Utente 695XXX
gentili dottori,

ho sempre avuto un problema con l'eiaculazione precoce, cioè una sensazione spesso di arrivare ad un punto di non ritorno dove non riesco più a gestirmi.
di solito quindi con la mia precedente partner avevamo prima un rapporto orale dove io eiaculavo, e dopo 5 minuti, riuscendo a mantenere l'erezione, avevamo un rapporto ovviamente lungo dettato dalla mia diminuita sensibilità. un giorno però, provando un profilattico ritardante, è cambiato tutto. sono riuscito a gestirmi come mai prima. ho dedotto quindi che potesse essere un problema di sensibilità del glande. il passo successivo è stato passare ai profilattici normali con risultati molto buoni sul controllo, e ovviamente, godendo appieno delle sensazioni che la lidocaina mi toglieva, scordandomi completamente di dovermi controllare in quanto mi veniva naturale. credevo di essere "guarito".

ora che però la relazione tra me e la mia partner è terminata, ho paura che il problema si ripresenti in futuro e di dover, per così dire, rifare tutto daccapo. ora vi chiedo

è plausibile che la causa del mio problema sia una ipersensibilità?
quale rimedio eventualmente?
potreste consigliarmi un buon andrologo nella mia zona (piacenza/pavia) a cui eventualmente fare riferimento dei miei problemi?

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

diagnosi a distanza è difficile farle con i pochi elementi anamnestici che ci fornisce e senza una valutazione clinica diretta.

A questo punto bisogna consultare in diretta un esperto andrologo; dove trovarlo sia il suo medico curante che anche il nostro sito sono fonti a cui lei può fare tranquillamente riferimento.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale le consiglio di consultare anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=27950

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=73034.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com