Utente 124XXX
Buongiorno,
sono a chiederle maggiori informazioni sul cerotto Durogesic: è morfina? in quale stadio della malattia viene somministrato?
aggiungo che la persona coinvolta oltre a mettere il cerotto summenzionato, prende anche :
- lansoprazolo doc 30mg
- soldesam 1 fiala
- naprosyn 500mg mattino e dopo pranzo
- laroxl per dormire (5 gocce alla sera)
- movicol (3 bustine al giorno) poichè a problemi a scaricarsi

mi sa dire qualcosa di preciso su quanto da me descritto?
Grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Scusi se la risposta è un po generica ma comunque lo è anche il quesito.
Non esiste unio stadio preciso di malattia in cui somministarre questo cerotto. Tuttavia alcune localizzazioni di malattia neoplastica possono essere responsabili di sintomatolohgia dolorosa non controllabile solo con farmaci di livello inferiore. Più che mai in questi casi, per la qualità di vita del paziente, indipendentemente dallo stadio di malattia, è utile un oppioide. Di questa categoria di farmaci fa parte la morfina ed altri farmaci ad azione simile, come il fentanil, che tra l'altro è disponibile in questa formulazione transdemica (cerotto) a rilascio continuo.
Non avendo informazioni sul caso in cui è stato prescritto il farmaco non è possibile essere più precisi.
Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
il caso è di un mio parente che si sta sopponendo ad accertamenti per un probabile tumore (per ora ha fatto una risognanza magnetica la quale ha evidenziato una massa retroperitoneale di 10 cm) e si sta attendendo l'esito della biopsia intestinale.
Ha dolori diffusi, pancia, ma soprattutto alle gambe e ha sempre il naso rosso.
Si sa che ha un tumore ma non sappiamo ancora dove sia il tumore stesso, a quale stadio della malattia sia e cosa devono o posso fare, sta di fatto che lui fino ad 1 settimana fa non prendeva farmaci, poi giovedì scorso aveva dolori troppo forti e così han deciso di portarlo al pronto soccorso dell'opsedale dove ha eseguito la biopsia e noi eravamo convinti che lo tenessero ricoverato invece l'hanno mandato a casa con tutta la cura da me sopra descritta.
A me sembra strano che l'abbiano dimesso e in più dimesso con una cura senza che ci abbiano ancora detto dove è il tumore, com è e cosa possono fare, cosa dice lei?
[#3] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
E' troppo poco per esprimersi.
Probabilmente, nell'attesa del risultato della biopsia non era possibile fare null'altro, per cui tenere il paziente ricoverato sarebbe stato inutile e controproducente sia per lui che per altri pazienti in attesa di ricovero.
Per quanto riguara il farmaco antidolorifico in cerotto, la scelta sarà stata comunque preceduta da una verifica di insensibilità della sintomatologia dolorosa ad almeno un analgesico dei più comuni.
[#4] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
esito della biopsia arrivato:
in breve da ciò che ho capito vi è scritto:
lesione paravetrtebrale di 10cm.
cellule tumorali maligne di natura linfomatosa (linfoma atipico).
cellule malgine non epiteliali.

cosa vuole dire ciò?
grazie
[#5] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
La diagnosi è orientata verso un linfoma. Considerate le altre possibili diagnosi che c'erano, questa pur essendo comunque una neoplasia maligna lascia possibilità di cure.
Tuttavia ora è indispensabile che il caso sia valutato di persona con attenzione da un oncoematologo, per cercare di ottenere maggiori dettagli sulla diagnosi istologica (esistono molti tipi di linfoma ed è indispensabile saperlo per la prognosi e la terapia) e definire bene lo stadio della malattia (potrà essere necessario eseguire altri esami indicati in caso di linfoma come una biopsia osteomidollare). Dopo sarà possibile passare alla pianificazione terapeutica.
[#6] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
questa mattina avevano il colloquio con il primario del rparto oncologia per leggere insieme l'esito della biopsia e decidere il dafarsi anche se molto probabilmente gli han detto che dovrà recarsi a Milano al centro tumori.
In ogni caso mi supisce (positivamente) la sua risposta poichè alcuni medici con cui abbiamo parlato han parlato con molto pessimismo, pare che il tumore sia diffuso e già in metatstasi.
Ma cosa significa il termine "non epitelilali"?

ma il termine "di natura linfomatosa" non significa che è diffuso?

