita di 10 x 5 cm circa. Ai lati avevo la pelle rossa e sollevata mentre al centro è venuta direttamente via la pelle lasciando sotto la pelle bianca.(non sono andata ne da dottore ne al pronto soccorso)
Ho subito messo Foille per 2 giorni e poi sono passata al fitostimoline.
Il problema è che dopo poco sulla parte centrale si è formato un altro strato di pelle, sempre bianco.
Ieri sono andata dal dottore, abbastanza preoccupata, e mi ha detto che dovevo rimuovore lo strato di pelle che si è creato perchè non fa guarire la pelle che c'è sotto, essendo uno strato di pelle "morta". Mi ha detto di strofinare la parte con garze imbevute di acqua ossigenata e di iniziare poi a mettere Gentalyn Beta.
A casa ho provato con l'acqua ossigenata, ma non c'è stato verso.(nel frattempo ai lati la pelle sollevata è venuta via completamente) Allora, con l'uso di un ago ho cercato di sollevare lo strato di pelle (non con poco dolore)con molta difficoltà visto che è molto duro, sembra "plastica" e poi è attaccatissimo alla pelle che c'è sotto. Purtroppo sono riuscita solo per metà a togliere la pelle, l'altra metà ha lo strato di pelle da togliere veramente troppo sottile per poter usare l'ago.
Come posso fare per togliere anche la parte rimanente? Vorrei togliere tutto al più presto per permettere alla ferita di guarire correttamente.
Ho anche il dubbio e la paura che questo strato bianco si possa riformare.
Con le indicazioni del mio medico (Gentalyn beta e garze di fitostimoline) guarirà la mia ustione?

Grazie in anticipo.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

in linea telematica e non vincolante possiamo asserire che potremmo essere di fronte ad un ustione di III grado che lei non sta trattando a dovere.

L'unico riferimento in questi casi è il dermatologo o il chiirurgo plastico: si riferisca immediatamente ad essi.

cari saluti