Utente 858XXX
buongiorno cerco di riassumervi la mia situazione:
circa 8 anni fa' sono stato assunto in una grossa azienda.
i primi 6 anni ho fatto un lavoro massacrante per la schiena(costruivo binari ferroviari) e ho iniziato a soffrire di mal di schiena ,scoprendo di avre una protusione e un'ernia vera e propria.
trascinata per 6 anni un bel giorno non riuscivo piu' a guarire,e chiedendo una visita all'azienda allegando risonanze ,certificati etc ,mi hanno fatto fare 8 mesi(andando ogni mese al controllo)di lavori leggeri ,levandomni in pratica la movimentazione manuale da carichi.
ho anche chiesto di essere spostato ma i capi pensavano fossi uno scansafatiche!e mi hanno pèraticamente ricattato...o sei idoneo e quindi resti dove sei o inidoneo ..
alla fine dopo 8 mesi mi hanno fatto idoneo.
dopo un anno tramite un concorso interno sono riuscito a spostarmi in un posto un po' meno faticoso ma pur sempre con movimentazione manuale di carichi .
poi a settembre di quest'anno ho avuto un 'attacco di sciatica parallizzante con grave deficit al piede destro causato da ernia del disco l4-l5 espulsa.
operato d'urgenza,dopo due mesi di mutua vado alla visita di controllo dove mi danno di mese in mese lavori leggeri per 3 mesi e dopo mi fanno idoneo.
purto9ppo non sono mai stato bene ed ho avuto recidiva di ernia e aderenza cicatrice,risultato sono stato rioperato un mese fa' per asportazione cicatrice e recidiva e mi e' stato messo un'ammortizzatore in titanio.
ora il mio quesito e' questo,molti medici mi hanno consigliato se possibile di cambiar lavoro perche' 2 volte operato comunque sono a rischio .
ora tornero' alla visita di controllo ma vi chiedevo siccome la mia azienda e' grande e ci sono le possibilita' per essere spostato ha fare mansioni piu' leggere ,ovviamente loro dovrebbero farmi idoneo con nota non idoneo a movimentazioni manuale da carichi.
cosa pensate debba fare? ci sono le condizioni?
[#1] dopo  
Dr.ssa Susanna Borriero
24% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
la normativa prevede che nel caso di non idoneità alla mansione il lavoratore venga adibito ad altra mansione compatibile con il suo stato di salute. Solo nel caso in cui non esistano mansioni compatibili con le prescrizioni del medico competente, e questo possa essere dimostrato, il lavoratore rischia il licenziamento. Le sue condizioni di salute certamente giustificano e richiedono una esclusione dalla movimentazione manuale dei carichi, i presupposti sembrerebbero esserci tutti ma solo il suo medico competente conosce perfettamente le condizioni di lavoro e può dare indicazioni piu' precise.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 858XXX

