Utente 123XXX
buongiorno da circa una settimana mi ritrovo con una stomatite aftosa piuttosto fastidiosa il medico mi ha ordinato un antisettico per 5 giorni ogni 5 ore e un risciaquo al giorno con colluttorio e cortisone.Oggi pero io finisco la cura e di risultati ne o ben pochi e in piu da tre giorni mi sono comparsi due grossi herpes uno nel labbro superiore e uno su quello inferiore molti gonfi che mi rendono quasi impossibile mangiare...che cosa devo fare???...anche da piu piccola ho avuto problemi di questo tipo quindi sono un po preoccupata...

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Occorre un'altra settimana almeno per vedere la guarigione delle afte, e 15 giorni circa per l'herpes.
Non ci sono farmaci specifici curativi, ma solo applicazioni locali di creme e sostanze varie lenitice in grado di attenuare il disagio; ma sono rimedi dall'efficacia incostante.
[#2] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
il quadro descritto è suggestivo di una gengivo-stomatite erpetica: le afte apparse in cavità orale molto probabilmente sono ulcere erpetiche, ed ora le infezioni sono apparse sul labbro.
Dovrà rideterminarsi con il suo medico curante per una conferma di quest'ipotesi diagnostica ed una terapia adeguata.
[#3] dopo  
Utente 123XXX

Iscritto dal 2009
gentile dr. Palomba,
se si trattasse di una gengivo-stomatite erpetica quali possono essere le cause e nel giro di quanto tempo si puo guarire?
[#4] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
il virus erpetico di tipo I si trasmette attraverso la saliva, cioè per contatto diretto con un altro soggetto che presenta lesioni in atto (sia le croste che il liquido delle bolle sono altamente infettanti)o tramite la saliva di portatori sani: bacio, bere dallo stesso bicchiere, ecc.
Se si interviene con la terapia adeguata i tempi vengono notevolmente ridotti: di solito dai 10 ai 12gg dall'esordio.
Le consiglio di non esporsi al sole.
[#5] dopo  
Utente 123XXX

Iscritto dal 2009
Ierio sono stata dal medico che ha confermato che potrbbe trattarsi diuna gengivo stomatite erpetica, avendo già fatto la cura di antivirale e colluttorio e cortisono il dottore mi a oridinato dei cerottini(Aftab) da mettere nelle ulcere piu grandi...qualche piccolo risultato lo sto avendo...ma puo bastare come cura???
[#6] dopo  
Dr. Filippo Martone
28% attività
0% attualità
16% socialità
MINERBIO (BO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
dicuta con il collega rispetto alla possibilità di utilizzare una sospensione di cicloviran (zovirax), meglio ancora il talavir.
[#7] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
la terapia antivirale va seguita fino alla scomparsa delle lesioni, di solito il ciclo è di 21 giorni: consiglio di evitare l'uso di cortisonici, anche sottoforma di collutori poichè favoriscono l'infezione, abbassando le difese immunitarie locali.
[#8] dopo  
Utente 123XXX

Iscritto dal 2009
il mio medico mi ha solo ordinato i cerottini aftab che o finito ieri di mettere ..adesso le labbra si sono sgonfiate ma le ulcere sonop molto lente nel riassorbirsi ...e normale???'
[#9] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
purtroppo deve avere pazienza perchè siamo nei tempi
cordiali sluti
[#10] dopo  
Dr. Filippo Martone
28% attività
0% attualità
16% socialità
MINERBIO (BO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
solo con i cerottini si
[#11] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
I tempi sono giusti.
I cerottini efficaci solo sui sintomi.
Non c'è nessuna cura per la lesione; passa da sola.
Il cortisone da una parte attenua l'infiammazione, e quindi la sintomatologia (ma i cerottini funzionano meglio) ma dall'altra facilitano il virus nell'aggressione ai tessuti.
Controproducenti, quindi.