Utente 937XXX
Gent. Dottore, mio padre di 53 ha avuto un infarto circa 10 giorni fa anche se solo oggi ne abbiamo avuto conferma perchè, causa sua inconscienza, si è deciso di sottoporsi ad una coronarografia. Ne è risultata un'arteria gravemente danneggiata tanto che non è stato possibile intervenire con angioplastica per tentare di sbloccarla. I medici hanno detto che dovrà sottoporsi a cura farmacologica, continui controlli e dovrà necessariamente cambiare stile di vita (è sottoposto a notevole stress da lavoro, fuma, ha una vita disordinata). Vorrei capire se in questi casi può risultare necessaria intervenire chirurgicamente e come (bypass?) e quali sono i rischi di eventuali futuri infarti. Molte grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
101860

Cancellato nel 2013
Quasi mai si decide di operare un paziente per un'occlusione di una sola coronaria tranne in casi particolari. Probabilmente la terapia medica è la strada più giusta.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 937XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio dottore.