Utente 120XXX
salve, cercherò di esporre nel modo più chiaro possibile il mio problema.

da circa 5 - 6 mesi in contemporanea ed a seguito di una serie di problemi che attualmente sembrino essersi risolti, accuso di tanto in tanto sintomi che a volte mi impediscono di svolgere normalmente la mia vita.

nel gennaio del 2009 inizio ad avere problemi alla gola, che si protraggono nei mesi successivi, cosi che nel mese di luglio dopo aver eseguito tampone faringeo e tonsillare + analisi del sangue (tutto nella norma), mi rivolgo ad un otorinolaringoiatra che mi da una terapia a base di areosol di acqua di sirmione, avendomi diagnosticato una semplice faringo-tonsillite, ma nulla di preoccupante a suo dire(anche se ancora oggi ogni tanto ricmpare anche se lievemente).

nello stesso periodo accuso dolori a livello del fianco destro che si irradiano dietro la schiena, effettuo cosi ecografia addominale nella quale vengono riscontrate alcune adenomiomi alla colecisti, ed un accumulo di renella. l'ecografista dice che non è nulla di preoccupante, dice che basta controllare le adenomiomi di tanto in tanto, e dice inoltre di ber tanta acqua. cosi inizio a bere poco piu di 2 litri di acqua FIUGGI al giorno e dopo circa 3 settimane il dolore inizia a scomparire, faccio una seconda ecografia dove sono ovviamente sempre presenti gli adenomiomi ma per il resto tutto apposto anche a renella risulta sparita. il medico mi dice di assumere di tanto in tanto soluzione schoum per la pulizia delle vie biliari ... ma niente di piu.

tutto questo per arrivare al problema che piu mi preoccupa e che mi crea notevoli disagi, ossia extrasitoli, a volte battito accellerato (mi sembra di notare particolarmente dopo aver mangiao qualcosa) poi peso sulla testa, tremore interno, ansia, dolori alle braccia quasi sembrerebbero alle vene, inoltre respiro corto. dolore a livello del cuore... fitte e non saprei che altro aggiungere... tutti questi sintomi non si manifestano sempre tutti insieme, e addirittura ci sono giornate nelle quali mi sento molto bene come se nulla fosse mai successo. Eseguo vari esami tra i quali elettrocardiogramma, e visita cardiologica nel quale la dottoressa dice che non ce nulla di anormale... solo il pr un po corto, dicendomi che puo essere congenito. nulla di piu . mi consiglia comunque di fare un holter ecg, ecocardiogramma con colordoppler e test da sforzo, esami che faro al piu presto.

cosa ne pensate di questa situazione??

mi hanno detto che tutto puo dipendere da stress, è possibile?

sono un ragazzo di appena 20 anni, e questa situazione mi rende la vita difficile, nel senso che per paura di sentirmi male evito di uscire da casa, di stare con gli amici e quant' altro.

che consigli mi date?

grazie anticipatamente, vi prego di rispondere a questo consulto...

cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Che a 20 anni si possano avere problemi gravi all'apparato respiratorio, a quello renale, a quello gastroenterologico ed anche al cuore, mi pare veramente poco probabile, per cui mi pare possibile che la componente ansiosa possa essere dominante.
Se mi chiede, dal punto di vista cardiologico, se i suoi sintomi possano essere gravi direi di no (anche alla luce della visita con ECG che risulta nella norma).
Se la visita cardiologcia fosse realmente nella norma (e non ho dubbi al riguardo), ritengo anche poco indicati gli ulteriori accertamenti richiesti dal suo curante (mi pare che il cardiologo non abbia richiesto nulla).
Io passo metà del mio tempo, quando sono in ambulatorio ad eseguire esami non indicati , che naturalmente tolgono il posto a persone che invece realmente hanno bisogno di esami cardiologici specialistici allungando abnormemente le liste di attesa, che giustamente fanno inorridire i pazienti.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 120XXX

Iscritto dal 2009
la ringrazio per la risposta, vorrei porle un ultima domanda senza che tornerò a disturbarla nuovamente:

esito dell ecg: ritmo sinusale a FC di 65 bpm. normale conduzione atrioventricolare. conduzione av accellerata (pr < 0.12 sec) in assenza di chiari segni di preeccitazione.


al controllo odierno 4/8/09 la pressione arteriosa è 120/80 mmHg

all ascultazione cardiaca toni puri e pause libere...


detto questo, le parlo da ignorante in materia... dando per buone l'esito dei successivi esami quali ecocardio con colordoppler, holter, e test da sforzo, questo pr corto mi crea qualche vincolo?? o posso tranquillamente fare tutto correre, fare sport, ecc.., posso vivere tranquillamente senza avere nessuna preoccupazione?

grazie nuovamente, e buon lavoro

distinti saluti.
[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Non le pone nessun vincolo, stia tranquillo per quanto possibile e poi sappia che non disturba assolutamente.
A disposizione per ulteriori consulti