Login | Registrati | Recupera password
0/0

Tac encefalo senza contrasto

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009

    Tac encefalo senza contrasto

    Ho ritirato questa mattina i risultati della TC e non leggo niente di buono per mia madre.
    Volevo chiedervi un parere anche se al più presto andremo dal medico per metterlo al corrente.
    A novembre dopo tantissime discussioni siamo riusciti a portarla da un neurologo perchè accusava fortissimi mal di testa. Dopo una visita accurata l'esito è stato confortante: Troppe preoccupazioni in famiglia (effettivamente è vero,ci sono altri problemi di salute per mio padre). Gli prescrive delle gocce da prendere per 2 mesi, adesso non ricordo il nome e dopo la cura il dolore passa.Per precauzione gli prescrive anche una TC senza contrasto che oggi ho ritirato e vi copio pari passo l'esito: Indagine eseguita solo in condizioni basali. Diffusa ipodensità della sostanza bianca periventricolare,da alterata vascolarizzazione cronica. Area ipodensa, in esiti ischemici, in sede fronto basale bilaterale, più evidente a sn. Analogo significato mostra la piccola area ipodensa in corrispondenza della sostanza bianca in prossimità del vertice, bilateralmente, sul versante anteriore. Millimetrici esiti ischemici anche in corrispondenza della capsula esterna sn. Sistema ventricolare in posizione mediana, più ampio che di norma come per atrofia, associato a maggiore evidenza dei solchi della convessità.Ringrazio fin da ora per una vostra gentile risposta.




  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 2452 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile utente,
    il referto Tc indica una condizione di vasculopatia cerebrale cronica caratterizzata da due ordini di fenomeni, uno di sofferenza ischemica cronica ed un altro di esiti di pregresse ischemie stabilizzate. Come lei dice giustamente, dovrà parlare col suo medico che le prescriverà una terapia adeguata. La mamma dovrebbe tenere sotto controllo pressione arteriosa, glicemia e colesterolo. Poi è opportuno seguire una dieta povera di grassi ed effettuare una certa attività fisica costante. Desidererei sapere l'ètà della mamma ed eventuali sintomi in atto.
    Cordiali saluti


    Dr. Antonio Ferraloro

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Grazie dottore per la sua tempestiva risposta.
    Le dico subito che in attesa della visita col neurologo per fargli vedere gli esiti della tac, il medico gli ha prescritto un compressa al giorno di un farmaco per la pressione.Ricordo solo che data l'ipertensione lieve(150 max - 82 min)il farmaco era di 25 mg.Dagli ultimi esami fatti a febbraio il colesterolo totale era di 158 mg/dl con riferimento da 150 a 250 il colesterolo hdl era 54 mg/dl con riferimento per le donne di >43 mg/dl il glucosio 88 mg/dl con rif. 70-110 mg/dl. trigliceridi 103 mg/dl con rif. 74-172 mg/dl.
    L'età di mia madre e 67 anni e affetta da molti anni da epatite c sfociata in cirrosi.Nel maggio 2007 finisce cura con interferone e ribaverina con ottimi risultati, il virus c (genotipo 4) è sparito, rimane la cirrosi che è costantemente sotto controllo con esami ematici ed ecografie. Ha subito una legatura di varici esofagee perchè aveva dei segni rossi, tuttora sotto controllo ogni 6 mesi ma mai più ripresentate. A parte quest'ultimo farmaco per la pressione non prende niente, in casa è sempre in movimento per fare i mestieri quindi la ginnastica non manca.Riferisce solo stanchezza ma che passa dopo poco tempo non appena inizia a svolgere i mestieri di casa.Dopo questa scoperta, una cosa che mi ha lasciato perplesso è il fatto che da moltissimi anni sente il braccio e la gamba sinistra meno sensibile della parte destra ma senza nessun deficit di movimento.Non ci aveva mai detto niente pensando fossero dolori passeggeri. Penso che quest'ultimo sintomo sia da riferire alle micro ischemie avute ??
    Grazie dottore
    cordiali saluti



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 2452 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile utente,
    noto con piacere che l'assetto lipidico (colesterolo e trigliceridi) e la glicemia sono assolutamente nella norma. Anche i valori pressori non sono preoccupanti, in più ha iniziato una terapia antipertensva.
    Il lieve deficit della sensibilità all'emilato sx potrebbe essere dovuto alle piccole lesioni ischemiche cerebrali avute in passato, a meno che non ci siano problemi alla colonna lombare e cervicale che potrebbero pure provocare tale deficit di sensibilità.
    Cordialmente


    Dr. Antonio Ferraloro

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18/07/2009, 15:18
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21/07/2009, 18:23
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 26/07/2009, 12:51
  4. Una tac encefalo
    in Neurologia
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 17/08/2009, 17:00
  5. Numerose lesioni focali
    in Neurologia
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 25/05/2009, 17:53
ultima modifica:  03/09/2014 - 0,08        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896