Utente 998XXX
gentili dottori, ho 21 ed è da ormai più di un anno che avverto dolore all'addome, appena sopra il pube ma leggermente spostato a destra. per questo motivo sn stata sottoposta ad un'operazione di appendicectomia semplice a fine aprile la quale ha migliorato le mie condizioni, fino a qualche giorno fà. La presenza di addome gonfio era sparita e così il dolore che avvertivo in corrispondenza della valvola ileocecale e relativo gonfiore di questo tratto intestinale. Sembrava essere sparito anche il metorismo e il colon irritabile. Qualche giorno fà il dolore in corrispondenza della volvola ileocecale è tornato e dopo qualche altro giorno anche il gonfiore in questo punto. il dolore si estende per tutta la gamba destra e la schiena. In corrispondenza di questo punto, a livello della vertebra l5, s1 mi è stata diagnosticata, tramite risonanza magnetica, una protusione. ci è voluto un anno per capire che si trattava di appendicite, e questa è risultata realmente infiammata, ma ora mi sorge un dubbio: se non fosse stata solo questa la causa dei miei disturbi? ora dovrei stare bene invece sento ancora dolore, delle volte mi impedisce il sonno. le ecografie prima e dopo l'operazione non hanno evidenziato nulla di particolare, idem la visita ginecologica con relativa ecografia. i miei reni sembrno funzionare fin troppo bene. che esami potrei effettuare? posso escludere alcuni tipi di patologie, per esempio all'apparato genitale? talvolta capita che il dolore si amplifichi dopo un rapporto. sono molto preoccupata, temo per qualcosa di grave anche se l'esame macroscopico effettuato sulla mia appendice non ha evidenziato nulla se non residui minimi di appendicite acuta, appendice vermiforme di 6,5 cm con sierosa iperemica e mucosa normo-trofica. esami del sangue e delle urine nella norma. vorrei aggiungere che, come prima dell'operazione, svegliandomi durante la notte, sento gonfiore visibile e percettibile anche toccandolo, della zona in questione, diciamo dall'inizio dell'intestino retto fino all'anca come una specie di tubo ingrossato. ringrazio chiunque vorrà fornirmi un parere visto che dopo un anno la mia pazienza comincia ormai ad esaurirsi. distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Non escluderei che le cause, prima dell'intervento, potevano essere due: quella relativa all'appendicite e quella di pertinenza ortopedica, che infatti gia' era stata supposta. Adesso che l'appendice non c'e' piu' e' doveroso quindi effettuare un controllo ortopedico.
Non e' possibile neanche escludere altre cause, per cui, a giudizio del suo Medico Curante, potrebbe essere utile anche ripetere un'ecografia completa dell'addome pelvi e/o un consulto Ginecologico. E infine, buon ultimo, un controllo dal Gastroenterologo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 998XXX

Iscritto dal 2009
grazie mille per la sua disponibilità e la sua gentilezza. seguirò i suoi consigli. buona giornata. cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Bene. Del resto mi pare che un po' di colon irritabile glielo avevano gia' diagnosticato: una volta escluso il resto non le rimane che seguire questa strada qui...
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 998XXX

Iscritto dal 2009
lei è davvero gentilissimo. il mio medico curante si ostina a non volermi far fare altri esami, dicendo che probabilmente si tratta di stress. io credo che il non conoscere la causa dei propri mali non faccia altro che aumentarlo questo stress! lei mi è stato davvero di grande aiuto, sopratutto morale. saluti e grazie di nuovo per la sua disponibilità.
[#5] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Il suo Medico fa bene a non sottoporla ad altri esami se ha ragionevolmente escluso cause non riconducibili alla Sindrome del Colon Irritabile. Adesso pero' bisogna fare un passettino in piu', e cioe' trovare la soluzione per tutto questo: non c'e' dubbio che lo stress sia un fattore importante, e che se lo riducesse "non farebbe un soldo di danno", come si usa dire... Pero' ci sono anche altri accorgimenti (dietetici, per esempio...) che potrebbero venir fuori da un colloquio con il Gastroenterologo; il che le permetterebbero di convivere meglio con questo benedetto Colon Irritabile!
Cordiali saluti