Utente 121XXX
Un saluto ai gentili medici,
Ho 36 anni, longilineo, esami del sangue nella norma (compreso la tiroide), non fumo, non bevo, svolgo regolare attività fisica (30 minuti di corsa leggera)e circa due anni fa a seguito di visita specialista il cardiologo - dopo aver percepito un "click" mesosistodistolico - mi ha dagnosticato, mediante ecocardiogramma con grafia cardiaca, un prolasso della valvola mitralica con minima insufficienza valvolare. Il mio problema sono fastidiose extrasistole che percepisco da un anno (circa trenta al giorno). Il test di holter nelle 24 ore ,due mesi orsono, non ha evidenziato problemi: "ritmo sinusale interrotto a sporadici battiti ectopici sopraventricolari e ventricolari, non significative modificazioni di st-t, non relazione tra sintomi riportati e registrazione holter". Desideravo dunque sapere se le extrasistole possano dipendere dal prolasso mitralico e se è opportuno completare l'iter diagnostico con altri esami. Ringrazio anticipatamente e porgo distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Spesso il prolasso della valvola mitrale si associa ad una extrasistolia. Nel suo caso tuttavia, come testimoniato dall'Holter eseguito, tale fenomeno no risulta preoccupante.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 121XXX

Iscritto dal 2009
Grazie molte.