Utente 120XXX
Salve. Sono una donna di 45 anni trapiantata di fegato nel 2003 in seguito ad una Budd Chiari quindi come tutte le trapiantate prendo l'immunosoppressore(PROGRAF)e un anticoagulante (COUMADIN)per mantenere l'INR tra 2 e 3.Tempo fa mi hanno riscontrato nell'ovaio sinistro una cisti di circa 5 cm.Fino al mese scorso non ha dato problemi(tenendola naturalmente, sempre sotto controllo)Questo mese invece oltre ad avere dei dolori allucinanti al basso ventre ho avuto un ciclo mestruale molto abbondante con dei coaguli frequenti al tal punto che il mio emocromo si è abbassato a 6.03. Il mio ginecologo mi ha prospettato delle soluzioni per poter gestire meglio il ciclo mestruale e cioè o una spirale o una puntura mensile al progesterone che possano ridurre di molto il ciclo.Quello di cui ho bisogno di sapere è se posso fare ricorso ad una di queste soluzioni o se per caso ce ne siano altre che comunque non vadano in conflitto con il mio status di trapiantata(immunosoppressa) e non vadano in contrasto con il trattamento anticoagulante.Sperando di avere al più presto una Vostra risposta Vi porgo Cari saluti .Grazie
[#1] dopo  
Dr.ssa Fiorenza Silvana Tempini
24% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2009
Cara Signora
le suggerisco di rivolgersi ad un ginecologo che eserciti nella stessa struttura dove lei ha effettuato il trapianto in modo che i due specialisti possano più facilmente consultarsi
In linea di massima non vedo come la spirale possa regolarizzare il suo ciclo
Segnali al centro trapianti l'assunzione eventuale di progesterone per eventuale modifica del dosaggio degli immunosopressori
Spero che nel frattempo lei abbia fatto qualche cosa per la sua anemia(trasfusioni?assunzione di Ferro?)
Cari auguri
[#2] dopo  
Utente 120XXX

Iscritto dal 2009
la ringrazio per avermi risposto comunque immaginavo questa risposta.E' da due mesi che cerco di risolvere il problema senza esito .purtroppo la struttura dove ho fatto il trapianto è troppo lontana dalla mia città ed io sono stanca ormai di viaggi della speranza e di medici che quando hanno davanti un trapiantato mettono le mani avanti come se io non mi dovessi più ammalare di altro e non si prendono nessuna responsabilità.Dovrebbero essere loro(il ginecologo nel mio caso) in grado di sapere,qualsiasi sia la propria specializzazione, se una persona immunosoppressa e scoagula (esistono i prontuari medici con tutte le controindicazioni) ,quale terapia eseguire o quale farmaco assumere; certo non sarà magari lei perchè non può conoscere la mia amnesi clinica ma un altro dottore presentando la mia cartella clinica potrà?BO......forse.Scusi per lo sfogo e ancora grazie
[#3] dopo  
Utente 120XXX

Iscritto dal 2009
Scusi dottoressa TEMPINI se torno a disturbarla ma proprio oggi il mio ginecologo mi ha proposto di fare una puntura mensile di" ENANDONE".A questo punto mi chiedo se questo farmaco abbia delle controindicazioni per un persona scoagulata (tengo l'INR tra 2 e 3 )e immunosoppressa con TRACOLIMUS;le ricordo che sono una prapiantata di fegato dal 2003 in seguito ad una BADD CHIARI.Aspetto con ansia una sua risposta .
A proposito la mia emoglobina è salita a 11.9.Ancora tante grazie