Utente 384XXX
Gentilissimi dottori,
ho 20 anni e da sempre soffro di una ipersensibilità al glande che mi impedisce ogni genere di contatto. Con le prime esperienze sessuali avvenute circa 3 anni fa ho capito di avere un problema non indifferente perchè da bambino e prima di tali esperienze non ho mai fatto caso al problema pensando di essere normale. Documentandomi ho capito di avere una fimosi non serrata che è sicuramente causa dell'ipersensibilità al glande. Facendo della ginnastica prepuziale riesco in pochi giorni ad "elasticizzare" il mio prepuzio fino ad ottenere una scopertura ottimale del glande, ma onestamente non mi serve a niente se il glande non posso nemmeno sfiorarlo. Assolutamente sono cosciente del fatto che necessito di una visita andrologica diretta per la fimosi e con chi si occupa delle mucose genitali per il glande, ma la mia paura più grande è quella di subire un intervento di postectomia non tanto per l'operazione in se quanto per il post operazione che con l'ipersensibilità che ho sarebbe una vera e propria tortura. La mia intenzione sarebbe quella di provare qualsiasi cosa prima dell'operazione, tentando qualche terapia che mi permetta di anestetizzare il glande tranquillamente a casa e tenerlo scoperto il più possibile. Certo se poi il tutto dovesse dimostrarsi inutile valuterei la possibilità dell'operazione di cui ripeto, temo la degenza a cominciare dall'inserimento del catetere per urinare a finire con le automedicazioni che dovrò fare a casa DA SOLO e con tutto il dolore che naturalmente avrò a causa dell'ipersensibilità di partenza. Ritengo di non essere in grando di applicare nessuna pomata antibiotica e nessuna benda sul glande quindi il mio problema è combattere con questo dolore che conosco fin troppo bene.
Chiedo scusa per la lunghezza del mio intervento e spero di ricevere risposte e consigli perchè ad oggi posso avere rapporti sessuali solo grazie al profilattico che mi fa rimanere il glande coperto e curo la mia igiene solo grazie a leggeri getti d'acqua e sapone...se è possibile io vorrei guarire senza l'operazione in virtù del fatto che la ginnastica prepuziale da i suoi frutti, e a tal proposito vorrei conoscere il vostro parere in merito alla mia situazione e al possibile da farsi. Grazie anticipatamente a tutti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,
i suoi dubbi sono abbastanza comuni e li hanno quasi tutti i pazienti che presentano tale ipersensibilità del glande.
nella mia esperienza ho potuto operare svariate decine di ragazzi ed adulti con tale problema e non ho mai rilevato problemi "drammatici" nel periodo postoperatorio se si esclude un particolare, maggiore disagio legato allo sfregamento con la biancheria, in genere facilmenete gestibile con semplici applicazioni locali, fino alla completa risoluzione nel giro di settimane o un paio di mesi.
Nessuno usa il catetere per l'intervento di postectomia, circoncisione, che può essere fatto in anestesia locale, ambulatoriamente.
si affidi ad un urologo. A palermo ne troverà di assai validi.
cari saluti