Utente 191XXX
BUONASERA MI CHIAMO MANUELA HO 29 ANNI ABITO A NAPOLI
DURANTE IL MESE DI AGOSTO IO E LA MIA FAMIGLIA ABBIAMO AVUTO LA TRISTE NOTIZIA CHE MIA ZIA (LA SORELLA DI MIO PADRE ) è STATA COLPITA DA QUEL MALE CHE TUTTI DEFINIAMO INCURABILE E CHE PURTROPPO NON C'E' NIENTE DA FARE E QUINDI FINO AD ORA I MIEI GENITORI VANNO E VENGONO DA GENOVA (PERCHE' MIA ZIA ABITA LI')
POI PER NON FINIRE QUI HO PERSO LA MIA CARA NONNA IL 15 DICEMBRE PER UNA CADUTA MALDESTRA :ROTTURA FEMORE
VI HO RACCONTATO TUTTO CIO' PERCHE' E' DAL MESE DI AGOSTO CHE PURTROPPO SOFFRO UN PO' DI ANSIA NEL SENSO CHE HO TACHICARDIA,SENSO DI AFFATICAMENTO E RESPIRO CORTO
E MI PULSA LA VENA CHE C'è SULLA PANCIA
SONO STATA VISITATA E HO FATTO TUTTI GLI ESAMI DOVUTI:ELETTROCARDIOGRAMMA,ECOGRAFIA AL CUORE ANALISI DI ROUTINE E NON è USCITO NIENTE
IO LO SO CHE SONO STATI DI ANSIA E SO CHE SE MI VENGONO DEI DOLORI INCONSCIAMENTE
PENSO CHE SIA QUALCOSA DI MALE MA IN REALTA' NON HO NIENTE ALLORA COME POSSO RIUSCIRE A SUPERARE QUESTI MOMENTI???????
GENTILMENTE MI DARESTE UN CONSIGLIO
QUALCHE VOLTA PENSO DI ESSERE MALATA DI MENTE SE PENSO QUESTO COMUNQUE !!!!!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
avere ansia non significa essere malati di mente.

In realtà l'ansia non è altro che una paura un po' più intensa del normale: quindi da un lato essa, in quanto paura, ha un'importante funzione adattiva (ovvero ci insegna quali sono i pericoli da evitare, altrimenti ogni volta che attraversiamo la strada finiremmo sotto una macchina; d'altro canto l'ansia è una paura troppo intensa rispetto all'entità del pericolo, per questo diventa un sintomo disturbante.

In riferimento alla Sua situazione, bisogna dire che in questo periodo Lei sta affrontando una serie di episodi spiacevoli ed emotivamente molto intensi, da qui le sue reazioni d'ansia, caratterizzate da tutta una sintomatologia tipica (es tachicardia, iperventilazione, sudorazione, ecc) che nel suo caso, visti gli esiti negativi degli esami medici, non è da imputare ad un disturbo cardiaco.

Infine, il mio consiglio è che, in questi casi, onde evitare che il problema psicologico progredisca, forse due parole con uno psicologo varrebbe la pena di farle.

Cordialmente

Daniel Bulla
dbulla@libero.it
[#2] dopo  
Dr. Silvio Presta
28% attività
0% attualità
4% socialità
FOLLONICA (GR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Cara ragazza,
una semplice terapia antiansia la aiuterà ad eliminare i sintomi ed a affrontare meglio questo periodo così delicato per la sua famiglia, perciò non esiti a rivolgersi ad uno specialista competente ed esperto in farmacologia dei disturbi d'ansia.
Cari saluti
Silvio Presta

www.silvio-presta-psichiatra.tk
[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
gentile utente,

se non ha effettuato lo screening tiroideo sarebbe il caso di effettuarlo ed in caso di negativita' e' opportuno inserire una terapia antiansia specifica.

Cordiali Saluti
Dr. F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
[#4] dopo  
Dr.ssa Chiara Cimbro
24% attività
0% attualità
8% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
ha già fatto controlli clinici specifici, che la possono tranquillizzare dal punto di vista medico.
Se necessario ne compia altri, ma se i sintomi che ha descritto "non passano", allora le potrebbe essere di aiuto qualche seduta di psicoterapia mirata ad insegnarle tecniche di gestione dello stress e tecniche di contenimento dell'ansia.
In questo la psicoterapia cognitivo comportamentale ha una vasta bibliografia.

Cordialmente,
Dr. Chiara Cimbro.
[#5] dopo  
Dr.ssa Ilenia Sussarellu
40% attività
0% attualità
16% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
comprendo il suo disagio, d’altro canto è assai frequente che dopo situazioni di forte stress l’organismo reagisca aumentando il proprio livello di attivazione.
Tuttavia può capitare che i sintomi che si sono sviluppati conseguentemente a problemi gravi, come nel suo caso, si risolvano spontaneamente nell’arco di qualche mese.
Visto che analisi mediche cui si è sottoposta hanno dato esito negativo se la sua sintomatologia non si riduce entro breve tempo le consiglierei di rivolgersi ad uno psicoterapeuta della sua zona, potrebbe esserle utile anche solo per fare un po’ di luce su ciò che le sta accadendo, e anche di valutare la possibilità dell’aiuto di un farmaco.

Cordiali saluti

Ilenia Sussarellu

[#6] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2006
RINGRAZIO TUTTI VERAMENTE DI CUORE PER ESSERE STATI COSI'
GENTILE E CORTESI NEL RISPONDDERMI
DEVO DIRE CHE FORSE DA QUANDO HO PARLATO CON VOI CHE MI SENTO MEGLIO E QUESTO NON LO DICO PER AUTOCONVINCERMI MA PERCHE' E' LA REALTA'
COMUNQUE IN QUESTI GIORNI DOVRO' FARE GLI ESAMI DEL SANGUE QUELLI DI ROUTINE QUANDO SAPRO' I RISULTATI VE LI DIRO'BUONA SERA A TUTTI
SALUTI MANUELA