Utente 120XXX
Salve.
Mi servirebbe un consulto sul da farsi dopo aver avuto mal servizio odontoiatrico.
Da qualche anno sono in cura da un dentista che a mio avviso sembrava anche abbastanza bravo, ma quest'anno ho avuto dei problemi con dei denti da lui aggiustati allora sono andato a fare un consulto in altri studi e la risposta e' sempre quella: bocca rovinata e da rifare in gran parte.
Per prima cosa ho perso per tre volte la stessa corona a mio parere sempre cementata storta e con materiali scasenti. Poi altra corona posizionata storta dove si formano sedimenti e quindi carie del dente di fianco. Una otturazione male pulita e otturata con conseguente progressione della carie verso la radice ed ora da devitalizzare(se tutto va bene). Una radice post estrazione ancora dentro la gengiva dopo 10 anni. Vari pezzetti di utensili spezzati nei calali durante una devitalizzazione a mia insaputa. Devitalizzazione e ricostruzione di un dente del giudizio a mio parere inutile.
Dopo avere speso qualche migliaio di euro sempre pagati puntualme, ora mi ritrovo con una bocca da rifare. vorrei sapere se fosse possibile e come fare per farsi risarcire delle prestazioni avute e se fosse possibile farsi pagare le prestazioni che dovrò effettuare per risistemare la mia dentatura.
Grazie in anticipo cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
16% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
La via per ottenere un risarcimento è abbastanza complessa, ma non impossibile.
Occorre una documentazione il più possibile precisa e dimostrabile sulle cure effettuate e sulla scarsa qualità delle stesse.
Ad esempio: cemento di scarsa qualità, o corone cementate storte NON SONO DIMOSTRABILI.
Una corona che si stacca 3 volte, ad esempio, è una anomalia facilmente dimostrabile.
Gli strumenti spezzati nei canali sono dimostrabili.

Tenga conto però che il dentista piò essere costretto al risarcimento (o meglio la sua assicurazione) solo per COLPA GRAVE, o NEGLIGENZA, non per un errore comune.
Se così fosse saremmo TUTTI condannabili, e nessuno farebbe mai il dentista, dato che siamo uomini fallaci e mortali, e non infallibili semidei.

Consulti un medico legale, di quelli onesti, che sappia valutare oggettivaemnte la situazione.

Tenga conto che gli avvocati vengono pagati indipendentemente dall'esito della eventuale causa, ed è nel loro interesse far partire la causa di risarcimento.
Tanto, anche se lei la perdesse, loro la parcella la prendono lo stesso.

Nelle sue valutazioni se procedere o soprassedere, tenga conto anche di questo.
Ma, se lei ha in mano documentazioni INOPPUGNABILI di malapratice, proceda senza indugi.

I tempi sono comunque lunghi, e probabilmente la sua bocca non può aspettare.
[#2] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Gent Paziente
solo a completamento di quanto già detto meglio se nella sua zona vi sia un medico legale con esperienza in odontoiatria cosa non frequentissima, infatti di solito si appoggiano poi a odontoiatri con esperienza in odontoiatria legale, ma cosa assolutamente importante è che quanto Le è stato detto sulle eventuali cure non proprio ortodosse corrisponda al vero e quindi che il collega che ha riscontrato quanto da lei affermato sia in grado anche di assumersi la responsabilità delle sue affermazionied in modo scritto ufficiale, altrimenti senta altri pareri prima di agire
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Cappelli
44% attività
0% attualità
20% socialità
AMANDOLA (FM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Quello che hanno detto i colleghi e' sacrosanto.
Vorrei solo aggiungere che esiste un'altra strada.
Sempre che i rapporti tra di lei e il suo ex dentista non siano ormai irreparabilmente rovinati.
Dovrebbe andare da lui, chiedere un colloquio e EDUCATAMENTE, fare presente tutti i problemi che lei ha avuto e che puo' documentare ( meglio se con una relazione medico legale).
Quindi chiedere che il collega attivi la sua assicurazione per la responsabilita' civile terzi assicurando che in tal caso non procedera' per via legale.
IL dentista sara' ben felice di risparmiarsi una umiliante causa e lei evitera' di spendere soldi per lo stesso motivo.
saluti.
Oppure si rivolga all'ordine dei medici competente per territorio che ha tra i suoi compiti quello di dirimere il contenzioso tra pazienti e medici e chieda che si attivino in tal senso ( ma non ci conti troppo).