Login | Registrati | Recupera password
0/0

La cui rx cervicale ha evidenziato una uncoartrosi

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2009

    La cui rx cervicale ha evidenziato una uncoartrosi

    Per il Professor Caruso.
    Gentile Professore,
    sono una signora di 40 anni la cui RX cervicale ha evidenziato una uncoartrosi e spondilosi di C5-C6, C6-C7 con netta riduzione dello spazio intersomatico. Che cosa vuol dire esattamente?
    Il mio medico dice che non è nulla di grave. Ho letto su Internet che la cervicale può portare una compressione dei nervi, dei vasi sanguigni e del midollo, ma anche un’ernia discale.
    I risultati della mia RX possono essere compatibili con la presenza di un’ernia discale?
    I miei sintomi sono:
    1. dolore al collo;
    2. scricchiolii quando lo giro;
    3. bruciori alla nuca;
    4. nausea, soprattutto al mattino e poi alternata per tutta la giornata e quando giro la testa aumenta;
    5. nevralgie sopra gli occhi, ai denti e alla mandibola;
    6. pesantezza alle gambe;
    7. a volte intorpidimento alle mani e ai piedi;
    8. sensazione di instabilità.
    La cura prescrittami e che sto seguendo prevede Nicetile e Dicloreum compresse. Dopo un periodo di visibile miglioramento, da alcuni giorni i sintomi sono ritornati nonostante la terapia che il mio medico dice di continuare associandomi anche un ciclo di massoterapia ed elettroterapia. Comunque i miei sintomi perdurano. A questo punto vorrei chiederLe se la cura che sto seguendo la considera appropriata e se i miei sintomi, soprattutto le nevralgie che mi danno parecchi problemi, sono da imputare alla cervicale. Secondo Lei, devo eseguire qualche altro esame più approfondito e cambiare cura?
    Premetto che sono una persona ansiosa e sono seriamente preoccupata che sia qualcosa di grave.
    Distinti saluti.




  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 21 Medico specialista in: Ortopedia

    Risponde dal
    2009
    Parte dei suoi disturbi (scricchiolio, scroscio osseo) dipendono da un'artrosi delle articolazioni che permettono il movimento reciproco delle vertebre cervicali: la fisioterapia può aiutarla abbastanza: rieducazione motoria, Tens, Massaggi (No trazioni).
    Il formicolio arti superiori può dipendere dalla protrusione discale a livello cervicale: una RMN può confermare la diagnosi ed il grado di gravità.
    La cefalea non dipende dal rachide cervicale se non esclusde altre cause: il neurologo è fondamentale.
    In ogni caso è importante un'accurata visita ortopedica perchè i sintomi aiuteranno nella corretta diagnosi che dovranno trovare conferma negli esami strumentali.
    Distinti saluti
    Dr Vinicio Perrone


    Dr. Vinicio Perrone,
    Specialista in Ortopedia e Traumatologia
    ric. Nardò,Lecce, Mesagne, Mandura,

  3. #3
    Indice di partecipazione al sito: 723 Medico specialista in: Ortopedia
    Medicina dello sport
    Medicina fisica e riabilitativa

    Perfezionato in:
    Medicina manuale osteopatica

    Risponde dal
    2006
    Gentile signora solo adesso noto la sua richiesta di consulto personalmente a me indirizzata e le rispondo subito.
    L'artrosi cervicale che lei ha, come evidenziato dalle radiografie, corrisponde ad una malattia degenerativa delle cartilagini articolari delle vertebre cervicali, oltre ad altri settori vertebrali, oltre a delle discopatie cervicali, ossia a delle sofferenze dei dischi intervertebrali e delle riduzione degli spazi tra una vertebra e quella soprastante e sottostante.
    Queste patologie già dette irritando o comprimendo delle strutture molli esistenti nella regione nucale( vasi, nervi, sistema propriocettivo) o nel contesto scheletrico stesso ( midollo osseo e dischi , arterie vertebrali) determinano quel corteo di sintomi da lei accusati e descritto dalla letteratura specialistica e da me riportato nei consulti al riguardo ed anche nell’ articolo su minforma http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=40246
    Anche la cefalea può derivare senz’altro dal rachide cervicale, sono le tantissime forme di cefalea cervicogenetica pura o associate a cefalee di origine centrale, ossia dal cervello e quindi di competenza neurologica).
    Solo un’accurato e approfondito consulto specialistico ortopedico e fisiatrico può farle una diagnosi chiara che va appurata ed avvalorata da un’esame rmn del rachide cervicale( escludere o meno una protrusione discale o un’ernia discale ).
    Non dovrebbe avere alcuna patologia da trattare chirurgicamente, ma ciò va assolutamente valutato e diagnosticato! Quindi una terapia farmacologica, solo al bisogno estremo, e tanta fisiochinesiterapia specifica ed idonea affidandosi ad un Fisiatra le risolverà tanti disturbi e tanta sintomatologia dolorosa .
    Attualmente in concomitanza con la stagione estiva faccia nuoto, elioterapia, sabbiatura e attività motoria, considerando la sua giovane età. Non si angosci e stia serena che si può ben curare adesso e per il futuro.
    Cordiali saluti