Iscritto dal 2008
si ma purtroppo l'azienda dove lavoro ha il proprio staff sanitario,che mi manda ha visita una volta al mese con un'ortopedico chiamato da fuori(che manco ti visita parliamoci chiaro",dopodiche' il medico competente(che neanche vedo" a seconda del suo parere e guardando anche cosa ha scritto l'ortopedico e giudica.
ma siccome per due volte dopo qualche mese mi hanno fatto idoneo a tutti gli effetti, se lo rifanno di nuovo cosa devo fare stare zitto e arrivare a rovinarmi la salute?so che posso fare reclamo ma mi chiedevo per non arrivare a questo devo allegare qualche documentazione e
chiedere io il cambio mansione?insomma qual'e' il modo piu' efficace?
poi avevo un'altro quesito:
secondo lei ci sono i presupposti per una malattia professionale?
so' che l'hanno tolta dalle tabelle , dimostrando che l'ernia discale ti puo' venire anche per causa fuori dal luogo di lavoro,pero' portare bombole dell'ossigeno da 85 kg in due persone attraversando binari con ostacoli e su un terreno di ghiaia e rotaie ?
certo ti spiegano che puoi portare solo 25 kg potevo rifiutarmi.........
scusate lo sfogo.
aspetto risposte in merito all'idoneita' e la malattia professionale.
grazie della celere risposta che mi avete dato.
saluti
ricky.
[#3] dopo  
Dr.ssa Susanna Borriero
24% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Sig.Ricky,
comprendo il suo sfogo. Volevo sapere se lei oltre a sottoporsi alle visite ortopediche richieste dal Medico Competente abbia mai fornito allo stesso medico i referti che le hanno rilasciato gli specialisti da lei consultati. Lei ha il diritto di richiedere al datore di lavoro una revisione del giudizio di idoneità (visita medica straordinaria) ed eventualmente il cambio di mansione per motivi di salute. Presenti la richiesta nella quale indicherà anche di essere in possesso di referti medici atti a supportare la sua domanda e che li consegnerà in copia al medico competente. Nel caso il collega non riterrà di dover apportare modifiche al giudizio allora non resta che la via del ricorso alla asl.
Per quanto concerne le patologie della colonna vertebrale da movimentazione manuale di carichi esse sono contemplate alla voce n.03 del gruppo II della Lista 1 (origine lavorativa ad alta probabilità) delle malattie professionali, direi che i presupposti ci sono anche se ciò non vuol dire che le venga riconosciuta automaticamente.
Sperando di esserle stata di qualche utilità la saluto cordialmente
[#4] dopo  
Utente 858XXX

Iscritto dal 2008
buongiorno ,intanto grazie per la risposta.
certo i certificati li avevo allegati,e sono sempre nella mia cartella medica che loro ogni volta aprono.
pensi che c'erano certificati di primari che dicevano che sarebbe meglio evitare lavori pesanti per la schiena per non aggravare la mia situazione clinica.
comunque all'epoca non mi avevano ancora operato,ora quindi mi faro' fare una relazione medica dal neurochirurgo, o e' meglio qualche altro specialista?.
un'altra cosa, mi faccia capire ,loro di prassi dopo 20 giorni di malattia ti chiamano per visita medica,e poi iniziano a darmi lavori leggeri per un mese e poi ogni mese cosi via.
potrei allegare la documentazione e sperare che stavolta si mettano una mano sulla coscienza,oppure devo proprio richiedere questa visita straordinaria per cambio mansione?
grazie e mi scusi ancora ma mi rendo conto che sono ignorante in materia e mi e' di molto aiuto capire meglio.
saluti
ricky
[#5] dopo  
Dr.ssa Susanna Borriero
24% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gent.mo Sig. Ricky, si faccia fare una relazione ben circostanziata dal neurochirurgo e la consegni ufficialmente al medico competente. Da quanto mi dice, capisco che il collega le da una idoneità con limitazioni di tipo temporaneo per cui, alla scadenza, la visita per un nuovo giudizio di idoneità. Penso che se presenta una relazione aggiornata del suo neurochirurgo o comunque emessa da un reparto specialistico di struttura pubblica il collega ne terrà conto. Se ciò non dovesse accadere, suo malgrado, dovrà necessariamente chiedere una revisione del giudizio di idoneità rivolgendosi alla asl.
Un saluto
[#6] dopo  
Utente 858XXX

Iscritto dal 2008
buongiorno,la ringrazio per avermi chiarito le idee.
venerdi' faccio la visita di controllo dal neurochirurgo e vediamo cosa ne pensa lui,io mi auguro di tornare in forma e poter fare anche il mio lavoro,ma visto le recenti scottature sono scettico.
mi faro' relazionare,a fine agosto andro' a visita allegando la documentazione.
poi cerchero' se possibile di parlare al medico competente e spiegare la situazione.
speriamo bene.
grazie ancora
saluti
ricky