Utente 124XXX
Gentilissimi buongiorno,

premetto di essere un uomo di 47 anni, da piu' tempo (2 anni circa) ho riscontrato e, d'allora cercato di evitare rapporti sessuali al mattino appeno sveglio. In tale situazione infatti ogni volta, mentre il rapporto si svolge regolarmente senza problema alcuno, dopo ca. 1 o 2 ore comincio a riscontrare dei dolori addominali presenti a partire dall'altezza dell'ombelico che si diramano verso il lato destro. Tale disturbo e dolore permane solitamente per tutto il giorno causando dei problemi di evacuazione intestinale che di solito poi si risolvono il giorno dopo. Vorrei dunque innanzitutto chiedere se si tratta piu di un problema di andrologia o piuttosto di una specialita' diversa ed ovviamente sapere se tale sintomatologia sia indice di qualche problema interno, ed infine quali accorgimenti prendere e come eventualmente muovermi per cercare una soluzione al problema. Grato per le informazioni che mi vorrete fornire. Distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

quadri clinici particolari come il suo non possono essere affrontati e tanto meno capiti e risolti tramite una semplice e-mail e richiedono sempre una attenta valutazione clinica diretta.

Potrebbe trattarsi di un problema infiammmatorio a livello delle vie uro-seminale ma, detto questo, bisogna poi consultare il suo medico di famiglia che, esaminato in prima istanza il suo problema, potrà eventualmente indirizzarla successivamente verso una più mirata valutazione specialistica andrologica.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,potrebbe essere un problema di competenza gastroenterlogica.
Credo,pero',che sia una buona occasione per incontrare finalmente un andrologo,al fine di valutare le condizioni della prostata e delle vescicole seminali (produttrici maggiori del liquido seminale).Cordialita'.
[#3] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Ringrazio per le risposte offerte e per la tempestività delle stesse.
Cordialità.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

comunque, fatta la valutazione andrologica, ci tenga aggiornati sulle conclusioni diagnostiche e sulle indicazioni terapeutiche che le saranno date.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com