Utente 124XXX
Gentile medicitalia
Mia moglie ha contratto un infezione primaria in gravidanza al VI mese. i valori sono:
Citomegalovirus IgG presenti 4927 ("elsa" assenti <230 )
Citomegalovirus IgM presenti 1,208 ("elsa" assenti <0,200 )

Citomegalovirus IgG Avidità 0,21
Riferimento Elsa < 0,20 infezione recenta
0,20-0,80 valori di media avidità
> 0,80 valori di alta avidità
Abbiamo effettuato gia' tutte le analisi come amniocentesi, duo test, strutturale dove non sono stati evidenziati problemi anzi la gestazione era perfetta.
Esiste la possibilita' che il feto non venga infettato con questi dati?
In che percentuale accertata si possono riscontrare problemi con un infezione accertata al feto?
[#2] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività +60
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il rischio di una prima infezione in gravidanza è stimato in 1-4% e il rischio di trasmissione verticale è circa il 40% ,ed è distribuito in maniera equivalente nei tre trimestri.
In ogni caso,si può calcolare che il rischio di una donna,che abbia una prima infezione da CMV in corso di gravidanza,di avere un figlio con un handicap è in toto pari al 7%.
[#3] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
gent.mo dott.Nicola Btlasi
grazie mille per la sua risposta. ci siamo rivolti al centro gravidanze a rischio del II policlinico di napoli dove a breve inizieremo una cura sperimentale con immunoglobuline CMV, abbiamo sospeso eventuale esami invasivi diagnostici come amniocentesi che potrebbero peggiorare la situzione di rischio. Volevo cortesemente chiedere a lei o ad altri colleghi se la terapia con immunoglobuline CMV ha portato a dei risultati incoraggianti.
ringrazio in anticipo tutti i medici che risponderanno
Paolo