    Alessandro Caruso
    Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
    Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

  4. #4
    Utente donna
    Iscritto dal
    2009
    Prof.Caruso,
    solo adesso ho potuto eseguire RM cervicale con il seguente risultato: Accettuazione della fisiologica lordosi. Riduzione dello spessore dei dischi intersomatici C5-C6 e C6-C7. A livello di C5-C6, si rileva modesta protusione discale ad ampio raggio da mettere in relazione a l'assità dell'anulus (disc bulging); coesiste a tale livello componente osteofitosica intraforaminale destra. A livello di C6-C7 si rileva barra disco-osteofitaria, prevalente a sinistra, che non determina significativa impronta sul sacco durale. Relolare per morfologia e segnale la corda midollare. Canale spinale di ampiezza normale.



  5. #5
    Utente donna
    Iscritto dal
    2009
    Prof.Caruso,
    solo adesso ho potuto eseguire RM cervicale con il seguente risultato: Accettuazione della fisiologica lordosi. Riduzione dello spessore dei dischi intersomatici C5-C6 e C6-C7. A livello di C5-C6, si rileva modesta protusione discale ad ampio raggio da mettere in relazione a l'assità dell'anulus (disc bulging); coesiste a tale livello componente osteofitosica intraforaminale destra. A livello di C6-C7 si rileva barra disco-osteofitaria, prevalente a sinistra, che non determina significativa impronta sul sacco durale. Regolare per morfologia e segnale la corda midollare. Canale spinale di ampiezza normale.
    Cosa significa questo risultato? Può essere compatipile con i sintomi da me segnalati? (formicolii mani e piedi; bruciori e scricchiolii al collo;pesantezza alle gambe; dolori alla mascella; fitte intorno agli occhi; nausea e stanchezza. Cosa consiglia di fare?
    La ringrazio anticipatamente



  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 723 Medico specialista in: Ortopedia
    Medicina dello sport
    Medicina fisica e riabilitativa

    Perfezionato in:
    Medicina manuale osteopatica

    Risponde dal
    2006
    Gentile signora, come le avevo anticipato nel mio precedente intervento questi disturbi da lei accusati derivano dal rachide cervicale e dalle discopatie e protrusioni discali esistenti nel suo rachide cervicale, che aggravano la già esistente condizione artrosica. Come ha evidenziato la rmn! Come tantissime pazienti che normalmente tratto e ben convivono funzionalmente con tali patologie già strutturate.
    Altro che postura !! non c'entra nulla la postura !!
    Ma come pare evidente il suo caso non è chirugico, quindi nessun intervento chirugico di ortopedia o neurochirugia.Come le avevo già detto esegua un accurato ed approfondito consulto ortopedico e sopratutto una visita fisiatrica per dei programmi completi e validi, specifici di fisiochinesiterapia per la sua colonna vertebrale.
    Cordialmente






    Alessandro Caruso
    Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
    Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

  7. #7
    Utente donna
    Iscritto dal
    2009
    gentile dott caruso, a distanza di tempo,mi rivolgo a lei per avere di nuovo un suo parere.La sintomatologia da me descritta precedentemente per il rachide cervicale continua a rimanere(con brevi periodi di leggero benessere).In questo periodo riaccuso di nuovo una sintomatologia molto forte iniziata prima con bruciore alle spalle e poi una forte rigidita'e bruciori al collo con senso d'instabilita'e vertigini,forti dolori al volto e ai seni paranasali e nausea.Presi molti tipi di antinfiammatori con scarso risultato e per ultimo una visita ortopedica dove mi viene consigliato cortisone e tecarterapia.ma neanche questo e' andato bene.Continuo ad avere i sintomi che mi creano parecchi problemi.Lei cosa mi consiglia di fare? e ' del caso rifare un'altra rm cervicale(fatta 6 mesi fa?).Il mio medico curante mi ha parlato di fibromialgia.Potrebbe essere anche quella? Non le nego di essere molto preoccupata perche' non riesco a risolvere il problema.Grazie e gentili saluti



Discussioni Simili

  1. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 16/08/2009, 14:39
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17/05/2009, 20:16
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15/05/2009, 14:30
  4. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 04/05/2009, 16:48
  5. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 09/09/2009, 10:28
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,14        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896