Utente 733XXX
salve

pochi giorni fa mio padre ha avuto un'embolia polmonare.Volevo sapere da che cosa puo' essere scaturita questa cosa? Intendo dire le cause.
Non ha mai sofferto di niente,esami del sangue ok .

La mia domanda che io e mia madre ci chiediamo e vi chiediamo e' .. come prevenire certe cose tipo trombi, embolo ? ci sono esami da fare ? cosa si deve monitorare?

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Casullo
24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2005
Gli emboli polmonari originano nell’80-90% dei casi
da trombi formatisi nelle vene profonde degli arti inferiori. Tre fattori possono favorire
lo sviluppo di trombi venosi: la stasi, cioè il rallentamento della circolazione ematica; una lesione dell’endotelio; uno stato di ipercoagulabilità ematica.
La formazione di trombi direttamente nelle arterie
polmonari è rara, salvo che nei pazienti con anemia falciforme e nei tossicodipendenti, che usano
somministrarsi per via venosa farmaci o eccipienti capaci
di produrre vasculiti e trombosi (per es., il talco).
Cordialmente.
[#2] dopo  
Dr. Gabriele De Masi De Luca
24% attività
0% attualità
0% socialità
TRICASE (LE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
La prevenzione degli eventi embolici polmonari viene eseguita solo in determinati casi,...interventi chirurgici recenti, fratture, immobilità prolungata (es. allettamento prolungato), insufficienza cardiaca; ed altresi' quando ci si trova di fronte a patologie congenite interessanti alterazioni a carico del sistema emocoagulativo (mutazioni a carico del fattore V di Leiden o a carico dell' AT III etc ) o altre patologie in cui vi e' un'aumentata ipercoagulabilita' (malattie neoplastiche, sindromi autoimmuni,etc).

In tutti questi casi vengono alterati uno o piu' dei fattori citati dal collega che mia ha preceduto, ovvero stasi ematica, danneggiamento delle pareti vasali e stati di ipercoagulabilita'.

Viene consigliato uno screening trombofilico quando gli eventi embolici colpiscono soggetti giovani, quando tali eventi sono recidivanti o in sedi inusuali, e quando vi sia storia familiare per tromboembolie venose.

Un saluto Gabriele
[#3] dopo  
Utente 733XXX

Iscritto dal 2005
grazie per le celeri risposte.

Volevo aggiungere ... che avendo 30 anni e mio padre colpito da embolia polmonare appunto, devo preoccuparmi ? Dato che la familiarita' e' uno dei fattori?

grazie.

[#4] dopo  
Dr. Gabriele De Masi De Luca
24% attività
0% attualità
0% socialità
TRICASE (LE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Sarebbe utile conoscere l'eta' di suo padre e se vi sono coomorbidita' associate che stanno alla base del disturbo tromboembolico, ...tali valutazioni possono essere messe in atto solo dai colleghi che hanno in cura suo padre,...e stia tranquillo, sicuramente di fronte all'evento che ha colpito suo padre verranno messe in atto tutte le valutazioni del caso.

Comunque consulti a titolo informativo le linee guida dove vengono riportate le situazioni nelle quali e' indicato uno screening per trombofilia.

Un cordiale saluto e augurio di felice anno nuovo

http://www.siset.org/lineeguida/all_pdf/TVPguida.pdf
(Tab 16, pag 49).
[#5] dopo  
Utente 733XXX

Iscritto dal 2005
salve..
vi tengo informati sulle condizioni di mio padre . Fortse domani sara' dimesso dall'ospedale di Latina , i dottori hanno detto che l'embolo non e' partito dalle gambe , probabilmente dai polmoni , e si risertvano di fare ulteriori accertamenti per scongiurare un tumore occulto.

che ne pensate?

grazie