Utente 994XXX
Gentilissimi Dottori,
da tempo soffro di gastrite da riflusso la quale oltre ai soliti classici fastidi (bruciori di stomaco e lungo il tratto esofageo) mi ha anche provocato una infiammazione cronica del tratto orofaringeo,tonsilliti e gengiviti.
Da esami effettuati è risultato una flogosi cronica del corion con lembi di mucosa gastrica antrale. Vorrei "affrontare il problema" con una terapia omeopatica e desidereri conoscere un Vs. gentile parere a riguardo su quali potrebbero essere i rimedi più idonei.
Un sentito grazie.
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
la scelta della terapia più idonea non può prescindere da una diagnosi accurata. Questo vale per la medicina omeopatica in misura particolare perché la selezione dei farmaci da impiegare si fonda non solo sul tipo di patologia, ma soprattutto sul rilievo di aspetti strettamente individuali.
E' dunque importante conoscere il quadro endoscopico, se vi è stata efficacia parziale di altre terapie, se vi sono sintomi di accompagnamento apparentemente non collegati direttamente alla condizione di malessere...
Inoltre non si può prescindere, indipendentemente dal tipo di approccio terapeutico, dall'impiego razionale di quegli accorgimenti nello stile di vita che interferiscono in maniera positiva sulla condizione; le allego a questo proposito il link per l'articolo disponibile sul sito:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=93398
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 994XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno Dottore,
torno sull'argomento a distanza di qualche anno perchè la situazione si è aggravata. Dopo numerosi episodi di epigastralgie continue, sono stato sottoposto ad una serie di esami quali rx, ecografia, ph metria.
Si sono evidenziati chiaramente numerosi episodi di gastrite da reflusso, cardias beante, pseudopolipi (mi sta bruciando le corde vocali! operato di cisti laringe) e anche di bile fangosa (piccole coliche da sali biliari?).
Sto assumendo IPP e acido ursodessosicolico. Mi chiedo se non sia controproducente (ma necessario) l'assunzione di quest'ultimo in quanto acido....
Inoltre possono essere assunti in contemporanea?
Grazie della risposta che vorrete darmi.
Un saluto cordiale.
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
l'assunzione contemporanea di acidi biliari con IPP è possibile.
Per quanto la denominazione sia "acido", il farmaco viene assunto in forma gastroprotetta e utilizzato nella forma salificata, quindi non determina insulti alla mucosa gastrica.
Se la presenza di fango biliare condiziona episodi frequenti di colica, dovrà sottoporsi ad una valutazione chirurgica.
Cordiali saluti.