Utente 747XXX
Salve, sono un ragazzo di 23 anni e volevo chiedere delle informazioni che non riesco a reperire in forma completa altrove (magari cerco male io, tutto può essere). Da sempre ho sofferto di eiaculazione precoce (arrivare a un minuto di continua stimolazione senza "finire" sarebbe un risultato), ma per un motivo o per un altro ho rimandato le visite necessarie fino all'anno scorso. L'urologo che mi ha visitato (scelsi urologo e non andrologo perchè al tempo avevo anche problemi di coliche renali, poi risoltesi) notò la presenza di fimosi e frenulo corto e disse che probabilmente erano cause anche del mio problema eiaculatorio.
Il mese scorso ho effettuato intervento di circoncisione e frenuloplastica e un paio di giorni fa mi sono "caduti" gli ultimi punti, così oggi ho deciso di provare le nuove sensazioni post-intervento, in tutta tranquillità (mai avuto ansia da prestazione, scrivo adesso giusto per il motivo che vorrei sistemare questo fastidioso problema se possibile visto che non penso possa sparire da solo) e il risultato é stato il solito, tutto finito in una trentina di secondi.
Ora mi chiedo, prima di prenotare una visita andrologica, quali altre sono le cause organiche possibili (in dettaglio) per questo problema, posso effettuare esami di laboratorio nel frattempo così da avere qualcosa da portare all'andrologo?

Riguardo alla circoncisione oramai non sento dolori, giusto ancora un leggero fastidio in piena erezione che l'urologo dice essere normale per adesso e ho notato che si sta formando una sorta di leggero strato più chiaro sul glande (cheratinizzazione?) che però non ha ancora raggiunto la corona (la zona più sensibile per me), se e quando la raggiungerà potrei avere dei miglioramenti sui tempi di eiaculazione (visto che da quello che ho capito la cheratinizzazione funge da scudo protettivo che densensibilizza in parte il glande)?
Inoltre la corona del mio pene ha sempre avuto un colore più scuro (sul viola) rispetto al resto del glande, potrebbe essere questa la causa di tale sensibilità, probabilmente causata dalla fimosi, e in caso positivo dovrebbe migliorare da sola (adesso che sono circonciso) o devo prenotare una visita dermatologica (magari proprio al posto di quella andrologica?)

Sarei quindi infinitamente grato se poteste rispondere ai miei quesiti ed elencare appunto altre cause organiche possibili (giusto per conoscenza mia)
Mi complimento infine per questo sito veramente ben fatto e in grado di risolvere problemi/dubbi che altrimenti richiederebbero tempo addizionale (ovviamente per le diagnosi si va sempre dal medico/specialista).
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
L'intervento di circoncisione potrebbe diminuire il problema di eiaculazione precoce diminuendo la sensibilità della cute del glande . Non esistono esami specifici per l'eiaculazione precoce.
Le cosiglio di eseguire comunque una visita andrologica.

Distinti saluti