Utente 120XXX
Buongiorno, innanzitutto grazie per il servizio che date.
Nel 2006, a quel tempo avevo 35 anni, mi viene diagnostica vitiligie (presenza di n° 2 macchie chiare, piccole, nel dorso della mano dx) a parere del dermatologo non candidata ad una cura specifica.
Ora, nel 2009, le macchie si sono allargate (unite) e continuano ad ingrandirsi; preciso che l'estensione è di circa cm 3x3, con inizio in altre parti sempre nel dorso della mano dx.
Il dermatologo conferma che per questo tipo di vitiligine (non vasta) non ritiene opportuno prescrivere nessun trattamento, a suo avviso sono soldi buttati.
Lo stesso afferma che visto che l'insorgenza della vitiligine a 35 anni, potrebbe essere dovuta solo a stress, non congenita (preciso che un mio zio ora, a 60 anni, ha la vitiligine parecchio estesa).
Ora mi chiedo, visto il percorso della patologia, devo arrivare ad avere quale estensione delle macchie per iniziare il trattamento?; d'estate la cosa mi crea un po' di disagio.
saluti
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

non comprendo quello che ci scrive: anche una minuta chiazza di vitiligine può essere trattata:

cerchi il suo dermatologo di fiduia per la valutazione e la illustrazione dei migliori presidi (dai raggi UVB narrow band al laser eccimeri ad altro) per trattare la vitiligine

cari saluti