Utente 102XXX
Buongiorno, da circa un mese sto seguendo una terapia(ionoforesi,laser,ultrasuoni) per una microplacca di circa 3 mm al setto basale del pene di probabile natura IPP. Associata alla terapia fisica mi è stata consigliata questa terapia:
Proxana mattina e sera 1 compr.
Trental 400 e Branigen bustine dopo colazione e dopo cena
Sursum 400 a pranzo
Proxeed buste mattina e pomeriggio

Ora ho tolto il proxeed perchè avvertivo una certa tensione addominale e l' andrologo mi ha detto che questa terapia,volta anche ad abbassare il livello dei radicali liberi (359,6 Ucarr)(è elevato ?) dovrebbe durare 3 mesi...Vorrei sapere se è opportuno prendere tutte queste medicine, perchè in alternativa mi ha proposto una terapia della durata di 6 mesi (oltre al costo non proprio contenuto)a base di JUICE PLUS e VINEYARD,prodotti naturali ma di cui non so se fidarmi o meno per via soprattutto degli effetti collaterali...
In abbinamento ai medicinali posso prendere dei fermenti lattici tipo Yovis per "sistemare" l' intestino ?
Se al posto dei medicinali o integratori mi rivolgessi ad un dietologo nutrizionista ? Grazie anticipatamente..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
veramente sono fra coloro che ha più studiato e pubblicato su radicali liveri e IPP pertanto, pur nella confusione che regna rispetto a questo argomento la terapia va fatta, per di più qua non possiamo certo contraddire quanto detto dal suo andrologo in diretta. Lo Yovis male non fa, mal che vada fa nulla.
Con tutto il rispetto per i colleghi dietologi e nutrizonisti non c' entrano nulla col suo problema.