Grazie mille
[#7] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
In sintesi: i tumori posono nascere da vari tessuti. Spesso ad esempio nascono da tessuti di rivestimento degli organi cavi (epiteli) e si chiamano carcinomi, da qui possono metastatizzare e non sono più guaribili. Altre volte possono nascere dai tessuti linfatici (linfomi) ed in questo caso essere diffusi a più sedi dell'organismo anche per la semplice capacità celle cellule linfatiche di circolare (non si parla di matastasi ma di tumore più o meno esteso).
I linfomi, o almeno alcuni tipi, posoono essere molto sensibili alla chemioterapia. Può quindi accadere che si possa guarire anche da un linfoma diffuso (dipende dal tipo e da vari fattori).
Ovviamente ci sono molti fattori che possono predire se ci sono possibilità di guarigione ed alla valutazione di questi mi riferivo quando ho detto che un oncoematologo deve valutare bene i dettagli istologici e lo stadio della malattia.

Disponibile ad ulteriori chiarimenti
[#8] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
per ora hanno comunicato lunedì al paziente che ha un tumore maligno (a mio avviso potevano evitare di dirlo al paziente) e l'hanno mandato a casa dicendogli che l'avrebbero chiamato in questi il lunedì sera stesso a massimo martedì perchè si consultavano tra colleghi medici e poi decidevano sul da farsi.
ad oggi non hanno ancora chiamato (molto strano) e nel frattempo abbiamo avuto info da un medico che probabilmente è tumore alle osse ocomunque partito dalla spina dorsale.

Grazie
[#9] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
i medici hanno detto che purtroppo non c'è più nulla da fare. ha un tumore osseo con una massa di 10 cm localizzata nella spina dorsale che preme sui nervi che comandano gli arti inferiori (è per questo che lui ha cominciato con il non muovere più bene un arto inferiore).
purtroppo è questione di mesi, gli faranno un piccolo intervento giusto per diminuire la massa che ha nella spina dorsale e poi se riescono gli faranno 2 o 3 chemio per "tirare avanti" qualche settimana in più.
Tempi??? se arriva a fine anno è un miracolo....

io però le scrivo per chiedere il tumore osseo che tipo di tumore è, qual'è il suo decorso, dolori etc..giusto per prepararsi a cosa ci aspetterà...
Grazie
[#10] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Per me, come per qualunque altro oncologo che legge quanto scritto qui, è molto difficile capire anche solo di cosa si tratta. Era comparso il termine di linfoma e, sia pur con la necessità di chierirne il tipo, rimaneva la prospettiva di una malattia chemiosensibile. Ora appare il termine tumore osseo (ma ne esistono numerosi tipi con prognosi diverse). Lei è in possesso di un referto istologico dettagliato? Glielo chiedo proprio pe capire e cercare quindi di aiutarla spiegandole la situazione.
[#11] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
è possibile che si tratti di un carcinoma peritoneale?
Grazie per un riscontro
[#12] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Lei mi pone domande che richiedono informazioni che non mi ha dato.
Mi riporti un esame istologico dettagliato oppure il contesto in cui viene citata ogni ipotesi di diagnosi di tipo di tumore che è stata fatta.
Sono abituato a fere ipotesi in casi come questo ed ha stabilire gli esami per verificarle, tuttavia ciò accade con tutta la documentazione davanti, in particolare con le immagini radiologiche e tutti i veri referti.
[#13] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Purtroppo non ho a disposizione il referto dell'esame istologico, ma le dico colo che nellaparte finale vi era scritta la seguente dicitura:
cellule tumorali maligne di natura linfomatosa (atipiche e non epiteliali).

