Utente 123XXX
Buongiorno,

Da circa tre anni soffro di un forte doloro in fondo alle arcate superiori in seguito a una serie di cure dentali(devitalizzazioni e ricostruzioni con perno).Il dolore interessa anche collo, ossa alla base del cranio, tempie occhio e persistente mal di testa.Viste le diverse ricostruzioni e la mandibola sbilanciata mi sono rivolto ad un ortodonzista con competenza gnatologiche che mi ha subito proposto un bite, ma l' uso di quest ultimo si è rivelato inutile.Dopo una serie di lastre(panoramica e rx del cranio) insieme ad un chirurgo maxillo facciale si accorge di una calcificazione del legamento stilo-mandibolare(sindrome di Eagle)e decide di farmi togliere tutti e quattro i denti del giudizio per fissare un intervento per la rimozione della calcificazione.Al consulto seguente con la presenza del primario della divisione maxillo facciale,in seguito a una visita,cambiano opinione in quanto la calcificazione non veniva sentita alla palpazione e mi propongono un altro bite.Dopo tutto il calvario e le enormi spese, il dolore è sempre peggio, non mi fa lavorare e mi tormenta sempre di più.Gentili signori mi consigliate una clinica specializzata o un consulto neurologico visto che nessuno ha mai pensato di farmi fare un RM e magari di darmi un farmaco per il dolore che sembra volermi comprimermi la testa.

Grazie infinite

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo/ma Sig.re/ra,
se gli specialisti interpellati non Le hanno fornito una diagnosi ed una terapia adeguate, Le consiglio di ritornare dal Suo Medico di Medicina Generale, che potrà suggerirLe ulteriori consulenze e/o analisi.
Potrebbe effettivamente risultare utile una valutazione neurologica, come Lei stessa evidenzia, o di terapia antalgica, sempre su indicazione del Suo curante.
Cordiali saluti