Utente 239XXX
Allora premetto che è una consultazione a fatto gia' avvenuto,cioè la morte di mio padre il 30 agosto 2006 ,vorrei sapere di cosa è morto ,o cmq sapere un parere grazie
passo alla descrizione :mio padre aveva 86 anni da 12 giorni quando è morto il 30 agosto 2006 era sempre a letto da circa 5 mesi per una piaga da decubito (quasi guarita) presa in clinica dove fu ricoverato per una impossibilita' a minzionare (credo si scrivi cosi') per via di false strade hanno dovuto fargli una cistostomia sovrapubica ,con catetere diretto nella vescica premetto che mio padre ebbe un ictus a 67 anni ,da cui si riprese pur camminando con la parte destra ,la piaga era vicino il coccige era lunga circa 10 cm di 3 grado curata quasi guarita con una precisa dieta proteica e continue visite a domicilio di infermieri , ma ai primi di agosto ma gia l'aveva avuto un notevole abbassamento di voce ,12 giorni di morire respirava con la bocca teneva la bocca spalancata ed era come assente,3 giorni prima di morire rigurgito di una cena verso le undici e mezza di sera e circa alle mezzanotte ,colorito sul viola chiaro era il rigurgito direi rosato ,giorno prima di morire per evidente difficolta a respirare sempre bocca aperta lo ricovero tutto ritorna normale ,li riscontrano disidratazione ritorno a casa ,ultimo giorno mattina circa le 5 del mattino ,agitazione bocca aperta chiamo il 118 appena venuti mio padre gli scompaiono questi sintomi ,cosi si decide di restare a casa , ah preciso alle sette diarrea abbastanza copiosa ,l'aveva avuta anche in ospedale , ultima ora di vita evidente stato d'agitazione continua diarrea copiosa (l'aveva avuta anche il giorno prima in ricovero) evidente stato confusionale ,risponde debolmente a miei richiami ,poco dopo entra in uno stato di non risposta ai miei stimoli ,respiro a piccoli sbuffi sguardo fisso occhi spalancati e pupille dilatate ,poi accascia la testa e muore qualcuno puo darmi un minimo di risposta ero solo sono figlio unico ,mi scusi per la crudezza della descrizione ma desidero tanto avere e farmi un'idea di preciso ,un'ultima cosa le scrivo l'ultimo elettro cardiogramma cosi ' per farsi un'idea : BLOCCO ATRIO VENTRICOLARE DI PRIMO GRADO CON BRADICARDIA FC 54/MIN LIEVE DEVIAZIONE ASSIALE SINISTRA CON TURBA FOCALE E CONDUZIONE INTRAVENTRICOLARE .RIPOLARIZAZZIONE NEI LIMITI, IPERTROFIA VENTRICOLATE SINISTRA ,RARI RUMORI POLMONARI ,NON ALTRI SEGNI DI STASI ,questo e.c. fatto il 27 maggio 2006 quindi 27 mesi prima di morire .

GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ernesto Pascale
20% attività
0% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
Quando le condizioni cliniche generali sono cosi precarie a volte basta un episodio come quello della Diarrea a provocare una marcata disidratazine e turbe elettroliche che finiscono per influire in modo determinante sulla già precaria perfusione vacolare cerebrale. Tutto ciò che è stato raccontato nella evoluzione clinica fa propendere per un deficit vascolare cerebrale acuto ed a questo ritengo sia da attribuire la morte di suo padre.
[#2] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2007
GRazie
[#3] dopo  
Dr. Massimo Scorretti
24% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Caro Signore come può ben immaginare è già difficile comprendere, stando vicino al paziente, le cause ultime di morte, figuriamoci facendo un operazione per cosi dire retrospettiva su indicazioni fornite "a braccio". Consideri, tuttavia, che suo padre 86 enne in piena estate e con tutte le patologie di cui soffriva, è stato un paziente che presentava sicuramente degli squilibri idro elettrolitici. Gli anziani che sono in buona salute, normalmente in estate si disidratano per la loro scarsa propensione a bere. La diarrea reiterata ha sicuramente aggravato lo stato di disidratazione e lo squilibrio di cuio sopra. Le scarse condizioni cardiache ed i problemi di vascolarizzazione cerebrale non gli hanno consentito di superare la crisi. verosimilmente il decesso dovrebbe essere attribuito ad un'ingravescente insufficienza cardiaca aggravata dalle turbe idroelettrolitiche.
Questo nelle grandi linee basandomi sulle informazioni da lei ricevute. Purtuttavia il nostro resta un mero esercizio dialettico.
Un Cordiale saluto
Massimo Scorretti
[#4] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2007
Allora il fatto che avesse la bocca spalancata a cosa potrebbe essere addebitato? (ebbe questo sintomo sia 12 giorni prima di morire ,e pochi minuti prima di decedere )
diciamo che è questo sintomo che ha iniziato il suo percorso sino alla morte .

grazie per le risposte