Quel che è certo (risultato dalla risonanza magnetica) è che ha una massa di 10cm per 2cm di altezza nella spina dorsale (non so tra quali vertebre) e che lui giorno per giorno sta peggiornado.
Ora ha tutta la bocca ammalata con crosticine esterne alle labbra e vescichette interne (ciò può essere dovuto ai vari farmaci che prende e alla morfina in cerotto)?
ora gli da fastidio anche la luce e poi ha male alle gambe.

lo fanno andare 2 volte alla settimana in ospedale e per ora a parte al biopsa che hanno fatto, gli hanno eseguito solo esami e basta.
Ieri hli han detto che è disidratato e che venerdì deve tornare perchè gli fanno delle flebo e dovrà restare in ospedale tutto il giorno.

Loro han parlato di tumore alle ossa non operabile...

Attendo suo riscontro
[#14] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Mi dispiace ma il quadro non è comprensibile. All'inizio si parla di linfoma, poi di tumore osseo. Esistono in effetti anche i linfomi dell'osso. Tuttavia per i linfomi si possono fare tentativi di trattamento chemioterapico.
Forse il problema è che il paziente è troppo debilitato per sopportare il trattamento.
Questo è quello che posso ipotizzare.
Forse è meglio chiedere ai medici che l'hanno in cura un colloquio dettagliato.
[#15] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Ritornando a noi e facendo una ttimo il punto della situazione: ora dopo avergli fatto una tac con liquido di contrasto, l'hanno ricoverato ieri e l'hanno portato in sala operatoria, l'hanno anestetizzato e gli han fatto 3 tagliettini nella pancia per prelevare altro tessuto.
Ora resta là 3 giorni e poi viene casa...
Ma perchè un'altra biopsia?
e della massa di 10 cm che ha nella spina dorsale cosa?perchè quella non la considerano nemmeno?

per me lo stanno solo illudendo facebdogli esami su esami ma non c'è più nulla da fare....
Grazie per un riscontro
[#16] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Mi dispiace, ma non riesco ad interpretare bene ciò che mi descrive e non vorrei fare ipotesi fuorvianti. Ma perchè non chiede chiarimenti e semplici spiegazioni sul significato delle procedure che vengono eseguite e sui programmi per l'immediato.
[#17] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Forse ora avendo a portata di mano alcuni referti posso darle informazioni più chiare e dettagliate:
premetto che ieri ha iniziato il 1° ciclo di chemio e gli hanno rilasciato la seguente documentazione:

-il paziente è affetto da linfoma a larghe cellule B (risposta solo telefonica) III stadio B Bulk addominale IPI ad alto rischio.
Sono previsti 6-8 cicli di chemioterapia RCHOP con valutazione intermedia dopo 4 cicli.

e poi c'è tanto altro, può iniziare a darmi una valutazione basandosi su quanto sopra riportato?

Grazie per un riscontro al più presto
[#18] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Aggiungo anche che ha alcuni valori del sangue fuori posto:

leucociti 15,14
eritrociti 3,84
emoglobina 10,7
ematocrito 32,6
neutrofili 12,9
monociti 1,2
piastrine 551
urea53
cratinina 135,2

in più l'altra notte è stato portato all'ospedale di urgenza perchè era compraso un edema alle gambe scroto e addome.
Esame obiettivo: linfonoso 1,5cm in ascella dx
edema importante addome scroto e gambe.

