Utente 120XXX
Io ho 31 anni e ho il pectus escavatum da una quindicina. Purtroppo fino ad ora non ho mai fatto nulla per ovviare a questo inestetismo, ma ora voglio farlo. Premetto che io non ho mai avvertito nessun disturbo, ma ho sempre avuto un buon disagio sociale. Il mio sterno rientra di circa 3,5 cm. Vorrei chiedere alcune cose, che riguardano un auspicabile intervento toracico correttivo, con le tecniche di Nuss o di Ravitch:

- Che esami devo fare per avvicinarmi all'intervento?

- L'intervento che costi comporta in totale all'incirca?.

- Che intensità di dolore si avverte dopo l'intervento?

- Dopo quanto tempo si può tornare ad una vita normale, e soprattutto al lavoro?
[#1] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buonasera,

alcune considerazioni (di carattere generale, non avendo avuto la possibilità di visitarla):

- la tecnica di Nuss è consigliabile in giovane età, in quanto l'ossificazione che avviene dopo i 18 anni di età determina un aumento delle complicanze, che in questa tecnica possono essere temibili (migrazioni della barra intratoracica, danno al muscolo cardiaco). Inoltre tale tecnica con sbarra interna è una controindicazione alla Rianimazione Cardio-Polmonare con massaggio cardiaco per il tempo in cui permane in sede la barra endotoracica

- La tecnica di Ravitch modificata da Brunner e Soulama prevede l'asportazione di cunei di cartilagini costali, il rifissaggio delle stesse con punti riassorbibili e il posizionamento di barre d'acciaio esterno (da rimuovere chirurgicamente dopo 6 mesi con un piccolo intervento) oppure, in alcuni casi, di appositi dispositivi di fissaggio a T, permanenti.

- Il dolore è presente nell'immediato postoperatorio e può essere controllato con successo con diverse tecniche di analgesia postoperatoria (anestesia peridulare, elastomeri ev e sc)

- L'intervento è gratuito nelle aziende del SSN. La lista d'attesa è variabile (nella mia Azienda è circa di 7 giorni.

- Gli esami preoperatori prevedono uno studio cardiologico, una TC torace (con studio dello sterno), uno studio della funzionalità respiratoria, esami ematochimici comprensivi di funzionalità epatica, renale, coagulazione e determinazione del gruppo sanguigno.

- Degenza 5-7 giorni, convalescenza 20 giorni per lavori "sedentari", 45 giorni per lavori pesanti.

La saluto cordialmente,