[#19] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
ora la diagnosi è chiara e la terapia e altrettanto chiara ed appropriata.
Riguardo all'evento avverso che mi descrive, sembrerebbe, (anche se non è per niente facile nè giustificato fare ipotesi diagnostiche via web) sia una complicazione del trattamento.
Potrebbe chiedere ai medici che lo seguono, se si è trattato della cosiddetta "sindrome da lisi tumorale".
Non è possibile dire di più, anche perchè il valore della creatinina che mi riporta forse non è stato copiato correttamente.
[#20] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
la diagnosi a lei è chiara, ma io vorrei che lei mi desse delle spiegazioni al referto da me descritto ossia:
-il paziente è affetto da linfoma a larghe cellule B (risposta solo telefonica) III stadio B Bulk addominale IPI ad alto rischio.
Sono previsti 6-8 cicli di chemioterapia RCHOP con valutazione intermedia dopo 4 cicli.

cosa significa ciò? proposettive di vita e di guarigione?

Il valore della creatinina è 56.
[#21] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
La diagnosi è quella di un linfoma non hodgkin ad alto grado. Ciò vuol dire: malattia molto aggressiva e quindi ad alto rischio di evoluzione sfavorevole in tempi brevi. Ci sono tuttavia delle possibilità di guarigione, infatti i linfomi molto aggressivi sono un po come un esercito comandato da un generale stupido che lancia tutti i suoi uomini all'attacco contemporaneamente, che quindi possono essere sterminati con alcune bombe (RCHOP) lanciate al momento giusto.
Scusi la metafora, ma se il generale è un poco più furbo e mantiene uomini di riserva, la malattia potrebbe andare avanti nonostante la chemioterapia.
Non mi chieda però le percentuali di guarigione o di insuccesso. Faccia esprimere gli oncologi o ematologi che seguono da vicino il caso.
Per quanto riguarda la creatinina anche quasto valore è inverosimile a meno che non si tratti della "clearance della creatinina": se lo faccia interpretare da un medico che può leggere il referto del laboratorio con i propri occhi.
Cordiali Saluti
[#22] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Ma in presenza di un tumore così aggressivo si tenta sempre di fare la chemioterapia, o la si fa solo per allieviare un pò il "male" e sare una qualche illusione al paziente?

Perchè da quanto abbiamo potuto capire, gli fanno la chemioterapia solo per sistruggere un pò la massa che ha nella spina dorsale di 10cm x 2,5 di diametro che altrimenti lo porterebbe a non camminare più nel giro di qualche settimana.
Invece con la chemio questo stadio lo posticiperebbero di qualche settimana.

Mi dica almeno (in generale) quanta percentuale di vita c'è in casi come questi.

Un'altra informazione, cosa significa Bulk addominale?
Il valore era rifertio alla "clearance della creatinina".
come mai è così importante il valore della creatinina?

Grazie per un riscontro
[#23] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
ora posso darle l'esito corretto della creatinina:
S- Creatinina 1,53 mg/dl
S- Creatinina 135,2 micromol/L

grazie
[#24] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Per fortuna la creatinina è solo di poco fuori norma.
Il valore era importante in rapporto al suo quesito iniziale sugli effetti postchemio che hanno richiesto il ricovero, i quali, per come me li ha presentati, potevano far pensare ad una complicanza renale (la creatinina misura appunto la funzione renale).

Come le ho spiegato con la mia metafora bellica la situazione è critica ma in qualche caso può andare bene.

Per dire di più dovrei essere con i medici che lo stanno curando e vedere tutto da vicino. Quindi non posso esprimermi in percentuali.

"Bulky" si riferisce alla presenza di "grossa" massa, in questo caso nell'addome.
[#25] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
le mando altri dettagli.
nella carta del rilascio del 1° ciclo di chemio avvenuto pochi giorni fa vi è anche scritto:

Inizio chemioterapia con Mabthera al giorno + 8 per estensione di malattia con Adriamicina ridotta per cardipatia dilatativa.
esame obiettivo: linfonodo di 1,5cm in ascella dx
edema importante addome scroto e gambe
Hb 10.7 gr/dl
GB 15.14 x10/l
Form.leuc. N80L10M10
PLT 551 x 10/l

a casa deve seguire la seguente terapia:
Solumedrol 125mg 1 f al giorno e diflucan 100mg 1 cp al giorno.

[#26] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
le mando altri dettagli.
nella carta del rilascio del 1° ciclo di chemio avvenuto pochi giorni fa vi è anche scritto:

Inizio chemioterapia con Mabthera al giorno + 8 per estensione di malattia con Adriamicina ridotta per cardipatia dilatativa.
esame obiettivo: linfonodo di 1,5cm in ascella dx
edema importante addome scroto e gambe
Hb 10.7 gr/dl
GB 15.14 x10/l
Form.leuc. N80L10M10
PLT 551 x 10/l

a casa deve seguire la seguente terapia:
Solumedrol 125mg 1 f al giorno e diflucan 100mg 1 cp al giorno.

[#27] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
le chiedo di darmi riscontro appena possibile anche in base a quanto da me dettagliato nella mail del 25.09.09 alle 15.01.

Grazie mille
[#28] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Consideri per favore che questa mia attività, come per tutti colleghi del sito è da volontari (!!!) e si svolge nei nei pochi momenti liberi al di fuori di lunghi ed intensi turni di lavoro nei nostri ospedali.
Per cui non è possibile chiedere e pretendere "riscontri" immediati come se ci si rivolgesse ad un ente pubblico o privato.
I dettagli che ha aggiunto non mi offrono necessità di aggiungere una virgola a quanto ho già detto.

E' indispensabile invece chiedere un colloquio dirimente ai medici che hanno in cura il suo parente che con le domande giuste ed in poco tempo le offriranno la possibilità, oltre che il diritto, di sapere tutto ciò che vuole.
Cordiali Saluti
[#29] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Salve, a distanza di 2 mesi rieccomi di nuoo qui.
Il paziente interessato ha ormai terminato 5 cicli di chemioterapia in cui è stato in fasi alterne, bene e male.
E' dimagrito quasi 20kg ed è sempre tutto il giorno steso sul divano in quanto ha male alle gambe e fa fatica a reggersi in piedi.
In compenso non si è mai sentito male e/o comunque le chemio anzi lo facevano stare meglio per 2 o 3gg.
terminate le 4 chemio hanno eseguito la TAC dalla quale dicono che la massa è diminuita di 4cm.
E' una situazione strana, in quanto a settembre avevano detto che sarebbe stato un male veloce senza scampo e ora dicono che la massa si è ridotta...
Le chiedo di darmi un suo parere su quanto sopra.
Grazie mille
[#30] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Il fatto che la malatia si sia ridotta indica che è stata parzialmente sensibile alla chemioterapia. Il dato è sfavorevole dal punto di vista di non poter contare su una malattia tanto sensibile da scomparire in seguito a chemioterapia. Di favorevole c'è che si è ridotta e quindi si è evitata una evoluzione rapida verso il peggio.
Bisognerà osservare come la malattia evolve nell'immediato futuro per tentare di contrastarla finchè è possibile, pur non potendo sconfiggerla.
Cordiali Saluti
[#31] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
dice che questo tipo di tumore è inguaribile?
da cosa deduce ciò?
[#32] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Le scrivo per darLe aggiornamenti a riguardo:
siamo arrivati al 6° ciclo di chemioterapia.
Il paziente è arrivato a pesare 60kg ed è molto debilitato anche se non ha più dolori (almeno quello).
Ora da qualche giorno urina sangue e gli è cresciuta una pallina annastanza grande al linguine.
Mi sa dire qualcosa a tal proposito?

Grazie mille
[#33] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
E' una cosa da valutare di persona con una visita.
[#34] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Ma secondo lei di cosa si potrebbe trattare?
il sangue nelle urine?
e la pallina al linguine?